Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)





New Thread
Reply
 
Previous page | 1 2 3 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Jermaine Jackson risponde alle domande dei fan in esclusiva su MJJCommunity

Last Update: 3/4/2012 2:36 PM
Email User Profile
Post: 3,508
Registered in: 3/20/2010
Location: MONTEVARCHI
Age: 52
Gender: Female
HIStorical Member
Bad Fan
OFFLINE
3/1/2012 6:36 PM
 
Quote

Anche Jermaine Jackson, come Taj prima di lui, si è prestato a rispondere alle domande dei fan in una sessione di Q&A (domande e risposte) con MJJCommunity.
Come leggerete nella premessa di Ivy, che come al solito è la fantastica artefice e regista dell'operazione [SM=x47932] , Jermaine ha risposto a tutte le domande che gli sono state poste.
Per quanto non condivida il suo pensiero su qualche argomento, devo dargli atto di non aver avuto un atteggiamento elusivo (come abbiamo notato con Taj), ma di aver risposto in maniera dettagliata a tutte le domande, anche a quelle più "cattive", e diverse volte in maniera chiarificatrice.



Ecco la tanto attesa sessione esclusiva di Q&A di MJJC con Jermaine Jackson. So che inizialmente avevamo fissato un obiettivo molto ambizioso di finire questa Q & A per Natale ma poi abbiamo dovuto ritardare a causa delle vacanze e anche per numerosi impegni. Finalmente siamo in grado di darvi le risposte di Jermaine Jackson come speciale per l'anno bisestile. Spero che condividerete i nostri sentimenti e la sensazione che le risposte di Jermaine siano valse l'attesa.

Inoltre ho sempre chiesto ai partecipanti al Q&A se avrebbero risposto a tutte le domande o se avrebbero rifiutato di rispondere a qualche domanda. Posso dirvi che Jermaine ha risposto a tutte le domande che gli abbiamo inviato, e di questo gli diamo un enorme riconoscimento e lo ringraziamo tanto.

Godetevi la Q&A


Esclusiva sessione di domande e risposte di MJJC con Jermaine Jackson



MJJC: Di tanto in tanto contrasti le celebrità che definiscono Michael un tossicodipendente, e noi ti amiamo per questo. Tuttavia sembri restare in silenzio quando è la famiglia a definire Michael un tossicodipendente. Qual è la verità? Sei in disaccordo con alcuni membri della famiglia che continuano a chiamare Michael tossicodipendente? Hai mai detto loro di smettere o provare a formulare i loro commenti in maniera migliore?

Jermaine Jackson: Io non sono in conflitto con nessuno, perché tutti accettano il fatto che Michael è morto a causa di un'intossicazione da Propofol, e che lui lo usava perché era disperato per il bisogno di dormire, non perché era dipendente.

Personalmente ho ritenuto importante sottolineare la differenza tra la dipendenza da antidolorifici di un tempo di Michael e il parlare in modo sensazionalistico della sua dipendenza definendolo "un tossico", che i media e Murray erroneamente associavano alla sua morte. Ecco perché ho scritto quello che ho scritto e perché ho contestato tutte le stronzate durante il processo.

I miei fratelli e sorelle hanno condiviso conversazioni private e preoccupazioni con nostro fratello sulla sua dipendenza intorno al 2001-2002 e hanno diritto di parlarne, ma parlare di quel periodo non significa che lo stai definendo un tossicodipendente nel 2009. Lui non lo era.


MJJC: Perché tu e molti della tua famiglia continuate a sminuire ciò che Michael ha detto riguardo ai maltrattamenti di Joe? Ovviamente Michael ne è stato profondamente influenzato. Tu e la tua famiglia dite sempre che era disciplina quando non lo è. Non credi che Michael avesse il diritto di dire come l'ha vissuta e che per lui era un abuso, che tu sia d'accordo o no?

Jermaine Jackson: Sì, Michael aveva il diritto di dirlo, e così faccio io perché ho sperimentato la stessa disciplina da parte Joseph. Sono stato disciplinato. Non sono stato maltrattato. Ci ha trattati allo stesso modo e non mi scuso per aver tentato di mettere tutto questo in un contesto. In ogni famiglia ci sono prospettive diverse dello stesso evento. Io ho dato la mia.

Dirò questo: ho letto molte biografie che hanno inventato ciò che Joseph avrebbe fatto. La maggior parte erano pura fantasia o cose smisuratamente esagerate. Era tutto progettato per dipingerlo come il male. Joseph non è mai stato il male. Michael sarebbe d'accordo su questo.

