Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)





New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Recensioni della critica musicale all'album "Michael"

Last Update: 11/16/2011 4:29 AM
Email User Profile
Post: 2,134
Registered in: 7/4/2007
Location: TRAPANI
Age: 35
Gender: Male
Utente Certificato
Dangerous Fan
OFFLINE
12/28/2010 7:02 PM
 
Quote

Re: Re: Re: Re: Re:
Victoryfan, 28/12/2010 18.00:




Ma sì continuate pure a parlarvi addosso.....tanto parlate solo voi e non leggete mai...

E' curioso che alcuni fans, per sottrarsi al confronto o a qualsiasi opinione che sia differente dalla propria, procedano sistematicamente con l'insulto e la tenace VOLGARITA' di dare all'interlocutore dell'imbecille......

Si continui pure a parlare di un album che NON si è ancora sentito del tutto, si continui a citare la cultura classica anche se non si capisce niente neppure di quella...e anche se poi non si sa neppure scrivere in un corretto italiano....


Si continui a parlare da un ipotetico pulpito....tanto c'è sempre qualcuna o anche qualcuno che lo puntella continuamente...






che intendi per un album che non si è ancora sentito del tutto? ne hai ascoltato solo 2 tracce? io l'ho sentito tutto e più volte anche...
Email User Profile
Post: 2,135
Registered in: 7/4/2007
Location: TRAPANI
Age: 35
Gender: Male
Utente Certificato
Dangerous Fan
OFFLINE
12/28/2010 7:12 PM
 
Quote

Re: Re:
Victoryfan, 27/12/2010 21.54:



[SM=x47931]

E magari che ognuno fa quel che vuole, no?




che risposta è? per un post elaborato e pieno di riflessioni tu rispondi così? poi ti offendi se scherziamo sulla tua risposta? mi pare che il post di coso, non so come si chiama l'utente, al quale tu rispondi così, presenta valutazioni condivisibili, come quella di pubblicare bootleg o materiali "naked" dove è chiaro a tutti, senza prese in giro o senza dubbi da parte dei fan, che quello è materiale incompiuto o quasi compiuto da MJ quando era in vita.

secondo te ha senso invece trattare progetti come "Michael" come dischi ufficiali della discogrrafia di MJ? non credo. ad ogni modo è più "onesto" presentare il materiale senza falsificazioni o iterpretazioni di produttori che si credono MJ.

e noi come tanti cretini ( e mici metto pure io nel mucchio), magari perdiamo tempo a scrivere recensioni assurde, quasi negando a noi stessi che MJ è morto e quel cd è solo una raccolta di canzoni incomplete. a sto punto preferisco GEMME GREZZE, SPORCHE, MA VERE, CHE GEMME RAFFINATE, PULITE, MA FALSE.


CIò NON TOGLIE IL FATTO che al mio orecchio non suoni gradevole quello che hanno fatto certi produttori in "Michael", solo che non ascoltero mai quelle canzoni con la sensazione di ascoltare un'opera di MJ al 100%.
L'IMPORTANTE è SAPERLO E TENERNE CONTO: ESSERE INGENUI E ABBOCCARE A QUALSIASI COSA MARCHIATA "MICHAEL JACKSON" e prenderla per sua non è da me.
Email User Profile
Post: 4,028
Registered in: 8/13/2008
Location: NAPOLI
Age: 31
Gender: Female
Vice Amministratore
Bad Fan
Direzione
OFFLINE
12/30/2010 12:42 PM
 
Quote

Per favore , si potrebbe tornare di nuovo sulle recensioni , oppure bisogna prima arrivare a quota 10 pagine di off topic ?!

Grazie !

'Sono nato per non morire mai
Per vivere in beatitudine, per non piangere mai
Per dire la verità e mentire mai
Per amare senza un sospiro
Per distendere liberamente le mie braccia...'


- Michael Jackson , from Dancing the Dream -

I miss you ...
_________

Don't read the tabloids , Burns the tabloids ... SUCK THE PRESS !
Email User Profile
Post: 1,301
Registered in: 3/20/2010
Location: MONTEVARCHI
Age: 52
Gender: Female
HIStorical Member
HIStory Fan
OFFLINE
1/8/2011 2:53 PM
 
Quote

Visto che fino ad oggi abbiamo letto recensioni inglesi e americane (su quelle italiane stenderei un velo pietoso) andiamo a vedere cosa ne pensano dall'altra parte del mondo, in Asia, dove "Michael" è uscito più tardi rispetto ad Europa e USA. Questa recensione viene dalle Filippine


L'eredità di Jackson vive con "Michael"

E' davvero Michael Jackson a cantare nel suo ultimo album, "Michael"? La prima volta che abbiamo sentito il singolo, "Breaking News", abbiamo trovato gli affettati "ih ih" troppo incerti e bassi per essere di Michael. Dopo tutto non è difficile trovare aspiranti Jackson che possono scimmiottare il suo stile di canto, ma non la sua gamma e la portata vocale.

