Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)





New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Recensioni della critica musicale all'album "Michael"

Last Update: 11/16/2011 4:29 AM
Email User Profile
Post: 263
Registered in: 7/24/2009
Gender: Female
Number Ones Fan
OFFLINE
12/8/2010 4:32 PM
 
Quote

errata corrige: sono (anche adesso) SCONVOLTA , non scolvolta ......
Email User Profile
Post: 146
Registered in: 8/29/2009
Location: ROMA
Age: 39
Gender: Male
The Essential Fan
OFFLINE
12/8/2010 9:32 PM
 
Quote

8/12/2010

Da: Excite - musica

MICHAEL, Le reazioni dei critici musicali:

Deve ancora uscire, Michael. Eppure continuano a saltar fuori sorprese e colpi di scena inattesi. Oltre che il tira e molla sull'identità di alcune parti vocali dei pezzi inclusi in scaletta, secondo la famiglia non attribuibili al defunto Michael Jackson. Anche se, a quanto pare e ritocchi a parte, è tutta farina del suo sacco.

Adesso si viene a sapere che oltre ai collaboratori già noti (Akon, 50 Cent, Lenny Kravitz) nel disco si sente anche la batteria di Dave Grohl, storico componente dei Nirvana e leader dei Foo Fighters. Grohl suona il suo strumento nel pezzo (I Can't Make It) Another Day, che ospita appunto Kravitz alla chitarra.

Come noto l'album, per il quale l'attesa è caldissima, uscirà il 10 dicembre prossimo (inizialmente era previsto per il 14) e secondo molti, per quanto non brilli di una luce particolare, soddisferà chi sia ancora in cerca del vecchio Jacko. Molte cose erano già sentite: il primo singolo Hold my hand, rivisto poi da Akon, era già disponibile dal 2008, così come il pezzo con Kravitz, (I like) The way you love me, ballata del 2004 era un demo nella Ultimate collection. E ancora in rete si trovavano, in versioni evidentemente non definitive, Breaking news, Keep your head up e la conclusiva Much too soon.

Le reazioni dei critici musicali sono altalenanti: 'L'album di canzoni inedite che uscirà il dieci dicembre si intitola semplicemente Michael, ha una copertina tanto per dire (un collage di sue immagini famose) ma impacchetta senz'altro il miglior Michael Jackson dai tempi di Dangerous, roba di un secolo fa perché uscì nel 1991 quando il mondo era foderato di grunge e la gente voleva Kurt Cobain santo subito' scrive Paolo Giordano del Giornale. 'Quanto al cd, ovviamente non è paragonabile ai tempi d'oro di Thriller o Bad – ribatte Marco Molendini del Messaggero – anzi gli arrangiamenti sono molto diseguali, i pezzi non brillano per originalità, sono quasi fuori tempo, antichi, e su tutto il disco aleggia un velo di tristezza. Ma chi vuole ritrovare Jacko lo ritroverà'.

'Pur nei limiti di una compilation realizzata da altri mantiene punte di interesse notevoli, in grado di bissare il successo di This is it, la colonna sonora del film sui mancati concerti della 02 Arena di Londra' scrive su Repubblica Carlo Moretti. Chiude Silvia Boschero sull'Unità: 'Le premesse non erano buone [...] Invece il disco postumo del Re del pop, semplicemente intitolato Michael e in uscita il 10 dicembre, non è affatto male'.

musica.excite.it/michael-le-reazioni-dei-critici-musicali-N59...

Basta Billie Jean
Email User Profile
Post: 2,359
Registered in: 8/20/2009
Gender: Female
Dangerous Fan
OFFLINE
12/9/2010 10:03 PM
 
Quote

Fantastico Joe Vogel .....e mi complimento con me stessa perchè ho azzeccato sulla registrazione di "Much Too Soon"....certo le demo avrebbero potuto metterle...!




