Freeforumzone mobile


Dal 2001, la più grande Community Jacksoniana d'Italia e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it

[news] "Sonic Fantasy": il nuovo documentario su Michael Jackson e la creazione dell'album “Thriller”

  • Posts
  • OFFLINE
    DOUBLE-D
    Post: 14,204
    Registered in: 3/3/2002
    Gender: Male
    Moderatore
    Off The Wall Fan
    Staff
    00 6/16/2020 12:20 PM

    In un'intervista di Cabotà a MJStreet, che si trova sul sito dedicato a Sonic Fantasy, viene detto:

    MJStreet: Quando uscirà finalmente il documentario? È già stata fissata una data?

    Marcos Cabotá: L'assemblaggio è al 90% completo e avrebbe dovuto essere terminato alcune settimane fa. Tuttavia, a causa dell'attuale pandemia, abbiamo dovuto fare una pausa. Abbiamo in programma di terminarlo entro la fine dell'estate e di rilasciare il film entro la fine dell'anno... e chissà, magari alla data di anniversario dell'uscita dell'album!


    Intervista integrale del 27 Maggio 2020 qui:

    FONTE: www.sonicfantasymovie.com/interview-marcos-cabota-reveals-the-secrets-of-sonic-fantasy...



    ::: FAN dal 1991 - Presente sul FORUM dal 2002 :::
  • OFFLINE
    Adelina78
    Post: 2,572
    Registered in: 4/12/2019
    Gender: Female
    Utente Certificato
    Dangerous Fan
    Thriller fan
    00 6/16/2020 12:23 PM
    [SM=g5818274] [SM=g5818274]

    Forever with you MJJ
    You are engraved in my heart ♥
  • OFFLINE
    Morphine95
    Post: 438
    Registered in: 2/9/2018
    Location: BOLOGNA
    Age: 25
    Gender: Female
    Amministratore
    Invincible Fan
    Direzione
    00 6/16/2020 12:38 PM



    Aggiornamento:

    Intervista di MJStreet a Marcos Cabotá del 27 Maggio 2020: 

    INTERVISTA: MARCOS CABOTÁ SVELA I SEGRETI DI SONIC FANTASY

    Tra due anni, "Thriller" celebrerà il suo 40° anniversario. Un album che, ad oggi, rimane il più venduto di tutti i tempi. Questo inesauribile mito ha ispirato il regista spagnolo Marcos Cabotá. Il quale, da grande ammiratore del re del pop, ha deciso di intraprendere un ambizioso progetto: raccontare la storia di Thriller attraverso un documentario che dà voce a tutti coloro che si trovavano con Michael Jackson in studio nel 1982. In un clima primaverile così particolare, segnato dal COVID-19, il regista si è preso un po' tempo per svelare alcuni segreti di questo tanto atteso progetto.


    MJStreet: Com'è nato il progetto?

    Marcos Cabotá: Innanzitutto, adoro Michael Jackson e sono un regista qui in Spagna. L'ultimo documentario che ho realizzato, 3-4 anni fa, si chiama I Am Your Father, e parla di Darth Vader. È stato un grande successo ed è stato venduto in tutto il mondo. Netflix ne ha acquistato i diritti. Sono stato anche nominato per un Goya grazie a questo documentario, è stato semplicemente fantastico. Da allora, molti dei miei amici mi hanno detto: "Ora devi realizzare un documentario su Michael Jackson". Perché sanno che nella mia vita ho due passioni: Star Wars e Michael Jackson. Non sapevo da dove iniziare, perché Michael Jackson è un argomento così vasto da confondermi. Quindi ho dovuto prendermi del tempo per pensarci su. Se avessi dovuto fare un documentario su Michael Jackson, non volevo fare un film solo per i fan. Volevo realizzare un documentario rivolto a tutti. L'impatto di Michael è globale e abbiamo dovuto trovare l'angolazione migliore. E poi ho pensato a "Thriller". È l'album più venduto di tutti i tempi e ce n'è solo uno al mondo di quel calibro. Mi sono reso conto che non era stato fatto nulla su "Thriller". L'Estate non ha realizzato niente in proposito. Trovo incredibile che non ci siano documentari dedicati all'album più venduto di tutti i tempi. Ci sono stati dei libri, ma nessun film dedicato a "Thriller".

