Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)






- THE JACKSON CAFÈ -

Vuoi conoscere davvero tutto di Michael Jackson? Sei nella sezione giusta!

Qui potrai leggere e pubblicare Approfondimenti, Testimonianze, Documenti e Aneddoti.

New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 3 | Next page
Vote | Print | Email Notification    
Author
Facebook  

[approfondimenti] Nuovo articolo di Joe Vogel: "Che cosa vediamo?"

Last Update: 11/6/2011 6:55 PM
Email User Profile
OFFLINE
11/1/2011 7:01 PM
 
Quote





Abbiamo sentito il punto più e più volte queste ultime settimane: non è Michael Jackson che è sotto processo, è il dottor Conrad Murray. Ma, naturalmente, noi conosciamo la realtà. Questo è il "processo per la morte di Michael Jackson." Egli è, come sempre, l'evento principale, lo spettacolo allettante. Si tratta di Michael Jackson che è sotto il microscopio come noi spiamo, ancora una volta, attraverso la sua casa, la sua cartella clinica, il suo corpo. E mentre il grande pubblico è molto più comprensivo ora che Jackson è morto, lui rimane oggetto di controlli infiniti e di giudizio.
Niente di tutto ciò importa, ora che l'uomo stesso non può sentire l'abuso? Alla persona media importerebbe se una "celebrità" come Jackson è trattata con indifferenza o insensibilità? Progetti come Voices , la cui serie "Parole e violenza" mette in evidenza la traiettoria inquietante del nostro discorso sociale, dice sì . Le parole contano. Non importa la destinazione. Le parole, come abbiamo visto con la recente attenzione sul bullismo giovanile e i suicidi, possono portare a fini rovinosamente tragiche. Possono anche essere utilizzate per ispirare e guarire.

Michael Jackson lo sapeva. Nel 1988 fece amicizia con Ryan White malato di AIDS, un ragazzo costretto ad uscire dalla sua scuola a Kokomo, Indiana a causa delle incessanti aggressioni verbali e minacce di violenza. Jackson, White ha detto, lo faceva sentire normale. " A Michael non importava di che razza eri, di che colore eri, qual era il vostro handicap, qual è stata la tua malattia", ricorda la madre di Ryan White, Jeanne ". [Egli] ha proprio amato tutti i bambini."



White è uno dei migliaia “outsiders” che Jackson raggiunse, aiutò e trattò con gentilezza. Lui si identificò in loro. Ha capito il loro dolore e la solitudine. Sentiva empatia per la loro lotta per vivere in un mondo che ha rifiutato di accettarli per quello che erano, e a causa della malattia, aspetto fisico, razza, orientamento sessuale o per altre ragioni.

Fin da ragazzo, Jackson possedeva questa sensibilità. Ascoltate il brano "Ben." C'è un'autentica sofferenza e compassione nella consegna di Jackson ("Non vedono te come ti vedo io / vorrei che essi tentassero"). La canzone può essere vista come una delle prime dichiarazioni artistiche di Jackson fatte a nome degli emarginati e incompresi. Ne seguirono molte altre.
Il ruolo esterno di Jackson può avere avuto inizio durante l'infanzia (come non c'è mai stato un tempo che Jackson si sentisse "normale" e mai un tempo in cui veniva percepito come tale). Eppure l'intensità e l'ostilità causata dalla sua differenza è cresciuta nel tempo. Nel suo saggio del 1996, "The Freak Celebrity: Gloria Grotesque di Michael Jackson," David Yuan ha sostenuto che Michael Jackson era stato definito "freak" del nostro tempo. Nessun altro personaggio pubblico nel mondo evocava lo stesso livello di ridicolo, di controllo e di iper-interrogatorio. Già nel 1985, Jackson era stato etichettato come "Wacko Jacko" dai tabloid, un termine da lui disprezzato. Nella stampa, è stato spesso descritto come "bizzarro", "strano" ed "eccentrico". In effetti, c'era molto poco che lui avesse detto o fatto a partire dalla metà degli anni '80 in avanti che non è stato descritto in questi termini da parte dei media. Jackson è stato deriso incessantemente per la sua malattia della pelle, la vitiligine, che la maggior parte della gente non credeva fosse vera fino a quando è stato confermata definitivamente dalla sua autopsia. E' stato deriso per il suo amore per gli animali, per il suo amore per i bambini, per il suo amore per il pianeta. E' stato deriso per i suoi matrimoni, per i suoi tre figli, per la sua casa di Neverland. E' stato deriso per la sua sessualità, la sua voce, il suo comportamento infantile. Non si poteva resistere a non riempire anche le recensioni della sua musica con pseudo-psicoanalisi e aggressioni personali. Ci può essere alcun dubbio sul fatto che questo trattamento da parte dei media e della cultura in generale era offensivo?

