Previous page | 1 2 3 4 | Next page

[interviste] MJ intervistato da Bob Colacello per la rivista "Interview"

Last Update: 8/24/2011 1:09 AM
Author
Vote | Print | Email Notification    
2/2/2011 9:07 PM
 
Quote
Post: 1,400
Registered in: 3/20/2010
Location: MONTEVARCHI
Age: 53
Gender: Female
HIStorical Member
HIStory Fan
OFFLINE
agosto 1982 - pubblicata sul numero di ottobre 1982
Nel mese di agosto del 1982, il direttore esecutivo di " Interview", Bob Colacello, intervistò Michael Jackson, allora 23enne, presso il condominio nella San Fernando Valley che il cantante aveva preso in affitto con la sua famiglia, mentre la loro casa vicina veniva ristrutturata. (Andy Warhol chiamò da New York durante la loro conversazione). Jackson, naturalmente, era già famoso per il suo lavoro con i fratelli nei Jackson Five, ma il suo primo album solista da adulto, Off the Wall (1979), uscito tre anni prima , lo aveva reso a pieno diritto una star. Quando questa intervista ebbe luogo era al lavoro su uno disco per lo storybook del film di Steven Spielberg "ET l'extra-terrestre" (1982) - da qui il riferimento a ET - e stava valutando una serie di offerte per ruoli cinematografici. Stava anche finendo la registrazione di Thriller (1982), che sarebbe diventato l'album più venduto di tutti i tempi. Quello che segue è un estratto dal loro colloquio che originariamente è apparso come storia di copertina del numero di ottobre 1982.


EDIT: abbiate pazienza, ma siccome sta cosa dell'"estratto" del loro colloquio mi continuava a frullare nel cervello sono andata in cerca e ho trovato l'intera intervista trascritta da una santa donna del MJJCommunity per cui la riposto intera perché merita tutta!



MICHAEL JACKSON : La notte in cui Henry Fonda è morto, sono andato lì ed ero con la famiglia. Stavano parlando e guardando tutte le news. Benché suo padre fosse morto, Jane riusciva a dimostrare interesse verso la mia carriera, chiedendomi se avevo già ottenuto il film, e ho pensato che fosse molto dolce. Penso che si aspettassero che lui morisse da tanto tempo. Mesi e mesi e mesi prima parlava come se stesse per accadere ogni giorno. E' successo e ci sono state a volte lacrime e a volte risate e hanno mangiato un po'.

Bob Colacello: Allora, cosa stai facendo? Hai un film da fare?

JACKSON: Beh, proprio ora sto finendo l'album (Thriller) e sono concentrato su quello. Sto facendo anche l'altro album, l'album di ET allo stesso tempo. E' un po' nuovo per me, perché non ho mai raccontato una storia.

Colacello: Che cos'è l'album di ET?

JACKSON: E' uno storybook, un doppio album e io narro l'intera storia e canto la canzone che dobbiamo elaborare e scrivere. Ci siamo appena incontrati e ne abbiamo parlato con Steven [Spielberg] per non so quanto tempo per mettere insieme e parlare di come rendere storico lo storybook.

Colacello: Per quanto riguarda l'album che stai facendo, hai scritto tutto tu?

JACKSON: Ho scritto quattro o cinque canzoni.

Colacello: Steve [Rubell] mi ha detto che stai facendo qualcosa con Paul McCartney

JACKSON: Sì. Paul era qui e ho scritto una canzone dal titolo "The Girl Is Mine" che cantiamo insieme sul mio album. Siamo in lotta per questa ragazza nella canzone ed è venuta fuori benissimo, anche per il suo album, abbiamo scritto e cantato due canzoni insieme, il suo "Tug of War Part II" (non so se si riferisce all'album successivo a "Tug Of War" del 1982 che è "Pipes of Peace" del 1983, dove in effetti c'è la famosissima Say Say Say, ndt). Ma per il mio è la canzone che ho scritto. C'è un rap alla fine dove litighiamo per lei. E' divertente.

Colacello: Sei molto disponibile alla collaborazione con altre star. Molto spesso la gente non lo è.

JACKSON: In realtà non lo sono. Affatto.

Colacello: Hai lavorato con Diana Ross?