Quindi, per rispondere alla domanda assillante, abbiamo ascoltato con attenzione e cura "Michael", le prime registrazioni originali del Re del Pop da "Invincible" del 2001, e compreso l'ambivalenza di alcune persone per il suo contenuto... ma non perché l'album non fosse buono o qualcun altro cantasse al posto di Jackson. Sì, è Michael.

Se non altro, la registrazione postuma del performer è un compendio istruttivo di doni musicali del leggendario cantante, privi del suono omogeneo della super prodotta brillantezza e digitalizzazione di "Dangerous" e "Invincible.

Autenticità

Il suono grezzo e non perfetto del prodotto finito farà inizialmente mettere in discussione agli ascoltatori la sua autenticità, ma non ci vorrà molto a capire che questi elementi sono allo stesso modo tra le caratteristiche più forti dell'album.

Ascoltare "Michael" è come rivisitare il Jackson del periodo d'oro di "Off The Wall", o vedere la sua musicalità in una rinfrescante, nuova luce. Egli ripercorre più o meno gli stessi motivi tematici: persone crudeli che lo considerano un deviato sociale ("Monster"), l'invadenza dei media ("Breaking News"), una storia d'amore bellissima andata male ("Much Too Soon"), la forza ispiratrice di amore e di amicizia ("Hold My Hand", "Keep Your Head Up"), ecc

Felicemente un racconto pertinente non passa mai di moda, soprattutto se c'è una sontuosa melodia che porta il suo messaggio in vita, intensa e pulsante. "Michael" trabocca di melodie accessibili, che sono sinergizzate con splendide armonie, anche nelle tracce ballabili: il ritmo risoluto di "Monster" (con 50 Cent), il groove accattivante di "Hollywood Tonight" e il crepitio arrabbiato di "Breaking News" porterà i fans sulla pista da ballo.

Per i giovani svezzati con l'electronica è difficile resistere al beat accattivante di "Behind The Mask" e al ruggito tagliente della collaborazione intrisa di rock di Michael con Lenny Kravitz, "(I Can't Make It) Another Day".

Come "This Is It", il brillante documentario concerto di Jackson, "(I Like) The Way You Love Me" è una sbirciatina accattivante nella vena perfezionista del performer: l'irresistibile canzone d'amore inizia con il messaggio di Michael nella segreteria del suo tecnico del suono, che lascia istruzioni specifiche per il suo tempo, l'arrangiamento per la batteria e attacchi melodici, che il produttore Theron "Neff-U" Feemster realizza pienamente con strati e armonie piacevoli a sostegno del dolce tubare e corteggiare di Michael.

Jackson esce dalla sua zona di comfort usando il suo sicuro falsetto per "Best of Joy", dolce ma riccamente melodica, un altro gioiello da aggiungere a pezzi indimenticabili del calibro di "I Can't Help It", "The Lady In My Life", "Liberian Girl" e "I Just Can't Stop Loving You".

Il cantante icona lascia il meglio per ultimo nel malinconico "Much Too Soon", un promemoria scintillante delle capacità emotive eccezionali del cantante e la sua propensione per le melodie durature. Non c'è dubbio su questo: Michael Jackson e i suoi doni mancheranno tantissimo, ma la sua musica vivrà per sempre.


showbizandstyle.inquirer.net/entertainment/entertainment/view/20110107-313098/Jacksons-legacy-lives-on-with...


1/8/2011 3:16 PM
 
Quote

Grazie Cri......ci voleva proprio qualcosa di positivo e piacevole da leggere, in questi giorni.

Adesso abbiamo il quadro completo della situazione (ahaha!!)



Il suono grezzo e non perfetto del prodotto finito farà inizialmente mettere in discussione agli ascoltatori la sua autenticità, ma non ci vorrà molto a capire che questi elementi sono allo stesso modo tra le caratteristiche più forti dell'album.


Anzi aggiungo che se l'album fosse risultato perfetto......ecco era in quel caso che ci si doveva fare delle domande......
[Edited by badgirl. 1/8/2011 3:28 PM]
Email User Profile
Post: 287
Registered in: 2/13/2003
Gender: Male
Number Ones Fan
OFFLINE
1/8/2011 3:43 PM
 
Quote

Io ero partito senza pregiudizi o l'ho acquistato. Ma più ascolto Monster e Breaking News meno mi sembra lui. Poi ha ragione Critico in quello che dice, ma la mia sensazione è questa. La canzone di Malachi( notare che il nome ha praticamente le stesse lettere di Michael mischiate senza una e) Let me let go sembra la cosa più vicina (almeno nella voce) alle canzoni che ho citato prima a qualsiasi canzone di Michael, non riesco a farci niente ma è una cosa che si enfatizza più le ascolto
Email User Profile
Post: 514
Registered in: 9/1/2009
Location: MILANO
Age: 47
Gender: Female
Invincible Fan
OFFLINE
1/8/2011 5:13 PM
 
Quote

Bella questa recensione, molto accurata e, per quanto mi riguarda, molto condivisibile.