Email User Profile
Post: 415
Registered in: 11/25/2009
Location: PALERMO
Age: 30
Gender: Female
Invincible Fan
OFFLINE
12/10/2010 3:40 PM
 
Quote

Scusate, sapete dirmi cosa sono quelle foto di post-it che si trovano all'interno della copertina del cd?? e soprattutto che c'è scritto? non riesco a capire bene la scrittura =(
Email User Profile
Post: 2,103
Registered in: 7/30/2009
Location: MILANO
Age: 33
Gender: Female
Dangerous Fan
OFFLINE
12/11/2010 1:03 AM
 
Quote

ALT FERMI TUTTI: parla il TIME

Pare che la recensione sia mooolto positiva (e detta dal Time vuol dire molto) se qualcuno può tradurre ha la mia stima [SM=g27828]

The New Michael Jackson Album: Not Bad, but Pretty Good

The Michael Jackson who rises from the mausoleum on Michael isn't all that dissimilar from one who left us last year. On the first of a projected 10 (yes, 10) posthumous albums, Jackson is heard alternating between his two long-standing personas: the wide-eyed purveyor of idealized love and the embittered, self-pitying victim of a fixated media. His affection for treacle and sentiment still runs rampant, his voice still slips into a buttery soprano, and he still uses rock guitars to indicate "rage" and gospel choirs to announce "inspiration."

Jackson, of course, wasn't around to finish the bulk of these ten tracks, which were recorded as far back as the early '80s and as recently as just before his 2009 death. But the producers who helped him have clearly studied what made Jackson's music so singular. Michael isn't an Off the Wall or a Thriller; by 2009, those days are as long gone as his red zippered jacket. But given its stitched-together makeup — new tracks built around Jackson's voice — neither is it an embarrassing, Frankenstein-pop monster. Against all odds, including Jackson's iffy output in the two decades before his death, it's a shockingly credible record — a carefully assembled recreation of his finest moments as a solo artist and a reminder of why we cared about him to begin with.

Starting with Dangerous and continuing through HIStory and Invincible, Jackson clearly grappled with ways to reboot his sound in a world dominated by hip hop. He tried new-jack beats, guest rappers, and Notorious B.I.G. samples, which only made his music feel earthbound. In death, Jackson is gliding on air again. With their crisp rhythms and a dearth of the bombast that bloated so much of his post-Thriller work, the best songs here evoke his music's lithe, whooshing agility. "Hollywood" has the coasting-on-air quality of classics like "Billie Jean," while "(I Like) The Way You Love Me" (an earlier, unfinished version of which appeared on a 2004 compilation) follows in the footsteps of "The Way You Make Me Feel," with warmer, less processed harmonies.

That song and "Best of Joy" were both co-produced by Theron "Neff-U" Feemster, whose silky work with Ne-Yo is a perfect match for Jackson. Intentionally or not, Michael posits the intriguing possibility that Jackson, had he lived, could have made a musical comeback: thanks to acts like Ne-Yo and Beyonce, R&B has swung back around to his less beat-heavy, more melodic grooves.

Jackson even sounds liberated vocally. The clipped, clenched-teeth phrasing that strangled later duds like "Scream" is rarely heard. For most of the album, he sounds, once again, like he's just singing. Even on the dank, gothy "(I Can't Make It) Another Day" — another rock merger, this time a decade-old collaboration with Lenny Kravitz — his vocals rarely sound strained. When the first track from the album, "Breaking News," was released, a family member declared that the voice wasn't Jackson's — a claim Jackson's lawyers and former producers shot down. Although his voice is sometimes smothered on Michael, the carefully poised phrasing heard throughout it could be no one else. (The recurring trademark "whoo!"s, though, feel like samples lifted from his older records.)