JACKSON: Solo con persone molto speciali. Diana è come una madre-amante-amica per me. Lei è meravigliosa. Ho appena scritto, prodotto e curato il suo prossimo singolo, Muscles.

Colacello: Hai scritto anche il testo?

JACKSON: Testo, musica, l'ho appena finita e dovrebbe uscire alla fine di questo mese.

Colacello: Dove trovi il tempo per scrivere così tanto?

JACKSON: Sugli aerei. Stavo tornando dall'Inghilterra dove avevo lavorato sull'album di Paul McCartney, sfrecciando sul Concorde, e questa canzone mi è venuta in testa. Ho detto Ehi, è perfetta per Diana! Non avevo un registratore o qualcosa del genere per cui ho dovuto soffrire per qualcosa come tre ore. Appena sono arrivato a casa ho messo quella creatura su nastro.

Colacello: Ti interessa la politica?

JACKSON: Non mi piace parlarne.

Colacello: Non affronti questi argomenti con Jane (Fonda)?

JACKSON: No, lo facciamo. Lei è meravigliosa. Lei mi insegna ogni genere di cose. Quando ero sul set di "Sul lago dorato" stavo con Jane nella cabina e stavamo lì da soli sull'acqua a parlare, parlare, parlare di tutto. E' stata la più grande istruzione per me, io imparavo, lei imparava, ci scambiavamo dati l'uno con l'altra. Paralvamo di tante cose: la politica, i filosofi, il razzismo, il Vietnam, la recitazione, ogni genere di cose. E' stato magico.

Colacello: Dove hai studiato, visto che eri sempre in viaggio?

JACKSON: Scuole private o tutori.

Colacello: Tu vieni da Gary, Indiana? Com'è stato crescere lì?

JACKSON: In realtà, ero così piccolo che non lo ricordo. Quando avevo cinque anni andavo in tour, cantavo e ballavo. Sempre via, sempre lontano dalla scuola. Ricordo solo piccole cose come il negozio all'angolo o certe persone del quartiere. Il liceo dietro di noi ha sempre avuto una grande banda con trombe e tromboni e tamburi che scendevano per strada. Mi piaceva, era come una sfilata. Questo è tutto quello che ricordo.

Colacello: Ti piaceva esibirti da bambino? Hai sempre amato farlo?

JACKSON: Sempre. Ho sempre apprezzato la sensazione di essere sul palco, la magia che ne deriva. Quando sono sul palco è come se tutto ad un tratto arrivasse una magia da qualche parte e lo spirito ti colpisse e tu perdessi il controllo di te stesso. Sono salito sul palco al concerto di Quincy [Jones] al Rose Bowl e io non volevo andare in scena. Cercavo di evitarlo, nascondendomi e sperando che non mi avrebbe visto nascosto dietro la gente, quando mi ha chiamato. Poi sono andato su e sono letteralmente impazzito. Ho iniziato ad arrampicarmi sul palco, sugli altoparlanti, l'attrezzatura delle luci. Il pubblico ha iniziato a partecipare e ho iniziato a ballare e cantare e questo è ciò che accade.

Colacello: Come fai a confrontare il recitare e l'esibirti sul palco?

JACKSON: Io amo entrambi. Recitare è la crema. Amo esibirmi. E' una fuga fenomenale. Se vuoi davvero far uscire tutto ciò che senti, quello è il momento di farlo. Con la recitazione è come diventare un'altra persona. Penso che sia fantastico, soprattutto quando ti dimentichi totalmente. Se ti dimentichi del tutto, cosa che amo fare, è lì che diventa magico. Mi piace creare la magia, mettere insieme qualcosa che è così insolito, così inaspettato che manda le persone fuori di testa. Qualcosa in anticipo sui tempi. Cinque passi avanti rispetto a quello che le persone stanno pensando. Così la gente lo vede e dice, "Uao, non mi aspettavo questo". Amo sorprendere la gente con un regalo o un dono o una performance sul palco o altro. Adoro John Travolta, che è venuto fuori da quello show, Kotter (sitcom andata in onda sulla ABC dal 1975 al 1979, ndt). Nessuno sapeva che lui era in grado di ballare o fare tutte quelle cose. Lui è come esploso. Prima che lo sapesse, era il nuovo grande Brando o qualcosa del genere.

Colacello: Lui non ha fatto molto ultimamente.