Sicuramente la vittima di questi attacchi disumanizzanti si è sentito così. Ascoltate le parole delle sue canzoni. In "Tabloid Junkie", egli descrive i mass media come "parassiti" che succhiano la vita fuori da lui, mentre drogano / distraggono il pubblico con una dose costante di sensazionalismo. In "Stranger in Moscow" è un artista in esilio, consumato e sputato fuori dal suo paese natale. "Stavo vagando sotto la pioggia", canta dal ruolo di solitario vagabondo, "Maschera della vita / Sentimento folle".
In "Scream" è così stanco di essere vittima di bullismo, supplica: "Oh, fratello, ti prego di avere misericordia poichè non riesco proprio a sopportarlo." La canzone, però, serve anche come veicolo di forza e per convincere ("Kickin 'me down / I Got To Get up "). Michael e la sorella Janet consegnano un contraccolpo feroce a un sistema che giustamente vedono come corrotto e ingiusto. "State vendendo le anime", canta Janet in un verso, "ma ho a cuore la mia." E' una canzone provocatoria sulla sopportazione della crudeltà, anche quando il dolore e l'indignazione sono così profondi che non possono che essere espressi in un urlo gutturale. In numerose canzoni, Jackson usa la sua musica come una chiamata a raccolta per gli altri che sono stati maltrattati. In "They don’t care about us", si fa testimone per i diseredati e gli umiliati. "Dimmi quello che è diventato dei miei diritti", canta "Io sono invisibile, perché tu mi ignori?" "Little Susie" richiama l'attenzione sulla condizione dei trascurati e abbandonati, raccontando la storia di una giovane ragazza i cui doni passano inosservati finché non viene trovata morta in fondo alle scale nella sua casa ("Lift her with care," Jackson canta: "Oh, the blood in her hair "), "Earth Song" offre un lamento epico in nome del pianeta e i suoi abitanti più vulnerabili (rappresentata da grida appassionate del coro, What about us!).

Attraverso tali canzoni (come pure attraverso la sua vita e persona), Jackson è diventato una sorta di rappresentante globale dell'"altro". I mass media, tuttavia, non hanno tenuto conto tanto delle differenze di Jackson, come hanno tenuto poco riguardo per gli "altri", ha detto nelle sue canzoni. Piuttosto, hanno trovato una narrazione che era semplice e redditizia - Jackson come eccentrico "freak", e lo hanno usato per quasi tre decenni, aumentando gradualmente la posta in gioco. Forse la risposta più convincente di Jackson per la percezione pubblica che lui ha portato è presente nella sua trilogia di canzoni tardo gotiche“Ghosts,” “Is It Scary,” and “Threatened.” . E' qui che Jackson rimanda uno specchio alla società che lo disprezza e chiede di guardare il proprio riflesso grottesco. “Is it scary for you!” domanda. Le canzoni e le loro rappresentazioni visive, non solo sono acutamente consapevoli di sé, ma anche dimostrano una comprensione accorta delle forze tossiche che lo circondano e lo tormentano.