    Quindi ho iniziato a consultare questi libri. Tra l'altro, "Thriller" non è nemmeno il mio album preferito. Quindi volevo provare a capire meglio la storia di questo album, comprendere meglio il suo impatto. E ho capito che c'era una vera storia da raccontare. I miei amici Toni e Laura (di MJ's HideOut) hanno avuto un ruolo importante. Come regista, so che devo contare sul supporto di persone come Toni e Laura. Toni è come un'enciclopedia vivente di Michael Jackson e Laura non è seconda a nessuno nell'organizzare un progetto. Con queste due persone al mio fianco, le cose hanno iniziato a diventare più semplici. Sono andato con loro in Francia per partecipare a uno degli MJ Music Day, che ha offerto un seminario interessante guidato da Michael Prince e Brad Buxer. Eravamo presenti a questo evento come fan. Ad un certo punto, hanno proiettato il trailer di un documentario dedicato alla carriera di Bruce Swedien, dal suo debutto a Chicago all'album Invincible.

    A quel punto ho contattato il regista di questo film, Gareth Maynard, che è inglese e che aveva smesso di promuovere il film per diversi anni. Stavo guardando questo documentario e mi sono detto: "È bello! Non è perfetto, ma non è male". L'ho guardato con occhi professionali, da regista. E ho trovato un peccato che questo film non potesse essere trasmesso e visto adeguatamente in tutto il mondo. Alla fine della proiezione, sono andato a Gareth per dirgli "È un bel documentario". Poi ho aggiunto: "Che cosa hai intenzione di farci?" e lui mi ha risposto: "Niente. Sono passati sette anni da quando l'ho fatto. Non sono riuscito a venderlo, quindi non c'è nient'altro che possa fare".

    Sono tornato a casa e una settimana dopo ho chiamato Gareth. Gli ho detto "Farò un documentario su Thriller e mi piacerebbe molto che Bruce Swedien ne facesse parte. Ciò mi permetterebbe di parlare di questo album dal punto di vista di Bruce. Ti andrebbe di contattarlo per poterlo intervistare a casa sua in Florida? Andrei lì per filmare una nuova intervista e porgli nuove domande. Ma ho bisogno delle basi del tuo lavoro e che tu sia d'accordo".

    Ne abbiamo discusso e lui ha acconsentito. Si è preso del tempo di guardare i miei altri film e gli piaceva il modo in cui lavoravo. È stato d'accordo con la mia proposta, ed è così che è diventato un produttore di Sonic Fantasy. Sono riuscito a guardare le riprese di Gareth e ad usare alcune di esse per il mio documentario, ma il 95% del nastro è costituito da nuove riprese.

    Ho dovuto ri-girare le interviste, soprattutto per motivi di formato. Quando si trasmette in televisione o su Netflix, è necessario soddisfare determinati standard tecnici. Per il suo documentario, Gareth aveva usato la sua macchina fotografica, ma non soddisfaceva questi standard di trasmissione. Quindi sono tornato a girare tutto con i media cinematografici, in 4K.

    MJStreet: Come hai selezionato le persone da intervistare per questo documentario? Hai iniziato da un elenco già pronto o hai aggiunto alcune persone durante le riprese?

    Marcos Cabotá: Per cominciare ho fatto un elenco. Ho anche iniziato da libri come quello che hai scritto con François (Allard), ed è stato molto utile per me. Ma volevo anche intervistare persone che avevano lavorato con Bruce Swedien e Michael, anche se non facevano parte del progetto "Thriller", come Brad Buxer. Volevo sapere della relazione tra Michael e Bruce Swedien. Poi, quando ero a casa di Bruce per filmare la sua intervista, lui ha detto: "Oh, dovresti anche scambiare due parole con questa persona!" Ed è così che ho aggiunto altri nomi alla lista!

    In genere, per un documentario di due ore, vengono selezionate una quindicina di persone per le interviste. Per questo ne abbiamo trenta. Avremmo potuto andare ancora oltre, ma abbiamo solo due ore per questo documentario. Quindi andavano prese delle decisioni.