But if Michael is a promise-filled look at what might have been, it also a reminder that Jackson wasn't the same artist he once was. Down to its vampy vibe, "Monster" works hard to recreate the mood of "Thriller," albeit with the far less scary 50 Cent instead of Vincent Prince (and a less memorable hook). The monster in the title is the paparazzi, who'll "eat your soul like a vegetable," Jackson warns. He harps on that topic both here and on the even more self-important "Breaking News" — a sign that as a lyricist, he was running in circles, trapped in a cramped world of his making. The love songs feel more generalized than ever, and his moralism about the evils of showbiz gets genuinely tacky on "Hollywood," in which he scolds a teen runaway for "giving hot tricks to men." One of the album's most revealing moments comes in "Keep Your Head Up," a wide-screen inspirational ballad that's another variation on his "Heal the World" mode. It's about a working mother, but when Jackson sings, almost breathlessly, "I can't even breathe/I can't even see!" he could be talking about himself.

Michael's finest moment isn't the dull current single "Hold My Hand," on which the rapper Akon is featured nearly as much as Jackson. That honor goes to "Behind the Mask." Again, Jackson sounds youthful, energized, and alluringly snappish; again, the music has an assertive, effortless drive, aided by a sample from the defunct Japanese electronic band Yellow Magic Orchestra. "Who do you love?" Jackson pleads with a yearning intensity he hadn't mustered in years.

Sadly, there's a reason for that: "Behind the Mask" dates back to the Thriller sessions. Much like Thriller did with his record sales, this vintage leftover casts an imposing shadow over this "new" album — and makes you wonder if the nine albums to come can maintain even the unexpected merits of Michael. But for now, at least, Jackson receives the acceptable send-off he deserved.


www.time.com/time/arts/article/0,8599,2036294,00.html#ixzz1...

[Edited by ValentinaMJ 12/11/2010 1:08 AM]





Email User Profile
Post: 1,180
Registered in: 3/20/2010
Location: MONTEVARCHI
Age: 52
Gender: Female
HIStorical Member
HIStory Fan
OFFLINE
12/11/2010 9:50 PM
 
Quote

Eccomi qua con la traduzione della recensione del Time [SM=g27822]
Noterete che a questo signor David Browne piacevano molto Thriller e Off The Wall [SM=g27824]



Il Michael Jackson che sorge dal mausoleo su "Michael" non è poi così dissimile da quello che ci ha lasciati lo scorso anno. Nel primo dei previsti 10 (sì, 10) album postumi, si sente Jackson nei suoi due ruoli alternativi: il fornitore con gli occhi spalancati di amore idealizzato e l'amareggiata e autocommiserata vittima di media fissati su di lui. Il suo affetto per la melassa e il sentimento corre ancora dilagante, la sua voce scivola ancora in un melenso soprano, e usa ancora le chitarre rock per indicare "rabbia" e cori gospel per annunciare "ispirazione".

Jackson, naturalmente, non c'era per finire la maggior parte di questi 10 brani, che sono stati registrati dai primi anni '80 fino al recente passato, nel 2009, poco prima della sua morte. Ma i produttori che lo aiutavano hanno chiaramente studiato ciò che rendeva la musica di Jackson così singolare. "Michael" non è un "Off the Wall" o un "Thriller"; nel 2009, quei giorni erano lontani quanto la sua giacca rossa con la zip. Ma dato il suo makeup cucito insieme - i nuovi brani sono costruiti intorno alla voce di Jackson - non è nemmeno un imbarazzante, mostro pop alla Frankenstein. Contro ogni probabilità, considerando l'incerta produzione di Jackson nei due decenni prima della sua morte, è un disco sconvolgentemente credibile, una ricreazione opportunamente assemblata dei suoi migliori momenti come artista solista e un richiamo al perché tenevamo a lui, per cominciare.