JACKSON: Lo so. Penso che stia scegliendo i copioni e roba così. E' sempre difficile cercare di competere con i propri successi passati...

Colacello: Dimmi, chi pensi che abbia segnato delle svolte nel suo lavoro in qualsiasi campo?

JACKSON: Mi piace così tanto Steven Spielberg. Adoro James Brown. E' fenomenale. Non ho mai visto un performer creare elettricità con un pubblico come James Brown. Lui ha tutti nelle sue mani e qualsiasi cosa voglia fare con loro la fa. E' stupefacente. Ho sempre pensato che fosse sottovalutato. Amo Sammy Davis Jr., mi piace Fred Astaire. Amo George Lucas. Vado pazzo per Jane Fonda e Katharine Hepburn.

Colacello: Ho visto una foto tua con Katharine Hepburn sul set di "Sul lago dorato".

JACKSON: Mi sento onorato di conoscerla, perché ci sono un sacco di persone che a lei non piacciono e lei ti dice subito se non le piaci. Quando l'ho incontrata, ero un po' titubante, perché Jane mi aveva riempito di cose su di lei. Ero un po' spaventato. Ma subito, mi ha invitato a cena quel giorno. Da allora siamo amici. Lei è venuta al nostro concerto, il primo concerto al quale sia mai stata, al [Madison Square] Garden, e si è divertita molto. Ci chiamiamo al telefono e lei mi manda delle lettere. Lei è semplicemente meravigliosa. Sono andato a casa sua a New York e lei mi ha fatto vedere la sedia preferita di Spencer Tracy e le sue cose private nel suo armadio, i suoi piccoli soprammobili. Penso che sia magico.

Colacello: Sei un fan dei vecchi film?

JACKSON: Oh sì. C'era un sacco di grande arte, grande recitazione, grande regia, grandi storie. Quando si tratta di cose come Capitani coraggiosi, Boys Town, Padre Flanagan , La donna del giorno, questa roba è pazzesca.

Colacello: Perché non scrivi una storia tua?

JACKSON: E' quello su cui stiamo lavorando adesso. Ci stiamo armeggiando con Quincy e Steven e speriamo di riuscire a tirarne fuori qualcosa. Steven vuole fare un musical.

Colacello: Ti piacerebbe fare Broadway?

JACKSON: Non ancora. Penso sia meglio affinare le proprie competenze. E' meglio raggiungere davvero l'apice del tuo talento. Vai così lontano e raggiungi il picco e ti dici, Forse questa è la prestazione migliore che posso fare. Quello che è triste di tutto questo è se non catturi quel momento. Guarda come il mondo ha perso molti grandi attori o intrattenitori solo perché hanno fatto una performance di una notte ed è finita lì. Con i film tu lo catturi, viene mostrato in tutto il mondo ed è lì per sempre. Spencer Tracy sarà sempre giovane in "Capitani coraggiosi" e io posso imparare ed essere stimolato dalla sua performance. Viene perso così tanto in teatro, così tanto. O il varietà. Sai quello che ho potuto imparare a guardare tutti quegli intrattenitori? Era pazzesco.

Colacello: La maggior parte delle rappresentazioni sono videoregistrate ora, ma non tutte le sere.

JACKSON: Questo è il punto. L'attore si innervosisce, sa di essere ripreso e le cose non vanno naturalmente. E' ciò che odio di Broadway. Mi dà l'impressione di dare tutto per niente. Mi piace catturare le cose e tenerle lì e condividerle con il mondo intero.

Colacello: Sembra che ciò che realmente ti motiva è il tuo desiderio di intrattenere la gente, di accontentare la gente. Che mi dici di fama e denaro? Puoi immaginare di non essere famoso o essere famoso ti disturba?

JACKSON: Non mi ha mai disturbato, tranne a volte quando vuoi stare in pace. Come quando vai al cinema e dici: "Nessuno mi darà fastidio stasera, indosserò il mio cappello e gli occhiali e mi godrò questo film e tutto il resto". Arrivi lì e tutti ti guardano e ti fissano e al punto culminante del film qualcuno ti batte sulla spalla per un autografo. Ti senti come se non potessi scappare...

Colacello: Sei molto vicino ai tuoi genitori. Vivono qui a Los Angeles?

JACKSON: Sì. Mia madre è di sopra. Mio padre in ufficio.