    MJStreet: Durante la realizzazione di questo documentario, c'erano delle idee preconcette che in realtà si sono rivelate diverse? Hai cambiato idea su alcuni aspetti di Thriller quando hai scoperto cose nuove?

    Marcos Cabotá: Assolutamente sì! In realtà, mi è sempre piaciuto molto Thriller, ma dopo aver realizzato questo film, mi piace ancora di più. Capisco perché è diventato l'album più venduto della storia. Non è solo una questione di canzoni e musica, è anche una questione di contesto, di quando è successo tutto. Dipende da molte cose legate all'industria discografica, ma anche alla società in generale. Questi sono tutti fattori che spiegano anche il successo di Thriller. Ho scoperto cose che non sapevo sull'album e ovviamente le ho incorporate nel film.

    MJStreet: Hai detto che Thriller non è il tuo album preferito... Allora, qual è il tuo album preferito di Michael Jackson?

    Marcos Cabotá: Dangerous! Adoro ogni cosa di questo album. Mi piace il modo in cui Michael Jackson, con Teddy Riley e altri produttori come Bill Bottrell e Brad Buxer, hanno lavorato su questo disco. Mi piace il suono innovativo di canzoni come Jam, Why You Wanna Trip On Me o In The Closet. Per me Who Is It è un capolavoro. Mi piace molto Thriller, e ora che lavoro a questo documentario da quasi due anni, è un album che amo ancora di più. È magico. C'è questo incredibile team composto da Quincy Jones, Michael Jackson e Bruce Swedien, senza dimenticare Rod Temperton. Questo è qualcosa che non può più accadere... Questo nuovo documentario è per tutti. Chiunque conosce Thriller e Billie Jean.

    MJStreet: Ho visto sul sito web del documentario che il video contiene un'intervista con Quincy Jones. È stato facile contattarlo? Perché di solito chiede di non essere interpellato sull'argomento. Forse è stata la partecipazione di Bruce Swedien al progetto a convincerlo?

    Marcos Cabotá: Dunque, effettivamente tutti quelli che si vedono nel documentario hanno accettato di partecipare al progetto perché Bruce Swedien è stato il punto di partenza dell'avventura. Perché, oltre a raccontare la storia di Thriller, stiamo anche attraversando la storia di Bruce Swedien. Ecco perché tutte queste persone hanno accettato di far parte del film. Amano Bruce, e infatti è stato Bruce stesso a chiamare Quincy Jones per noi.

    MJStreet: Se ricordo bene, il documentario sarà disponibile su Netflix. Dato che si trattava di un album leggendario, hai ottenuto i diritti per utilizzare la musica di Thriller per includerla nel documentario?

    Marcos Cabotá: Prima di tutto vorrei sottolineare che, per il momento, la trasmissione su Netflix non è confermata. È vero che il mio precedente documentario è stato trasmesso su Netflix in tutto il mondo, ma al momento non so se questo verrà diffuso su Netflix, Amazon o altrove. In ogni caso, il mio obiettivo è diffonderlo in tutto il mondo, tramite Netflix o qualsiasi altra piattaforma.

    Per quanto riguarda la musica, è un'ottima domanda. In effetti, nel mio documentario su Star Wars, non mi è stato permesso di usare le colonne sonore del film. Quindi mi sono assicurato di realizzare un documentario in cui la musica non contava così tanto, che alle persone che lo guardavano non importasse. Per Sonic Fantasy ho contattato l'Estate. Fino ad oggi, non sono ancora autorizzato a usare la musica di Thriller. Ma quello che posso già dire è che Brad Buxer fa parte della colonna sonora del documentario. Suona pezzi al piano ed esegue anche canzoni di Michael Jackson. Ma spero che l'Estate mi permetta di usare la musica. In un certo senso, questo documentario si concentra principalmente sulla storia dell'album. Non voglio usare minuti preziosi per far ascoltare un'intera canzone, perché c'è così tanto da dire sulla creazione di un album che non impiegherò il tempo così. Voglio dedicare più tempo ai dettagli, aneddoti, immagini, foto e testimonianze che sono stato in grado di raccogliere durante le mie ricerche. La musica è importante, ma non è tutto.

    MJStreet: Ora che hai realizzato questo documentario, capisci meglio perché Thriller è diventato l'album più venduto della storia?