A partire da "Dangerous" e continuando fino a "HIStory" e "Invincible", Jackson è stato chiaramente alle prese con il rinnovo del suo sound in un mondo dominato dall'hip-hop. Ha provato ritmi new-jack, con artisti rapper e campionature di Notorious BIG, che hanno reso la sua musica più vicina, più terrena. Nella morte, Jackson vola di nuovo verso il cielo. Con i loro ritmi freschi e una carenza dell'enfasi che gonfiava così tanto il suo lavoro post-Thriller, le migliori canzoni qui evocano la sua flessuosa, sibilante agilità musicale. "Hollywood" si libra nell'aria al pari di classici come "Billie Jean", mentre "(I Like) The Way You Love Me" (una precedente versione incompiuta è apparsa su una compilation del 2004) segue le orme di "The Way You Make Me Feel", con più calore, meno armonie elaborate.

Quella canzone e "Best of Joy" erano entrambe co-prodotte da Theron "Neff-U" Feemster, il cui setoso lavoro con Ne-Yo ha fatto di lui un partner perfetto per Jackson. Intenzionalmente o no, "Michael" pone l'intrigante possibilità che Jackson, se fosse vissuto, avrebbe potuto fare un ritorno musicale: grazie a personaggi come Ne-Yo e Beyoncé, l'R & B è oscillato di nuovo verso il suo ritmo meno pesante, al groove più melodico.

Jackson sembra anche emancipato vocalmente. Lo smozzicato fraseggio a denti stretti che ha strangolato fiaschi come "Scream" si sente raramente. Per la maggior parte dell'album, sembra, ancora una volta, che stia semplicemente cantando. Anche sulla potente, gotica "(I Can't Make It) Another Day" - un altra fusione rock, un brano di dieci anni fa in collaborazione con Lenny Kravitz - la sua voce raramente suona forzata. Quando il primo brano dell'album, "Breaking News", è stato rilasciato, un membro della famiglia ha dichiarato che la voce non era di Michael, ma una dichiarazione di avvocati ed ex produttori di Jackson l'ha smentito. Anche se la sua voce a volte è coperta in "Michael", il sicuro fraseggio attentamente ascoltato non potrebbe essere di nessun altro (i ricorrenti Whoo! che lo contraddistinguono, però, si sente che sono campionature dai suoi dischi più vecchi.)

Ma se "Michael " è uno sguardo pieno di promesse a quello che avrebbe potuto essere, è anche un promemoria che Jackson alla fine non era lo stesso l'artista che era una volta. Con la sua sensazione dark, "Monster" lavora duramente per ricreare l'atmosfera di "Thriller", anche se con il molto meno spaventoso 50 Cent al posto di Vincent Price (e un aggancio meno memorabile). Il mostro nel titolo rappresenta i paparazzi, che ti "mangiano l'anima come un vegetale," Jackson mette in guardia. Lui insiste su questo argomento sia qui che sull'ancor più pomposo "Breaking News" - un segno che, come paroliere, stava girando in tondo, intrappolato nel suo creare in un mondo angusto. Le canzoni d'amore sembrano più generalizzate che mai, e il suo moralismo sui mali del mondo dello spettacolo diventa veramente di cattivo gusto in "Hollywood", in cui egli rimprovera un'adolescente in fuga di "ingannare maliziosamente gli uomini". Uno dei momenti più rivelatori dell'album arriva con "Keep Your Head Up", una ballata ispiratrice a tutto schermo che ci dà un'altra variazione sul suo stile "Heal the World". Si parla di una madre che lavora, ma quando Jackson canta, quasi senza fiato, "non riesco nemmeno a respirare Non riesco neanche a vedere!" potrebbe parlare di se stesso.

Il momento più bello di "Michael" non è lo scialbo attuale singolo "Hold My Hand", sul quale il rapper Akon appare quasi quanto Jackson. Questo onore spetta a "Behind the Mask". Anche in questo caso, Jackson sembra giovane, eccitato e allettantemente aggressivo. Di nuovo la musica ha un assertiva energia senza sforzo, aiutata da una campionatura della band elettronica giapponese, ora sciolta, Yellow Magic Orchestra. "Who Do You Love?" chiede Jackson con una intensità di desiderio che non aveva chiamato a raccolta negli anni.