Colacello: Qual è la tua giornata tipo?

JACKSON: Fantasticare per la maggior parte della giornata. Mi alzo presto e mi preparo per qualsiasi cosa abbia da fare, scrivere canzoni o quello che è. Pianificare il futuro e roba così.

Colacello: Sei ottimista per il futuro?

JACKSON: Sì. Mi piace sempre di pianificare in anticipo e dargli seguito...

Colacello: Liza Minnelli è tua amica, vero?

JACKSON: Come potrei dimenticarla? Sono pazzo di Liza. Aggiungila alla lista dei miei preferiti. L'amo da morire. Ci sentiamo al telefono e chiacchieriamo, chiacchieriamo, chiacchieriamo. Quello che mi piace di Liza è che quando siamo insieme è tutto uno show. Io le mostro i miei passi preferiti e lei mi mostra i suoi. Lei ha davvero carisma. In futuro mi piacerebbe registrare con lei. Penso che una persona come lei deve essere sentita alla radio e accettata, e tutta la faccenda. Lei è magia sul palco.

Colacello: Ti interessa molto la moda?

JACKSON: No, mi interessa ciò che indosso sul palco. Sai cosa mi piace, però? Non mi importa dei vestiti di tutti i giorni. Amo mettere su un vestito o un costume e guardarmi nello specchio. Pantaloni larghi o delle scarpe davvero strane e un cappello e sentirmi semplicemente quel personaggio. Questo mi diverte.

Colacello: Ti piace recitare molto nella vita quotidiana?

JACKSON: Mi piace così tanto. E' evasione. E' divertente. E ' come diventare un'altra cosa, un'altra persona. Specialmente quando ci credi veramente e non è come se stessi recitando. Ho sempre odiato la parola recitare - dire: "Sono un attore". Dovrebbe essere più di questo. Dovrebbe essere più simile a un credente.

Colacello: Ma non è un po' pauroso quando ci credi del tutto?

JACKSON: No, questo è quello che amo di più. Mi piace dimenticare davvero.

Colacello: Perché vuoi così tanto dimenticare? Pensi che la vita sia davvero difficile?

JACKSON: No, forse è perché mi piace semplicemente entrare nella vita di altre persone ed esplorare. Come Charlie Chaplin. Io lo amo da morire. Charlot, gli ingranaggi (parla di Tempi Moderni) e tutto il resto e il suo cuore... tutto quello che ha interpretato sullo schermo è una verità lapalissiana. Era tutta la sua vita. Era nato a Londra, e suo padre è morto alcolizzato quando aveva sei anni. Ha vagato per le strade d'Inghilterra, chiedendo l'elemosina, povero, affamato. Tutto questo si riflette sullo schermo e questo è quello che mi piace fare, portare fuori tutte quelle verità...

Colacello: Ti interessa fare soldi?

JACKSON: Mi interessa essere pagato abbastanza per quello che faccio. Quando inizio un progetto, ci metto tutto il mio cuore e l'anima. Visto che ci tengo molto ci metto tutto quello che ho e voglio essere pagato. Il ragazzo che lavora deve mangiare.E' così semplice.

Colacello: Segui la tua attività molto da vicino, allora?

JACKSON: Oh, sì.

Colacello: Quanti anni hai?

JACKSON: Ventitré.

Colacello: Qualche volta ti senti come se ti fossi perso l'infanzia, perché ti sei sempre esibito nel mondo degli adulti?

JACKSON: A volte.

Colacello: Ma ti piacciono le persone più grandi di te, le persone di grande esperienza.

JACKSON: Amo la gente con esperienza. Amo le persone che hanno un talento fenomenale. Amo le persone che hanno lavorato con tanto impegno e sono state così coraggiose e sono leader nei loro settori. Per me incontrare qualcuno così e imparare da loro e parlare con loro, per me è magia. Lavorare insieme. Vado pazzo per Steven Spielberg. Un'altra fonte di ispirazione per me, e non so da dove provenga, sono i bambini. Se sono giù, prendo un libro con foto di bambini, le guardo e questo mi tira su. Avere bambini intorno è magico...

Colacello: C'è qualcosa di positivo e incoraggiante in loro. Hai un sacco di animali, vero?