    Marcos Cabotá: Molto meglio. Come vedrai nel film, tutti volevano fare qualcosa di enorme. Questo progetto è nato dalla frustrazione che Michael provava per se stesso perché aveva vinto solo un Grammy per Off The Wall, che aveva già avuto molto successo con il pubblico. Thriller è nato in un contesto sociale e politico molto specifico. C'è stata una devastazione della musica nell'industria discografica. Quincy, Michael e Bruce volevano pubblicare il miglior album possibile. E infatti hanno pianificato tutto nei minimi dettagli. Questo è ciò che mostro nel film. Quincy Jones dice spesso: "Queste sono cose che non puoi prevedere". OK, è vero, ma tutti e tre sapevano molto bene che stavano realizzando qualcosa di enorme. Erano costantemente alla ricerca del meglio: non solo per le canzoni, ma anche per i musicisti e le tecniche utilizzate in studio.

    E tornando alla tua domanda, ora capisco perché è diventato l'album più venduto di tutti i tempi. Il punto di forza di Thriller è che puoi ascoltarlo oggi senza poter dire quando è stato creato. È attuale. È come se fosse stato registrato ieri.

    MJStreet: Quando uscirà finalmente il documentario? È già stata fissata una data?

    Marcos Cabotá: Il montaggio è al 90% completo e avrebbe dovuto essere terminato alcune settimane fa. Tuttavia, a causa dell'attuale pandemia, abbiamo dovuto fare una pausa. Abbiamo in programma di terminarlo entro la fine dell'estate e di rilasciare il film entro la fine dell'anno... e, perché no, magari alla data di anniversario dell'uscita dell'album!

    MJStreet: Nel documentario hai menzionato il fatto che il progetto ET Storybook ha cambiato completamente la tabella di marcia di Thriller, al punto da danneggiare il suono finale della prima incisione dell'album?

    Marcos Cabotá: Certo. Inoltre, questa parte dell'ET Storybook è una delle più importanti del documentario. Con il senno di poi, ci rendiamo conto che questa storia ha avuto un ruolo enorme nella produzione di Thriller, in particolare per i problemi incontrati con la casa discografica MCA. Michael ha dovuto lasciare lo studio per dedicarsi a questo album, e in effetti ha cambiato la storia di Thriller.

    MJStreet: Ultima domanda: carta bianca. Vuoi aggiungere qualcosa in particolare?

    Marcos Cabotá: Sì, voglio dire che ho letto molti commenti e ho ricevuto alcune domande su questo documentario. Le persone vogliono sapere cosa contiene. Voglio rassicurarti: adoro Michael Jackson e questo documentario non ha nulla di negativo, anzi il contrario. Altri mi hanno chiesto com'è Quincy Jones, come parla di Michael, ecc. Ecco ancora che ti assicuro: Quincy ama Michael. Ho anche sentito gente dire che Bruce serbava qualche amarezza verso Michael... Ancora una volta voglio rassicurare tutti: Bruce ama Michael. E voglio anche aggiungere che questo film introduce la persona, l'essere umano che era Michael Jackson. Questo è qualcosa che siamo riusciti a mettere in evidenza in questo documentario. Tutti gli intervistati adorano Michael e ne parlano con grande affetto. Non vedo l'ora che la gente veda Sonic Fantasy. Personalmente, quando lo vedo, ho le lacrime agli occhi. Ho realizzato questo film con amore, proprio come tu e François avete scritto il vostro libro con amore e passione.

    La gente non dovrebbe aspettarsi un documentario come quello di Spike Lee su BAD 25 o Off The Wall. Il loro obiettivo era quello di trattare gli album canzone per canzone. Per quanto riguarda me, volevo raccontare la storia di Thriller e, quindi, ho dato molta importanza alla narrazione. Abbiamo evitato di essere eccessivamente tecnici per paura di isolarci dal pubblico. Devi vedere questo documentario come una bella storia, come una storia d'amore. È una storia d'amore con persone che amano la musica e che, a un certo punto della loro vita, hanno messo tutto quell'amore nel creare questo album. Non vedo l'ora di rilasciare questo film. Questo è il mio settimo documentario e posso già dire che è il mio preferito.