Purtroppo c'è una ragione per questo: "Behind the Mask", risale alle sessioni di Thriller. Molto simile a come Thriller ha fatto con il record di vendite di Jackson, questo avanzo d'annata getta un'ombra imponente sul nuovo "album" e ci fa chiedere se i nove album a venire saranno in grado di mantenere i meriti inaspettati di "Michael". Per ora, almeno, Jackson riceve l'accettabile saluto che si meritava.


Email User Profile
OFFLINE
12/12/2010 6:37 PM
 
Quote

Ma se "Michael " è uno sguardo pieno di promesse a quello che avrebbe potuto essere, è anche un promemoria che Jackson alla fine non era lo stesso l'artista che era una volta. Con la sua sensazione dark, "Monster" lavora duramente per ricreare l'atmosfera di "Thriller", anche se con il molto meno spaventoso 50 Cent al posto di Vincent Price (e un aggancio meno memorabile). Il mostro nel titolo rappresenta i paparazzi, che ti "mangiano l'anima come un vegetale," Jackson mette in guardia. Lui insiste su questo argomento sia qui che sull'ancor più pomposo "Breaking News" - un segno che, come paroliere, stava girando in tondo, intrappolato nel suo creare in un mondo angusto. Le canzoni d'amore sembrano più generalizzate che mai, e il suo moralismo sui mali del mondo dello spettacolo diventa veramente di cattivo gusto in "Hollywood", in cui egli rimprovera un'adolescente in fuga di "ingannare maliziosamente gli uomini". Uno dei momenti più rivelatori dell'album arriva con "Keep Your Head Up", una ballata ispiratrice a tutto schermo che ci dà un'altra variazione sul suo stile "Heal the World". Si parla di una madre che lavora, ma quando Jackson canta, quasi senza fiato, "non riesco nemmeno a respirare Non riesco neanche a vedere!" potrebbe parlare di se stesso.



La verità fa male eh? Ma prendetele anche voi qualche volta....E finitela con l'ipocrisia di dirvi vicini ai poveri lavoratori....voi che fate soldi ommaggiando il potere!
Parlare poi di cattivo gusto è strabiliante!
[Edited by Victoryfan 12/12/2010 6:37 PM]
Email User Profile
Post: 156
Registered in: 8/5/2009
Location: RIMINI
Age: 107
Gender: Male
The Essential Fan
OFFLINE
12/12/2010 11:33 PM
 
Quote

" Parlare poi di cattivo gusto è strabiliante " concordo perfettamente, anzi cambierei l'aggettivo...RIDICOLO e PRESUNTUOSO !
Email User Profile
Post: 1,223
Registered in: 3/20/2010
Location: MONTEVARCHI
Age: 52
Gender: Female
HIStorical Member
HIStory Fan
OFFLINE
12/20/2010 2:18 PM
 
Quote

Avendo la brutta abitudine [SM=g27824] di leggere ogni tanto il sito del New York Times mi sono imbattuta per caso nella recensione di "Michael" fatta per lo stesso NYT da Jon Pareles, critico musicale molto famoso e protagonista di un'intervista dopo la morte di MJ, riportata anche in questo forum ( mjj.freeforumzone.leonardo.it/discussione.aspx?idd=8685621 ).

Potevo non tradurla? Potevo, ma l'ho tradotta lo stesso [SM=g27828] , giusto per dovere di cronaca, data l'importanza del personaggio e della "sede" della recensione, e perché si distingue rispetto a quelle totalmente pro "Michael" e quelle totalmente contro...


Un efficace momento di "Michael", il primo album postumo di Michael Jackson, è un frammento che non sarebbe mai apparso nel corso della sua vita: uno scorcio del backstage di un performer che si sforzava sempre di apparire perfettamente curato.