Nel cortometraggio, Ghosts,, il sindaco di Normal Valley (una figura conservatrice di autorità ispirata, in parte, dal procuratore distrettuale di Santa Barbara, Tom Sneddon) schernisce il personaggio di Jackson: Freaky boy! Freak! Fenomeno da baraccone." In modo interessante, è lo stesso Jackson (travestito da Sindaco) che fornisce queste parole, e si può sentire il modo in cui sono state interiorizzate. Sono insulti destinati a segnare, emarginare e umiliare (che era in ultima analisi, lo scopo della caccia alle streghe del 1993 e 2005). Per il sindaco, la presenza di Jackson nella comunità è intollerabile. Non è che Jackson abbia fatto del male, è semplicemente che lui è diverso e che la differenza sta minacciando. In tali espressioni artistiche, Jackson riconosce chiaramente che cosa si sta facendo per lui. E' in fase di definizione da forze esterne. E' un fantasma che essi hanno costruito nelle loro menti. Come canta in "Is It Scary," "Se volete vedere stranezze / eccentricità sarò grottesco davanti ai vostri occhi." Sarà grottesco, in altre parole, perché questo è quello che la gente "vuole vedere." Ed è come sono stati condizionati a vedere. Più tardi nella canzone, anticipa le reazioni del suo pubblico, chiedendo: "Sono divertente / O semplicemente vi sto confondendo / Sono la bestia che visualizzate?".

E’ diventato qualcosa di meno che umano? Perché questo? E' il suo aspetto fisico? La sua identità ambigua? La sua storia di vita insolita? Non c'è dubbio Michael Jackson era diverso. La domanda è perché questa "differenza" ha incitato tale disprezzo fervente e tale abuso. Una delle notevoli qualità della vita di Jackson e del suo lavoro, tuttavia, è il fatto che egli si rifiuta di compromettere la sua "differenza". Non diventa mai "normale", come il termine è rappresentato da, diciamo, il sindaco di Normal Valley. Egli non è conforme alle aspettative. Piuttosto, egli è fedele a se stesso e ostenta la sua unica, sfaccettata identità, per la frustrazione di chi vorrebbe che lui si adattasse in schemi più prevedibili. La sua diversità, come osserva Susan Fast, è stata "impenetrabile, incontenibile, e ha creato ansia enorme. Si prega di essere nero, Michael, o bianco, o gay o etero, padre o madre, padre al figlio, non un bambino lui stesso, così almeno sappiamo come indirizzare le nostre liberali (in) tolleranze. E cercare di non confondere tutti i codici contemporaneamente." Anche più di due anni dopo la sua scomparsa tragica, a quanto pare, molte persone non sanno cosa fare di Michael Jackson. Egli si riduce, quindi, a facili etichette come "drogato". Una foto del suo corpo senza vita è cinicamente posta su siti di notizie. E' crudele, un comportamento ingiurioso mascherato da "normale." Forse è per questo che Jackson ha scelto il medium del gotico per reagire.

E' stato un modo per ribaltare la situazione, per rappresentare simbolicamente il mondo come spesso è percepito: mostruoso e grottesco. Le sue "storie dell'orrore" certamente non avevano soltanto lo scopo di intrattenere.
"I Freaks sono chiamati freak", ha osservato l'autore James Baldwin, "e sono trattati come sono trattati - per lo più, abominevolmente -. Perché sono esseri umani che causano l'eco, in profondità dentro noi, delle nostre paure più profonde e desideri". Eppure come Jackson divenne il magnete simbolico su cui erano proiettate molte di queste ansie culturali, è stato anche una persona reale che cercava di vivere la sua vita. Verso la fine di "Is It Scary", spiega, "Non sono solo ciò che si cerca di me", prima di rivelare a chi ascolta compassionevole: "Ma se siete venuti a vedere / La verità, la purezza / E' qui all'interno di un cuore solitario"

Ironicamente, è nella "performance" della sua arte che troviamo "la verità, la purezza." Questo è dove lui esorcizza i suoi demoni, in cui è trasfusa la sua angoscia in energia creativa. Questo è dove le pareti scendono e la maschera si stacca. Per il mondo esterno, può essere uno spettacolo, una caricatura, un fanatico, ma qui, infine, dentro la sua musica, mette a nudo la sua anima. Egli è un essere umano.
La domanda è: Che cosa vediamo?