JACKSON: Li avevo. Adesso ho solo due piccoli cervi, un maschio e una femmina. Sono così dolci, così splendidi.

Colacello: Non ho mai capito come le persone possano sparare ai cervi.

JACKSON: Io lo odio. Odio i negozi di imbalsamazione e tutto quello schifo. Ho un lama. Ho una pecora. Sembra proprio un ariete con le corna. Louie viene dal circo. Lui è il lama. L'ariete si chiama Mr. Tibbs e i cerbiatti sono Prince e Princess.

Colacello: Che cosa hai intenzione di fare con loro quando cresceranno?

JACKSON: Lasciarli liberi nel giardono e roba del genere. Abbiamo circa due ettari.

Colacello: Che tipo di auto hai?

JACKSON: Una Rolls, nera.

Colacello: Ti piace guidare?

JACKSON: Non ho mai voluto guidare. I miei genitori mi hanno costretto a guidare. Quincy non guida. Un sacco di gente che conosco non guida.

Colacello: Andy [Warhol] non guida.

JACKSON: Questo è forte. Ma è una cosa buona quando si vuole un pò di indipendenza per andarsene. Ma non vado in molti posti. Non conosco molti posti. Guido semplicemente giù in strada.

Colacello: Tu non esci molto?

JACKSON: Solo per andare al Tempio d'Oro, un ristorante macrobiotico. Io sono vegetariano. O vado a giocare alla sala giochi.

Colacello: Ti interessa l'arte?

JACKSON: Mi piace disegnare - a matita o a penna - amo l'arte. Quando vado in tour e visito i musei in Olanda, Germania o Inghilterra - sai, quei quadri enormi? - rimango meravigliato. Non pensi mai che un pittore possa fare qualcosa di simile. Io posso guardare una scultura o un dipinto e perdermi completamente in essi. Stare lì in piedi lì a guardare e diventare parte della scena. Ti può far piangere, ti può colpire così tanto. Vedi, è quello che penso debba fare l'attore o il perfomer, essere a contatto con quella verità all'interno della persona. Toccare quella realtà al punto che diventa una parte di quello che stai facendo e puoi portarli ovunque vuoi. Tu sei felice, loro sono felici. Quali che siano le emozioni umane, sono lì con te. Amo il realismo. Non mi piace la falsità. Dentro di noi siamo tutti uguali. Abbiamo tutti le stesse emozioni e per questo un film come ET emoziona tutti. Chi non ha voglia di volare come Peter Pan? Chi non vuole volare con qualche creatura magica proveniente dallo spazio ed essere suo amico? Steven è andato dritto al cuore. Lui lo sa - in caso di dubbio, vai dritto al cuore...

Colacello: Sei religioso, vero?

JACKSON: Sì. Io credo nella Bibbia e credo in Dio il cui nome è Geova e a tutto il resto.

Colacello: Qualcuno ha detto che è per questo che non ti radi.

JACKSON: Oh, no. Non mi cresce niente che si possa radere. Non ha niente a che fare con questo.

Colacello: Quindi sei un cristiano di base?

JACKSON: Io credo nella verità.

Colacello: Leggi la Bibbia?

JACKSON: Sì, molto.

Colacello: Vai in chiesa?

JACKSON: Noi non la chiamiamo chiesa. E' la Sala del Regno. Sono i Testimoni di Geova.

Colacello: Hai detto che incontrerai Bette Midler domani? State lavorando a qualcosa insieme?

JACKSON: No, vado da questo ragazzo che si chiama Seth Riggs. Quando canto, mi piace avere la mia voce aperta, come il riscaldamento che fa un ballerino.

Colacello: Quindi, sono come dei corsi di respirazione?

JACKSON: Esatto. E subito dopo che ho fatto il mio, arriva lei. Sempre puntuale.


[ Andy Warhol chiama da New York. ]

WARHOL ANDY: Hello?

JACKSON: Ciao.

WARHOL: Accidenti, questo è eccitante. Sai, ogni volta che uso il mio walkman suono la tua cassetta.

JACKSON: Hai visto Liza recentemente?
WARHOL: Sì. Lei era in Europa, ma poi l'ho vista allo show di moda all'Halston. Ha cambiato la sua pettinatura. I suoi capelli sembrano più come i tuoi ora. Sono davvero ricci davanti e lei sembra davvero diversa ed è davvero carina. Lei ha un gran nuovo look. Era all'Halston lo scorso fine settimana ed è a New York al momento. Che hai fatto di bello?