Molte grazie! [SM=g27811]

Lucia
Email User Profile
Post: 496
Registered in: 8/24/2009
Location: MILANO
Age: 24
Gender: Male
Invincible Fan
OFFLINE
1/12/2011 7:56 PM
 
Quote

Rolling Stone | Michael Jackson - Michael
Valutazione: 3 stelle su 5
Di Michele Wad Caporosso

Caro Rolling Stone Italy, sono Michael Jackson e, come forse sai, mi sono fottuto. Molto volentieri eh, che quella vitiligine sociale che ha colpito tutti laggiù stava appiattendo anche me. Che bene o male la musica della mia epoca l’ho segnata, manipolata, decisa e imposta.
Su questo siamo d’accordo no? Poi ovvio tutto cambia, parlo io che mi sono giocato tutto quello che avevo. Tutto. Però adesso permettete che vi faccia una domanda postuma: ma cosa volevate di più da me? Ho unificato i colori (ero un bianco o un nero?), i generi (black music o white shit?), i sessi (ero un uomo o una donna?), l’età (50enne o 16enne?). Fatemi due esempi di chi ha fatto lo stesso e muoio di nuovo. Come volete che ci si senta a sapere che non puoi fare più niente, perché ti ha copiato chiunque? Siete tutti un po’ Michael Jackson, l’avete visto il vostro presidente del consiglio? In ogni caso ora esce un mio disco nuovo, 10 pezzi. Una robetta tranquilla per far guadagnare due soldi ai parenti, ai discografici, agli avvocati, boh ma che ne so. Mi han detto “muori che poi facciamo uscire un disco”. E mi son messo e l’ho fatto. Le trombette, ci ho fatto suonare pure le trombette (Behind the Mask), l’immancabile urletto da mostro (Monster), i cori, un paio di out-take, i bambini che cantano, roba che ci lacrimi per forza. Ci ho messo la voce struggente anche se parlo di Hollywood (Hollywood tonight), addirittura in un testo canto il mio stesso nome nel ritornello, se non vi emozionate con questo cos’altro potevo fare? Con amore. MJ.

www.rollingstonemagazine.it/musica/recensioni/michael/33055
[Edited by Haruki__ 1/12/2011 8:00 PM]

Email User Profile
Post: 2,634
Registered in: 12/30/2009
Location: BOLOGNA
Age: 48
Gender: Female
Utente Certificato
Dangerous Fan
OFFLINE
1/12/2011 8:23 PM
 
Quote

Più che condivisibile la recensione filippina, soprattutto per la questione "autenticità".

Selvatica, com'è nel loro stile, e un pò stupidotta in alcuni punti, quella di RS, ma vi ho letto affetto, nonostante tutto.
Email User Profile
OFFLINE
1/13/2011 3:23 PM
 
Quote

Re:
Haruki__, 12/01/2011 19.56:

Rolling Stone | Michael Jackson - Michael
Valutazione: 3 stelle su 5
Di Michele Wad Caporosso

Caro Rolling Stone Italy, sono Michael Jackson e, come forse sai, mi sono fottuto. Molto volentieri eh, che quella vitiligine sociale che ha colpito tutti laggiù stava appiattendo anche me. Che bene o male la musica della mia epoca l’ho segnata, manipolata, decisa e imposta.
Su questo siamo d’accordo no? Poi ovvio tutto cambia, parlo io che mi sono giocato tutto quello che avevo. Tutto. Però adesso permettete che vi faccia una domanda postuma: ma cosa volevate di più da me? Ho unificato i colori (ero un bianco o un nero?), i generi (black music o white shit?), i sessi (ero un uomo o una donna?), l’età (50enne o 16enne?). Fatemi due esempi di chi ha fatto lo stesso e muoio di nuovo. Come volete che ci si senta a sapere che non puoi fare più niente, perché ti ha copiato chiunque? Siete tutti un po’ Michael Jackson, l’avete visto il vostro presidente del consiglio? In ogni caso ora esce un mio disco nuovo, 10 pezzi. Una robetta tranquilla per far guadagnare due soldi ai parenti, ai discografici, agli avvocati, boh ma che ne so. Mi han detto “muori che poi facciamo uscire un disco”. E mi son messo e l’ho fatto. Le trombette, ci ho fatto suonare pure le trombette (Behind the Mask), l’immancabile urletto da mostro (Monster), i cori, un paio di out-take, i bambini che cantano, roba che ci lacrimi per forza. Ci ho messo la voce struggente anche se parlo di Hollywood (Hollywood tonight), addirittura in un testo canto il mio stesso nome nel ritornello, se non vi emozionate con questo cos’altro potevo fare? Con amore. MJ.

www.rollingstonemagazine.it/musica/recensioni/michael/33055




Rolling Stone continua a non capire e, vedo, si continua a citare, senza alcun motivo, il presidente del consiglio.....

Assoluta mancanza di idee.

E' inutile..sono nati rivoluzionari e muoiono conformisti...
[Edited by Victoryfan 1/13/2011 3:32 PM]
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 12:33 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com