Bibliografia

“Ryan White’s Mother Remembers Michael Jackson.” CBS News. July 8, 2009.
James Baldwin, “Freaks and the American Ideal of Manhood,” Playboy. January 1985.
Fast, Susan. “Difference That Exceeded Understanding: Remembering Michael Jackson. Popular Music and Society. Vol. 33, no. 2. May 2010.
Yuan, David. “The Celebrity Freak: Michael Jackson’s ‘Grotesque Glory,’ ” Freakery: Cultural Spectacles of the Extraordinary Body. Edited by Rosemarie Thomson (New York: New York University, 1998), 368–384.

voiceseducation.org/content/am-i-beast-you-visualized-cultural-abuse-michael...

L'articolo è stato pubblicato anche su Huffingtonpost:

www.huffingtonpost.com/joe-vogel/michael-jackson-trial-_b_1068750.html?ref=media&...


- Traduzione di Victoryfan per MJFS -
[Edited by Trilly-88 11/5/2011 7:30 PM]
Email User Profile
Post: 4,286
Registered in: 6/19/2010
Location: ANDRIA
Age: 61
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
11/1/2011 7:51 PM
 
Quote

Grazie Victory.
Bellissimo questo nuovo articolo di Vogel.
Che cosa vediamo?Io vedo Mj..con una grande anima.
Cosa che purtroppo molti non hanno voluto vedere e capire...
Email User Profile
Post: 2,437
Registered in: 9/11/2009
Gender: Female
Dangerous Fan
OFFLINE
11/1/2011 8:25 PM
 
Quote

...Per il mondo esterno, può essere uno spettacolo, una caricatura, un fanatico, ma qui, infine, dentro la sua musica, mette a nudo la sua anima. Egli è un essere umano.

Parole molto vere, peccato che non se ne siano accorti prima!
Grazie per la traduzione Dona [SM=x47938]
.

Di tutte le cose che farai la gente ricorderà solo le peggiori e se non le hai mai fatte le creerà dal nulla!
Michael Jackson

I love you more

La morte, per chi muore, è la fine di tutto; per chi resta è l'inizio del ricordo.
11/1/2011 10:43 PM
 
Quote

"Ma se siete venuti a vedere / La verità, la purezza / E' qui all'interno di un cuore solitario"



Grazie Victory.
Email User Profile
Post: 21
Registered in: 10/25/2011
Location: TREVISO
Age: 55
Gender: Female
This Is It Fan
OFFLINE
11/1/2011 10:44 PM
 
Quote

Grazie Victory.
Articolo molto bello.
Cosa vediamo? Dipende sempre da come e cosa si vuol vedere.
E' più facile guardare la superfice e giudicare.Michael è sempre stato un essere umano,con un anima speciale.
Email User Profile
11/1/2011 10:53 PM
 
Quote

Re:
Victoryfan, 01/11/2011 19.01:



Non c'è dubbio Michael Jackson era diverso. La domanda è perché questa "differenza" ha incitato tale disprezzo fervente e tale abuso. Una delle notevoli qualità della vita di Jackson e del suo lavoro, tuttavia, è il fatto che egli si rifiuta di compromettere la sua "differenza". Non diventa mai "normale", come il termine è rappresentato da, diciamo, il sindaco di Normal Valley. Egli non è conforme alle aspettative. Piuttosto, egli è fedele a se stesso e ostenta la sua unica, sfaccettata identità, per la frustrazione di chi vorrebbe che lui si adattasse in schemi più prevedibili.




Sottolineo solo questa parte, anche se praticamente tutto mi trova in sintonia.
Sottolineo solo questo perchè la sua coerenza, nonostante i tentavi di affossamento e difficoltà, parla per lui...

Totalmente d'accordo su quello che dice su Ghost e soprattutto "Is it scary"... quella canzone l'ho sempre vista in quel modo, come molto personale per lui. (e poi il cambio al brige mi fa impazzire [SM=g27836] )

Grazie mille!!! [SM=g27838]
11/2/2011 12:10 AM
 
Quote

"La sua diversità, come osserva Susan Fast, è stata "impenetrabile, incontenibile, e ha creato ansia enorme. Si prega di essere nero, Michael, o bianco, o gay o etero, padre o madre, padre al figlio, non un bambino lui stesso, così almeno sappiamo come indirizzare le nostre liberali (in) tolleranze. E cercare di non confondere tutti i codici contemporaneamente."