JACKSON: Sono stato molto in studio, a scrivere testi e lavorare su delle canzoni e cose così.

WARHOL: Dovrei andare a vedere un gruppo inglese di rock questa sera al Ritz, si chiamano Duran Duran. Li conosci?

JACKSON: No.

Warhol: Sono andato a vedere Blondie al Meadowlands la scorsa settimana.

JACKSON: Come è stata Blondie?

WARHOL: Lei è stata grande. Lei è così fantastica. La conosci?

JACKSON: No, non l'ho mai incontrata.

WARHOL: Beh, quando vieni a New York te la presento. Andare in tour è la cosa più dura da fare al mondo.

JACKSON: Il tour è qualcosa... è il ritmo. Ma essere sul palco è la cosa più magica del tour...

WARHOL: Non vedo l'ora che tu faccia un gran film. Ti hanno chiesto di fare qualcosa?

JACKSON: La mia stanza è piena di sceneggiature e offerte. E molte sono grandi idee. Ma per come sono io devo avere una persona in mente con cui mi piaccia lavorare e voglio essere sicuro di fare la cosa giusta. Non voglio commettere errori.

WARHOL: Fai semplicemente tutto. Tu non puoi fare errori.Tu sei davvero bravo.Avevi mai pensato che saresti cresciuto per diventare un cantante?

JACKSON: Non ricordo un momento in cui non cantassi, perciò non ho mai sognato di cantare.

WARHOL: Stai ancora collezionando vestiti? Hai un buon designer?

JACKSON: In realtà, non mi interessa molto a meno che non vada in scena. L'unica cosa che mi piace è collezionare costumi o cappotti da pirata o cose del genere. Ma la moda di tutti i giorni non mi interessa.

WARHOL: Cosa indossi?

JACKSON: In questo momento ho i pantaloni di velluto a coste con un grande buco nel ginocchio e una camicia rosa e la cravatta.

WARHOL: Esci molto o stai in casa?

JACKSON: Sto in casa.

WARHOL: Perché te ne stai in casa? C'è da divertirsi così tanto. Quando arriverai a New York ti porteremo fuori.

JACKSON: L'unica volta che ho voglia di uscire è quando sono a New York.

WARHOL: Ti piace andare al cinema?

JACKSON: Oh, sì. Lavoreremo sull'album di ET. Ho fatto una sessione di foto con ET ed è stato così meraviglioso... Lui mi abbracciava e tutto il resto.

WARHOL: Mi piace "Tron". È come giocare ai videogiochi. L'hai visto?

JACKSON: Sì. Non mi ha colpito.

WARHOL: Bene, grazie tante. A presto.

JACKSON: Lo spero. Se vedi Liza salutala, dalle un grande bacio ed un abbraccio per me.

(Warhol riattacca)



Colacello: Ti piacciono i Rolling Stones? Conosci Mick?

JACKSON: L'ho incontrato in un bagno. Era lì con Keith? Keith Moon?

Colacello: Keith Richards.

JACKSON: Keith Richards. Sono entrato e mi ha detto, Oh, ciao e abbiamo iniziato a parlare. Poi io sono tornato alla mia sessione. Non ci conosciamo molto bene.

Colacello: Leggi molto?

JACKSON: Sì. Amo leggere. Mi piace la filosofia e le storie brevi. Mi piace essere aggiornato sui più recenti best-sellers. Il Calendar del Los Angeles Times della Domenica è il mio giornale preferito. Ti consente davvero di sapere cosa succede ovunque. Ho i miei autori preferiti, non è che leggo tutti i best-sellers. Mi piace vedere quello che stanno facendo ed essere aggiornato su ciò che interessa alla gente. C'è un sacco di roba per il fisico ora.

Colacello: Tu ti alleni?

JACKSON: Ogni Domenica ballo per 30 minuti di fila senza interruzioni. Mi piace farlo.

Colacello: Perchè la domenica?

JACKSON: E' proprio il giorno che ho scelto. Io digiuno ogni domenica. Non mangio niente. Solo succhi di frutta.

Colacello: Perché fai questo?

