Freeforumzone mobile


Dal 2001, la più grande Community Jacksoniana d'Italia e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it

Berry Gordy: «Michael Jackson rovinato da suo padre, con noi oggi sarebbe vivo»

  • Posts
  • OFFLINE
    Compix83
    Post: 6,393
    Registered in: 7/18/2009
    Gender: Male
    Vice Amministratore
    Bad Fan
    Direzione
    00 3/5/2016 5:59 PM
    Parla il fondatore della Motown Records in un'intervista al Sun



    Sono passati quasi 7 anni dalla morte di Michael Jackson, scomparso nel giugno del 2009 a causa di una intossicazione letale di Propofol, per la quale è stato da tempo va avanti una vienda giudiziaria che vede coinvolto il suo medico personale Conrad Murray. Le voci, le supposizioni e i rumours inerenti le possibili cause di un decesso sopraggiunto quando il re del pop aveva da poco compiuto 50 anni, si sono focalizzate sin da subito sull'idea che,aldilà di un colpevole materiale, dietro il decesso di uno degli artisti più popolari della storia della musica ci fossero macchinazioni di vario tipo, giochi di potere e soprattutto di soldi.

    Ad offrire una versione insolita, che punta il dito contro il padre ell'artista, è uno dei più grandi amici di sempre di Micahel Jackson, il grande produttore discografico Berry Gordy, noto nell'ambito musicale per aver dato i natali artistici a personaggi del calibro di Stevie Wonder, Diana Ross, Jackson 5 e quindi Michael Jackson stesso, giusto per citarne alcuni. La sua etichetta discografica creata negli anni '60, la Motown, fece sì che nascesse un vero e proprio genere musicale, nonché una sorta di crew discografica consolidata. A detta di Berry, che dice la sua sulla morte di Michael Jackson, la Motown era soprattutto in grado di proteggere i suoi artisti. Come avrebbe fatto con Michael, che per lui sarebbe ancora vivo se non avesse abbandonato la Motown per lanciarsi nel mondo del pop.

    La colpa sarebbe da attribuire al padre, Joe Jackson, e alla sua sete di potere e di soldi. In un'intervista al Sun Berry Gordy sostiene che Jackson non avrebbe fatto quella fine se fosse rimasto con la sua etichetta e che "Non fu Michael a decidere di lasciare la Motown, ma suo padre".
     Gordy aveva preso sotto la sua ala protettrice i Jackson 5 nel 1967, assumendo così un ruolo chiave nella carriera del gruppo e poi nel lancio di Michael Jackson come solista. Oggi, 86 anni, Gordy ha ceduto la quasi totalità dell'impero creato ad altre case discografiche e si gode le somme di denaro riuscite raccogliere dalla vendita: nel 1988 Gordy cede i suoi interessi nella Motown alla MCA Records per 61 milioni di dollari. Qualche anno dopo ha ceduto alla EMI gran parte dei suoi interessi nel catalogo Motown (su un totale di circa 15 mila brani, in 240 è accreditato come autore o coautore).

    Fonte: Fanpage.it
    [Edited by Compix83 3/5/2016 6:00 PM]
  • OFFLINE
    rosi@
    Post: 2,957
    Registered in: 11/26/2010
    Location: ROMA
    Age: 104
    Gender: Female
    Utente Certificato
    Dangerous Fan
    00 3/5/2016 10:31 PM
    Col senno di poi ...... [SM=x47981]
  • OFFLINE
    (Miss Piggy)
    Post: 10,529
    Registered in: 12/30/2009
    Location: BOLOGNA
    Age: 48
    Gender: Female
    Utente Certificato
    Thriller Fan
    00 3/6/2016 6:29 PM
    L'età sta dando parecchio alla testa anche a Gordy altrochè!!
    Dell'influenza del padre - lavorativamente parlando - Michael si era liberato 30 anni prima di morire [SM=g27829] ....

    Anche credendo che tutta la "letteratura" con cui per anni ci han disegnato un Michael deciso a prender in mano il suo destino sia una creazione di uffici stampa, rimane il fatto che gli artisti dalla Motown scappavano perchè soffocati artisticamente (tranne Steve Wonder, decisamente troppo grande per esser contenuto da chicchessia, negli anni '70).
    [Edited by (Miss Piggy) 3/6/2016 6:38 PM]
  • OFFLINE
    rosi@
    Post: 2,960
    Registered in: 11/26/2010
    Location: ROMA
    Age: 104
    Gender: Female
    Utente Certificato
    Dangerous Fan
    00 3/6/2016 7:36 PM
    Re:
    (Miss Piggy), 06/03/2016 18:29:

    ...... rimane il fatto che gli artisti dalla Motown scappavano perchè soffocati artisticamente (tranne Steve Wonder, decisamente troppo grande per esser contenuto da chicchessia, negli anni '70).


    Michael ha deciso di lasciare la Motown a solo 16 anni perché non gli consentivano di cantare le canzoni scritte da lui. Lo ha raccontato lo stesso "smemorato" Berry Gordy in un'intervista di parecchio tempo fa.
  • OFFLINE
    Neverland1973
    Post: 4,754
    Registered in: 11/11/2012
    Gender: Female
    Utente Certificato
    Bad Fan
    00 3/6/2016 8:52 PM
    Re:
    rosi@, 05/03/2016 22:31:

    Col senno di poi ...... [SM=x47981]



    [SM=g2927031]
    Si infatti, parla adesso come tutti...ora che MJ non c'è più, e prima? Lasciamo perdere... [SM=g27826]



    Heal The World
    make it a better place
    for you and for me
    and the entire human race....
  • OFFLINE
    mariae
    Post: 5
    Registered in: 6/16/2016
    Gender: Female
    This Is It Fan
    00 6/18/2016 10:35 PM
    Secondo me, la scelta rtistica di Mike è da rispettare, come anche la decisione di allontanarsi dalla famiglia e dall'influenza del padre per rivendicare la sua libertà. A volte penso che la Motown e Quincy avrebbero potuto proteggerlo e forse davvero sarebbe ancora vivo. Ma non possiamo certo sapere quello che sarebbe accaduto.
    Però è sempre vero che il padre è stato causa del suo più profondo malessere, un malessere che non ha mai superato.