Deve essere un estratto da una demo. All'inizio di "(I Like) The Way You Love Me", la voce di Jackson annuncia: "Ehi, questo è il tempo, e questa è la melodia". Canta un verso, per passare poi al beat-boxing. Come inizia il brano completamente arrangiato lui riappare cantando la melodia, invariata ma ora in hi-fi: una versione in studio del brano che aveva in testa. Come "This Is It", il documentario del 2009 delle prove per i 50 spettacoli del ritorno alla O2 Arena di Londra - quelli che non visse abbastanza per fare - è una possibilità di vedere l'essere umano, il lavoratore esperto e motivato, dietro la superstar.

È così che Jackson avrebbe pubblicato la canzone se fosse vissuto? Ovviamente è impossibile saperlo. Questa questione pende su tutto "Michael", che è il primo album in un contratto di sette anni tra l'estate di Jackson e la Sony Music, il valore del quale è riferito essere di 250 milioni di dollari, per far uscire materiale inedito, probabilmente video oltre alla musica.

Ci sono state segnalazioni che Jackson abbia lasciato centinaia di canzoni inedite. Eppure, se "Michael" è un'indicazione, la sua carriera postuma non sarà semplicemente una questione di rivelare ciò che era nei suoi archivi, ma anche di trasformare il materiale in un prodotto commerciale attuale: finire le canzoni che aveva iniziato quando era in vita, ipotizzando le sue intenzioni e sperando di fare onore alle sue ispirazioni. Lui ballò con gli zombie nel video di Thriller, ora ritorna, rianimato. "Michael", francamente, non è un grande inizio.

L'album ha appena 10 canzoni e 42 minuti di musica, mezz'ora più breve rispetto al suo precedente album in studio. Jackson aveva lavorato con produttori di successo come Rodney Jerkins, il collaboratore di Lady Gaga Red One e William dei Black Eyed Peas; nessuno di questi brani è su "Michael".

L'album non comprende "This Is It", la canzone ricostituita per il documentario. In origine, apparentemente è stata una sorpresa per l'estate di Jackson, si chiamava "I Never Heard", scritta da Jackson e Paul Anka e registrata da Safire. Né svela l'outtake di "Thriller" di cui si è parlato a lungo "Don't Be Messin 'Around", o altre canzoni attribuite a Jackson che sono emerse online. Quello che "Michael" include è più reiterazione che rivelazione. Quasi un anno e mezzo dopo la sua morte si presenta come un lavoro frettoloso - o anche solo di avanzi.

"Michael" non ha timore di utilizzare pensieri morbosi. Le prime parole dell'album sono "Questa vita non dura per sempre", in "Hold My Hand", una canzone di Akon che dà a Jackson una strofa e mezzo prima che Akon prenda il sopravvento come voce solista. Tuttavia, la tecnologia di registrazione sfida la definitività della morte, e ora c'è sempre la possibilità di un altro remix, di un altro arrangiamento. In particolare per un musicista come Jackson, sui cui album solisti si è lavorato lentamente e faticosamente, i rilasci postumi occupano un inquietante limbo artistico. Sono custoditi come nuove reliquie di una voce che tace per sempre. Eppure, sono anche sospetti, perché l'artista non può avere l'ultima parola. Le carriere pop sono costruite, fra molti altri fattori, sul controllo della qualità, sugli istinti di un musicista su quello da rivelare al mondo e quello da non rivelare. E Jackson, che non aveva pubblicato un album in studio da "Invincible" nel 2001, era notoriamente un perfezionista.

Ora, altre persone hanno ordinato gli scarti, le bozze, i frammenti, le canzoni che avevano interrotto il flusso di un album, le canzoni che potevano essere gemme dimenticate o imbarazzanti vicoli ciechi. E altre persone hanno deciso come quelle canzoni saranno ascoltate.

Jackson ha iniziato una splendida carriera postuma. E' stato l'artista più venduto del 2009, con un fatturato di oltre 8,2 milioni di album in quel solo anno. E più grande è l'artista, più grande è la tentazione di mettere in commercio gli archivi. La musica di Elvis Presley è stata riedita album per album, raccolta in volumi di successi, redatta in ordine cronologico, nuovamente setacciata per stile e, recentemente, remixata in anacronismi elettronici. Le registrazioni inedite di Jimi Hendrix sono state alternativamente devastate (con musicisti di supporto originali sostituiti da doppiaggi) e rispettate. I primi quattro album postumi di Tupac Shakur hanno venduto milioni di copie.