JACKSON: Perché purifica l'organismo, pulisce il colon. Penso sia una gran cosa. Per fare in modo che funzioni devi farlo correttamente. E' la valvola fognaria dell'organismo. Devi tenerla pulita come pulisci l'esterno del corpo. Tutte queste impurità escono fuori dal tuo organismo, perché non pulisci all'interno. Si manifestano con i brufoli o le malattie. Le tossine cercano di uscire dal tuo organismo. La gente dovrebbe cercare di purificarsi.

Colacello: Non leggi la prima pagina dei giornali?

JACKSON: No. Posso dargli un'occhiata ma non la leggo.

Colacello: Troppo deprimente?

JACKSON: . Sì. Sono sempre le solite vecchie cose. A me piace rendere felici le persone. E' questo il bello dello show business. E' evasione dalla realtà. Paghi i tuoi cinque dollari per entrare e sederti lì e sei in un altro mondo. Dimentichi i problemi del mondo. E' meraviglioso. E' divertente. E' magia.



N.B. come tutti sappiamo MJ e Warhol si sono indubbiamente rivisti, tant'è che l'artista ha anche ritratto MJ.
Questo è il ritratto più famoso:





www.interviewmagazine.com/music/michael-jackson/

mjjcommunity
[Edited by 4everMJJ 2/5/2011 12:21 PM]
2/2/2011 9:40 PM
 
Quote
Mamma mia che bella anche questa intervista!

Non ricordo di aver mai letto, descritto in questo modo, con così tanto trasporto, della sua trasformazione sul palcoscenico.......e di come gli piacesse evadere lui stesso e farlo per noi:

Ho sempre apprezzato la sensazione di essere sul palco, la magia che ne deriva. Quando sono sul palco è come se tutto ad un tratto arrivasse una magia da qualche parte e lo spirito ti colpisse e tu perdessi il controllo di te stesso.

Amo esibirmi. E' una fuga fenomenale. Se vuoi davvero far uscire tutto ciò che senti, quello è il momento di farlo. Con la recitazione è come diventare un'altra persona. Penso che sia fantastico, soprattutto quando ti dimentichi totalmente. Se ti dimentichi del tutto, cosa che amo fare, è lì che diventa magico. Mi piace creare la magia, mettere insieme qualcosa che è così insolito, così inaspettato che manda le persone fuori di testa.[/G




Ma poi com'è sta storia che non sapeva chi sono i Duran Duran??

Grazie Cri....ma come le trovi? (ahaha!!)

E te pareva che non mi contagiavo col grassetto........

Niente da fare.....non riesco a toglierlo....

[Edited by badgirl. 2/2/2011 10:27 PM]
2/2/2011 10:00 PM
 
Quote
Grazie Cri [SM=g27838]

Mi sono messa a ridere quando ha detto che non conosceva i Duran Duran [SM=g27828]
2/2/2011 10:20 PM
 
Quote
Post: 4,834
Registered in: 7/20/2009
Location: LECCO
Age: 39
Gender: Female
Bad Fan
OFFLINE
Cri !!!!!!!!!!!!!!!!! Io ti farò un monumento prima o poi, magnifica anche questa intervista, qui traspare proprio tutta la magia e la voglia di stare sul palco che aveva MJ all'epoca e che cmq ha sempre avuto, lui l'ha sempre detto che il palco era il suo mondo......Bellissimo quando parla dell'arte, la penso esattamente come lui (io poi adoro la Storia dell'Arte), un quadro, anche se è una semplice tela può trasmettere molto, è magia, come lo era MJ ;-)))))) . La telefonata col grande Wharol è troppo forte, xò dai, come cavolo faceva MJ a nn sapere chi erano i Duran!?! Michael, questo nn si fa!!!!!!!!!! :-DDDD . Grazie davvero di cuore Cri.... Baci

It's all for Love...L-O-V-E - Michael Jackson




The Dancer on the Moon - our Michael Jackson Blog.