Io non sminuisco l'esperienza e i sentimenti di Michael. Quello che ho cercato di fare è bilanciare quello che è successo e fare ciò che Michael ha cercato di insegnare a tutti noi: essere più comprensivi e più compassionevoli. Ecco perché ho usato il suo discorso all'Università di Oxford nel libro, perché non aveva il giudizio al vetriolo che alcuni fan hanno verso Joseph. Lo aveva perdonato. Lui non lo giudicava. Lo amava anche, e la storia merita diffusione.


MJJC: Cosa ti ha fatto pensare che Tohme Tohme era una persona degna di incontrare Michael e con cui fare affari? Cosa hai pensato sentendo la registrazione di Michael che dice che non gli piace Tohme e come controlla tutto ciò che Michael fa, compreso il suo denaro, e come lo tiene lontano da coloro che non voleva che Michael vedesse?

Jermaine Jackson: ho spiegato questo in molte pagine del libro, perché so come i fan si siano preoccupati e volevo spiegare tutto fin dall'inizio. La storia completa è lì. Non posso riesaminare il tutto di nuovo. Ma il più grande equivoco è che l'ho presentato a Michael come una sorta di partner o manager. Non è vero.

Ho incontrato la prima volta Tohme Tohme come qualcuno che poteva contribuire a finanziare il progetto Crystal City (descritto nel libro), a cui stavo lavorando con Michael intornoal 2007. Ho avuto quattro incontri con Michael per mettere la nostra visione sulla carta. Era tutto qui.

Ho incontrato Tohme Tohme per trovare un consorzio per raccogliere i 5-6 milioni di dollari di cui avevamo bisogno. Non una volta gli ho menzionato che Michael era coinvolto in questo progetto. Non una sola volta.

Poco dopo, ho sentito che Neverland era nei guai. Si parlava di pignoramento. Quella è stata la prima volta che sono andato da Tohme Tohme per Michael (13 aprile 2008) perché se questo tipo poteva trovare miliardi per un progetto per il tempo libero, probabilmente conosceva uomini d'affari che avevano 23-24 milioni per salvare Neverland. Quello era il mio pensiero.

Per farla breve, Tohme Tohme mi ha fatto conoscere Tom Barrack della Colony Capital. Sia ben chiaro, Tom ha salvato il culo di mio fratello a livello finanziario. La gente là fuori non ha alcuna idea di come la cosa fosse vicina al disastro.

Da quel momento in poi non sono stato parte dell'equazione e Tohme Tohme si è rivoltato contro di me. Non era un mio amico e so che non è diventato amico di Michael. Ma da aprile 2008 le scelte e i programmi che sono stati fatti non avevano niente a che fare con me. Michael era un uomo con la sua intelligenza.


MJJC: Perché a Tohme Tohme è stato permesso di stare all'UCLA Medical Center e anche di parlare il 25 giugno, dopo che Michael Jackson l'aveva licenziato?

Jermaine Jackson: Non so perché era lì o chi lo aveva autorizzato. Quando arrivai, lui era già lì nel corridoio, ma dovete capire che non stavo pensando a nulla di tutto ciò, o al perché gli è stato permesso di parlare. Quel giorno era tutto confuso.


MJJC: Qual è la tua opinione su Tohme Tohme ora?

Jermaine Jackson: La mia opinione su di lui? Era come tutti gli altri che andavano e venivano nella vita di Michael - non capiva la porta girevole in cui era finito. Io credo che il suo cuore fosse al posto giusto, ma penso che la possibilità di accesso gli sia andata alla testa. Il suo modo di fare era troppo aspro e impetuoso per Michael alla fine.


MJJC: Credi che le azioni del Dr Murray del 25 giugno abbiano direttamente causato la morte di Michael o hai la stessa visione di Latoya di quello che è successo? In altre parole, chi pensi sia responsabile della morte di Michael?

Jermaine Jackson: Con la causa per omissione di soccorso in corso (quella di Katherine, ndt) questo è un argomento in cui non voglio entrare, ma io dico questo: Murray è stata la persona che ha iniettato la dose fatale di Propofol, ma questo fatto non rimuove le domande che ancora ho. Inoltre, la morte di Michael era evitabile da altri, molto prima di quelle prime ore del 25 giugno 2009. Stava morendo molto prima di morire davvero e nessuno ha fatto niente e nessuno ci ha avvertiti, ha avvertito la sua famiglia. Se avessi saputo quello che so adesso, sarei stato lì per fermare tutto e portarlo in ospedale.