Appunto......questa, per me, è la risposta a molte domande (su Michael, ma non solo)
Email User Profile
Post: 313
Registered in: 6/21/2010
Gender: Female
Number Ones Fan
OFFLINE
11/2/2011 12:45 AM
 
Quote

Fin da ragazzo, Jackson possedeva questa sensibilità. Ascoltate il brano "Ben." C'è un'autentica sofferenza e compassione nella consegna di Jackson ("Non vedono te come ti vedo io / vorrei che essi tentassero"). La canzone può essere vista come una delle prime dichiarazioni artistiche di Jackson fatte a nome degli emarginati e incompresi. Ne seguirono molte altre.


Sensibilità, ciò che mi ha colpito di Lui, ma al di fuori del comune, altra, molto profonda e sentita. E' una dote che pochi possiedono, anche se credono di averla. La sensibilità e la compassione è bandita dai più perchè può essere debolezza, può far soffrire, esistono, per costoro, i perdenti, i cosiddetti "sfigati" ed i vincenti, ed al vincente va la stima, l'adulazione, gli altri non esistono.
Michael è stato adorato da una gran massa di persone, anche ammirato, ovviamente, ma la sua timidezza può, in alcuni casi, averlo tagliato fuori, la malattia lo ha reso più vulnerabile, le accuse lo hanno lentamente anientato. La sensibilità gli ha fatto sentire quanto erano brucianti quelle ferite inferte alla sua persona ma è sempre stata una delle qualità che lo hanno reso grande agli occhi di coloro che lo hanno sempre amato per le sue doti d'incredibile umanità.
[Edited by mo.vir 11/2/2011 12:53 AM]
Email User Profile
Post: 12,565
Registered in: 12/2/2009
Location: ORTA NOVA
Age: 29
Gender: Female
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
11/2/2011 1:51 AM
 
Quote

Re:
Victoryfan, 01/11/2011 19.01:

Una delle notevoli qualità della vita di Jackson e del suo lavoro, tuttavia, è il fatto che egli si rifiuta di compromettere la sua "differenza". Non diventa mai "normale", come il termine è rappresentato da, diciamo, il sindaco di Normal Valley. Egli non è conforme alle aspettative. Piuttosto, egli è fedele a se stesso e ostenta la sua unica, sfaccettata identità, per la frustrazione di chi vorrebbe che lui si adattasse in schemi più prevedibili.




Uguale a se stesso,in ogni istante e fino alla fine. Coerenza verso se stesso che a volte gli si è ritorta contro a causa della pochezza d'animo di chi lo ha circondato.
Ho condiviso molte volte questo pensiero con alcune persone,il mio apprezzamento per questo "stile di vita",chiamiamolo così.
Cosa vedo in lui? Onestà d'anima.
Grazie Donatella per la traduzione [SM=g27838]

Edit: Ire,leggo solo adesso il tuo post [SM=g27817] [SM=g27811]
[Edited by Anto (girl on the line) 11/2/2011 1:54 AM]




When I look at you... I'm Home ♥

Email User Profile
Post: 9,017
Registered in: 8/14/2009
Location: CIVITANOVA MARCHE
Age: 50
Gender: Female
Thriller Fan
OFFLINE
11/2/2011 2:49 PM
 
Quote

bellissimo articolo, grazie Donatella per averlo condiviso .... pura verita' su tutto

Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 3 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
La vera "Billie Jean" (3 posts, agg.: 10/5/2015 10:45 PM)
La Teoria delle intelligenze multiple (7 posts, agg.: 11/20/2015 6:48 PM)
Come Michael Jackson ha cambiato il volto della musica pop con “Thriller” (9 posts, agg.: 6/14/2016 2:03 AM)
Probabili ispirazioni di Michael per i suoi brani (16 posts, agg.: 7/5/2018 12:56 PM)
CASO CHANDLER: la verità sulle accuse del '93 in pillole (2 posts, agg.: 9/13/2017 12:07 PM)
Michael Jackson e la tecnica del "singhiozzo" (4 posts, agg.: 4/20/2017 6:19 PM)

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:33 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com