Anche un album finito può ricevere un remake postumo; Yoko Ono ha supervisionato "Double Fantasy Stripped Down", un mix del 2010 radicalmente diverso di "Double Fantasy", l'album che ha condiviso con John Lennon nel 1980. Revisioni meno estreme hanno luogo ogni volta che viene rimasterizzato un vecchio album. Nell'era digitale, l'autenticità è praticamente una causa persa.

"Michael" ha già avuto una crisi di autenticità. "Breaking News" - ancora un altro brano sui media che complottano per distruggerlo, con una traccia ritmica come una "Smooth Criminal" riciclata - è stata rilasciata prima dell'album e alcuni membri della famiglia Jackson hanno subito affermato che la voce solista era una imitazione. E' davvero curioso sentire un cantante pop ripetere il suo nome: "Tutti vogliono un pezzo di Michael Jackson / I reporters seguono le mosse di Michael Jackson". La Sony Music ha prodotto una smentita con dichiarazioni di molti produttori e musicisti che avevano lavorato con Jackson che affermavano che la voce era davvero la sua.


In "(I Like) The Way You Love Me", la voce è senza dubbio di Jackson, che ha rilasciato una versione diversa - "The Way You Love Me", ora descritta da Sony come una demo - come esca per i collezionisti nel cofanetto del 2004 "The Ultimate Collection". Quella versione incorporava il ritmo beat-box, un vivace doppio tempo, come parte del suo ritmo, e lui era accompagnato da accordi della tastiera elettronica.

Nella nuova versione, il ritmo è differente, ridotto ad un picchiettare del cembalo e un battito di mani programmato, e gli accordi sono giocherellati su un pianoforte, in modo che le armonie vocali cremose ricordino ancora di più i Beach Boys. Alla fine, come nella canzone del 2004, gli ooh vocali cambiano ripetutamente di tonalità, salendo oltre la metà di un'ottava. Ma ora la voce di Jackson combacia con i testi, dando l'impressione che sia stata adattata digitalmente. Indipendentemente da ciò, io preferisco quella nuova, è più trasparente e ordinata, un po' più spensierata.

"Era quasi finita," ha detto in un'intervista il co-produttore del brano, Theron (Neff-U) Feemster. Ma ha aggiunto: "L'unica cosa da fare era quella di terminare l'arrangiamento sulla canzone - quali strumenti sarebbero andati in certi punti, quali strumenti a percussione, quali suoni volevamo aggiungere". In altre parole, gli archivi di Jackson vengono trattati come lavori in corso. "Michael" è molto più una ricostruzione e una creazione piuttosto che un remix. Le tracce sono state completate dopo la sua morte da parte dei produttori che avevano lavorato con lui, soprattutto Teddy Riley, John McClain e Mr. Feemster.

In alcune delle canzoni, è chiaro che i produttori stanno tirando fuori tutto il possibile dalle parti vocali registrate che Jackson lasciato, allungandole con cori, ospiti e ripetizioni tagliate e incollate (per esempio, "Hollywood Tonight" - una canzone che parla di una starlet che ricorda "Billie Jean", ma che, secondo Sony, è stata scritta per "Invincible" e rielaborata nel 2007 - utilizza il suo intero primo verso due volte).
"Michael" è una miscellanea di offerte familiari per Jackson: fonte di ispirazione, amore, risentimento e paranoia. Comprende tre canzoni di un periodo di isolamento: quattro mesi nel 2007, quando Jackson e la sua famiglia si trasferirono nella Bergen County, NJ, a casa di Dominic Cascio, un dirigente dell'Helmsley Palace Hotel, e Jackson lavorò sulle canzoni con i figli di Cascio nel loro studio casalingo (Eddie Cascio condivide i credits per "Breaking News", "Monster" e la stile inno "Keep Your Head Up").