2/2/2011 10:39 PM
 
Quote
Post: 7,541
Registered in: 1/15/2002
Location: NAPOLI
Age: 44
Gender: Male
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
Tutte queste interviste insieme.... [SM=x47963] [SM=x47962] [SM=g27819]

Cmq i Duran Duran se ricordo debuttarono nel 1981, e cmq un paio di anni dopo fecero il boom, forse nel periodo dell'intervista erano già conosciuti ma non famosissimi, erano poi inglesi [SM=g27818]

Cmq è attuale, si parla di Tron [SM=x47979]

Grazie per la traduzione [SM=g27811]
[Edited by dollarboy77 2/2/2011 10:40 PM]
2/2/2011 11:31 PM
 
Quote
"Io posso guardare una scultura o un dipinto e perdermi completamente in essi. Stare lì in piedi lì a guardare e diventare parte della scena. Ti può far piangere, ti può colpire così tanto. Vedi, è quello che penso debba fare l'attore o il perfomer, essere a contatto con quella verità all'interno della persona. Toccare quella realtà al punto che diventa una parte di quello che stai facendo e puoi portarli ovunque vuoi. Tu sei felice, loro sono felici. Quali che siano le emozioni umane, sono lì con te"

Ecco la passione che ardeva in Michael, il fuoco che trasformava questo esile ragazzo nel magnetico performer in grado calamitare il pubblico e riempire la scena con la sua sola presenza.
Vedo che non sono stata l'unica a stupirmi per i Duran Duran [SM=x47979] ...un altro mito della mia adolescenza!!
[Edited by foreverdarling70 2/2/2011 11:32 PM]
2/2/2011 11:41 PM
 
Quote
Post: 4,837
Registered in: 7/20/2009
Location: LECCO
Age: 39
Gender: Female
Bad Fan
OFFLINE
Re:
dollarboy77, 02/02/2011 22.39:

Tutte queste interviste insieme.... [SM=x47963] [SM=x47962] [SM=g27819]

Cmq i Duran Duran se ricordo debuttarono nel 1981, e cmq un paio di anni dopo fecero il boom, forse nel periodo dell'intervista erano già conosciuti ma non famosissimi, erano poi inglesi [SM=g27818]

Cmq è attuale, si parla di Tron [SM=x47979]

Grazie per la traduzione [SM=g27811]




Ricordi bene Dollar, i DD debuttarono nel 1981 sull'onda della nascita della corrente New Romantic e New Wave (come anche gli Spands) e nell'82/'83 avevano già inanellato una bella collezione di successi (se nn sbaglio "Rio" e "Notorius" sono di quegli anni), ecco xè mi sembra starno che nn li conoscesse, xò è anche vero che nn so quanto fossero famosi negli States all'epoca, in Europa era sicuramente mania, ma lì nn so, spero che poi MJ abbia riempito questa "lacuna" [SM=g27828] [SM=g27828] [SM=g27828] . Scusate l'OT, ma nn ho resistito [SM=g27819] [SM=g27819] e scusa Dollar x la spatafiata sui DD, ma nn posso farci nulla, li adoro (come gli Spands [SM=g27828] )!!!
[Edited by BEAT IT 81 2/2/2011 11:42 PM]

It's all for Love...L-O-V-E - Michael Jackson




The Dancer on the Moon - our Michael Jackson Blog.

2/2/2011 11:46 PM
 
Quote
Rio è dell'82, Notorius è venuto dopo, mi pare '86..
2/3/2011 12:28 AM
 
Quote
Post: 4,842
Registered in: 7/20/2009
Location: LECCO
Age: 39
Gender: Female
Bad Fan
OFFLINE
Re:
foreverdarling70, 02/02/2011 23.46:

Rio è dell'82, Notorius è venuto dopo, mi pare '86..




Grazie della correzione Forever...beh, allora erano già uscite anche "Hungry like the Wolf" e la mia amata "Save the Prayer" che sono tutte e 3 dell'album "Rio", x cui direi già in pieno bum, xò penso che come genere fossero un po' distanti dal nostro MJ....

It's all for Love...L-O-V-E - Michael Jackson




The Dancer on the Moon - our Michael Jackson Blog.

2/3/2011 1:01 AM
 
Quote
Re: Re:
BEAT IT 81, 03/02/2011 0.28:




Grazie della correzione Forever...beh, allora erano già uscite anche "Hungry like the Wolf" e la mia amata "Save the Prayer" che sono tutte e 3 dell'album "Rio", x cui direi già in pieno bum, xò penso che come genere fossero un po' distanti dal nostro MJ....[/QUOTE]


E mi sa di sì....probabilmente lui li ha snobbati un pò..
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 3 4 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:38 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com