    Intervista di Richard Lecocq (MJ Street).

    ____________________________

    Traduzione a cura di Vittoria Moccia per MJFansquare.

    Fonte: Sonic Fantasy Website






  • OFFLINE
    mjj2pantera
    Post: 2,216
    Registered in: 8/13/2008
    Location: ENNA
    Age: 38
    Gender: Male
    Utente Certificato
    Dangerous Fan
    00 6/16/2020 3:49 PM
    Mi chiedo come sia possibile che un estraneo riesca a fare un documentario su thriller, mentre un progetto ufficiale come thriller 3d è accantonato per problemi di diritti?

    La musica è una sostanza pesante senza effetti collaterali. (Gigi D'Agostino)
  • OFFLINE
    Morphine95
    Post: 442
    Registered in: 2/9/2018
    Location: BOLOGNA
    Age: 25
    Gender: Female
    Amministratore
    Invincible Fan
    Direzione
    00 6/16/2020 4:41 PM
    mjj2pantera, 16/06/2020 15:49:

    Mi chiedo come sia possibile che un estraneo riesca a fare un documentario su thriller, mentre un progetto ufficiale come thriller 3d è accantonato per problemi di diritti?


    Se hai notato, lui racconta che l'Estate non gli ha ancora dato il via libera per usare le musiche di MJ. È probabile che manco glielo daranno. Però lui ha realizzato un prodotto valido a prescindere dalle musiche. Per un progetto come Thriller 3D è inevitabile che serva la musica.




  • OFFLINE
    Neverland1973
    Post: 5,952
    Registered in: 11/11/2012
    Gender: Female
    Utente Certificato
    Bad Fan
    00 6/16/2020 10:25 PM
    [SM=g5818274] [SM=g5818236]
  • OFFLINE
    Adelina78
    Post: 2,574
    Registered in: 4/12/2019
    Gender: Female
    Utente Certificato
    Dangerous Fan
    Thriller fan
    00 6/16/2020 10:36 PM
    Grazie Morphine. Io non vedo l'ora di di vedere questo film.
    Sono curiosa di vedere questo amore di Quinsy x Michael.
    Da ciò che ho letto l'interesse aumenta e parecchio. Grazie ancora

    Forever with you MJJ
    You are engraved in my heart ♥
  • OFFLINE
    rosi@
    Post: 4,718
    Registered in: 11/26/2010
    Location: ROMA
    Age: 106
    Gender: Female
    Utente Certificato
    Bad Fan
    00 6/17/2020 12:01 AM
    [SM=g5818274]
  • OFFLINE
    Morphine95
    Post: 443
    Registered in: 2/9/2018
    Location: BOLOGNA
    Age: 25
    Gender: Female
    Amministratore
    Invincible Fan
    Direzione
    10 6/17/2020 2:30 PM

    Devo dire, raga, che anche il mio interesse dopo aver tradotto questa intervista è molto aumentato. Forse siamo tutti stanchi di documentari inconcludenti, soprattutto dopo il boom che c'è stato nel periodo Leaving Neverland, ma da questo ora mi aspetto molto. Almeno si parla di musica, che dovrebbe essere l'aspetto più importante. Chissà, vedremo!




  • OFFLINE
    mjj2pantera
    Post: 2,217
    Registered in: 8/13/2008
    Location: ENNA
    Age: 38
    Gender: Male
    Utente Certificato
    Dangerous Fan
    00 6/17/2020 3:18 PM
    Morphine95, 16/06/2020 16:41:


    Se hai notato, lui racconta che l'Estate non gli ha ancora dato il via libera per usare le musiche di MJ. È probabile che manco glielo daranno. Però lui ha realizzato un prodotto valido a prescindere dalle musiche. Per un progetto come Thriller 3D è inevitabile che serva la musica.

    Certo che l'ho notato, ma penso che ci siano anche diritti di immagine, ma sta anche il fatto che hanno un po' rotto tutti questi documentari, dove dicono ciò che al 99% sappiamo. Attenzione, che ben vengano, ma fare un buon film?

    La musica è una sostanza pesante senza effetti collaterali. (Gigi D'Agostino)
  • Tag discussione
  • news