Forse Jackson aveva nostalgia di casa; aveva Hollywood in mente, riflettendo amaramente sulla celebrità. "Tu dai loro tutto, loro ti guardano cadere, e si nutrono della tua anima", si lamenta in "Monster", che è scandita da urla e vetri rotti (come in "Scream"). Il cantante è assediato dagli invasori, tra cui i mezzi di informazione di nuovo ("I paparazzi ti hanno spaventato come un mostro"), finché un rap di 50 Cent non capovolge il terrore in belligeranza.

Le affermazioni di un amante - "Tu sei colei che mi rende forte" - sembrano disperate in "(I Can't Make It) Another Day", una canzone rock che Lenny Kravitz ha scritto per Jackson, registrata con lui nei primi anni 2000 e rivisitata più di recente. Ci sono anche ricordi di un giovane Michael Jackson. Qualche tempo prima della metà degli anni '80, ha aggiunto i testi che parlano di una donna dal cuore di ghiaccio in "Behind the Mask", una hit del 1979 della Yellow Magic Orchestra di Ryuichi Sakamoto. Ora, inspiegabilmente, la versione ufficiale a lungo rimandata da Jackson (completata da McClain) include applausi e grida della folla di un concerto.

La delicata canzone di chiusura dell'album, "Much Too Soon", risale alle sessioni di "Thriller" dei primi anni '80 ma rimane in gran parte acustica e accessibile. E' un inaspettato pezzo compagno di "Best of Joy", una canzone d'amore che promette "noi siamo per sempre". Secondo Sony, "Best of Joy" era una delle ultime canzoni su cui Jackson ha lavorato. I suoi arrangiamenti vocali sono elaborati, ma la qualità dell'audio suggerisce che sia una demo, in attesa di una ri-registrazione che non è mai avvenuta. E' più commovente senza la lucidatura.


Sony e il patrimonio di Jackson hanno due percorsi possibili. Possono fornire gli outtakes di Jackson e gli archivi come lui li ha lasciati, se davvero le canzoni sono abbastanza complete per la pubblicazione. Oppure possono continuare quello che "Michael" ha iniziato, trattare il lavoro di Jackson come una apparizione digitale, come materiale di base per le registrazioni che funzionano al di fuori della cronologia e dell'autenticità. Invece di tentare di predire le sue intenzioni, possono portare dentro molti produttori e cantautori che Jackson ha influenzato - Ne-Yo, Justin Timberlake, Kanye West, R Kelly, Usher, Britney Spears, OutKast, Janelle Monae, Prince, Madonna, veramente una lista infinita - e dare loro la possibilità di incontrare Jackson da artista ad artista, lavorando con le canzoni ancora inedite.

Il vero Michael Jackson è morto nel 2009. R.I.P. I suoi artefatti musicali possono ancora essere resuscitati.

www.nytimes.com/2010/12/12/arts/music/12jackson.html?pagewanted=2&_r=1&ref=jo...

[Edited by 4everMJJ 12/20/2010 2:25 PM]
12/20/2010 3:06 PM
 
Quote

Grazie Cri

E' ovvio che se le canzoni sono abbastanza complete è meglio pubblicarle così come sono.......su questo non ci piove!

E se non sono terminate, io preferirei che ci lavorassero solo i collaboratori che hanno sempre lavorato con lui, cercando di seguire le sue istruzioni o cercando di fare quello che avrebbe fatto lui.

L'altra opzione non mi piace proprio per niente, sinceramente.

Se queste canzoni devono essere completamente stravolte oppure devono completarle persone con le quali non ha mai avuto a che fare.........per quanto mi riguarda, possono tranquillamente evitare!

Preferisco poche ma sue.
[Edited by badgirl. 12/20/2010 3:20 PM]
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:55 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com