MJJC: Perché sei stato colto alla sprovvista dal fatto che Michael non ha nominato i suoi fratelli e sorelle e il padre nel suo testamento? Forse perché dato che si è preso cura della famiglia in vita credevi che naturalmente avrebbe fatto lo stesso in caso di morte? Era un qualcosa di cui Michael ha mai discusso con la famiglia?

Jermaine Jackson: Chi dice che sono stato preso alla sprovvista? Non abbiamo discusso la morte di Michael. Perché dovremmo? Il resto della famiglia ha avuto carriere musicali e abbiamo sempre avuto il nostro denaro.

Michael ha fatto ciò che un padre dovrebbe fare in un testamento, si è preso cura dei suoi figli e ha nominato nostra madre. Includendo lei ha incluso noi. La leonessa si prende cura dei suoi piccoli, e questa filosofia è sempre stata chiara nella nostra famiglia.


MJJC: Cosa pensi delle persone che Michael ha incaricato di gestire la sua Estate? Sei contento della sua scelta? Perché sembra che la vostra famiglia vada sempre contro l'Estate, avviando progetti senza la loro approvazione e facendo commenti ostili alla stampa circa le persone che gestiscono l'Estate?

Jermaine Jackson: Nessun Jackson ha bisogno dell'approvazione di qualcuno per avviare un progetto che celebra e ricorda nostro fratello. Non siamo stati incaricati ipoteticamente nel 2002. Siamo stati incaricati dal sangue al momento della nascita.



MJJC: Perché tu e la tua famiglia dite sempre che volevate lavorare con Michael ancora una volta per album e concerti quando tutti sanno che Michael non voleva più lavorare con la sua famiglia? Ad esempio: il 29 ottobre 2008 è stata annunciata una reunion di famiglia. Il giorno dopo, Michael ha rilasciato una dichiarazione che non aveva alcun piano di una reunion con i suoi fratelli. Perché avete fatto questo annuncio senza conferire con Michael prima?

Jermaine Jackson: Chi ha detto che "tutti sanno che non voleva più lavorare con noi"? Citano una data e un esempio e li applicano per sempre?

Tutti non sanno come stanno le cose, perché Michael aveva accettato di fare un concerto "finale" con i fratelli e questo perché la mamma voleva vederci tutti sul palco per l'ultima volta nella sua vita, non pensando che Michael sarebbe morto prima di lei.

Ha fatto questa promessa a lei, non a noi, e noi non ne avevamo davvero parlato. Ma quel concerto è stato incluso nei molti piani che aveva per il dopo This Is It, comprese date in Cina e una performance al Super Bowl 2010 (piani fatti prima del ritorno di John Branca)


MJJC: La tua ex-moglie, Margaret Maldonado, ha detto che eri intensamente geloso di Michael. Suzanne de Passe detto una cosa simile a Oprah nel 1993, che i fratelli erano gelosi di Michael. Eri o non eri geloso di Michael in qualche momento della tua vita? E cosa dici degli altri che ti conoscevano personalmente che affermano che eri geloso di tuo fratello?

Jermaine Jackson: Troppa gente ascolta quello che dicono gli altri. Non mi importa quello che gli altri pensano di sapere, e non importa se mi conoscono personalmente o no - non possono sapere quello che sento dentro. Non c'è una sola persona là fuori che può dire sinceramente che ho detto, o gridato o mi sono lamentato di Michael in modo geloso. Ci sono state differenze di tanto in tanto, ma mai gelosia.

Io rimango orgoglioso di Michael come lo ero quando era vivo, e questa è una ragione per cui ho scritto il libro - per parlare della nostra vita e del nostro percorso con le mie parole, non quelle di qualcun altro.


MJJC: Nel tuo libro e nelle interviste con i media per promuoverlo, eri irremovibile riguardo l'importanza della famiglia e come singolarmente eravate più deboli rispetto a come eravate collettivamente, come nucleo familiare. Era un tema che hai trattato in relazione alla carriera professionale di Michael, quando hai parlato di come outsider dell'industria musicale hanno cercato di separarlo dai suoi fratelli e che questo non è stato un buon risultato. Come spieghi allora il fatto che sei stato il fratello che si è staccato per primo dal gruppo familiare, quando sei rimasto con la Motown per perseguire una carriera solista piuttosto che seguire il padre e i fratelli nel loro contratto discografico migliore alla Epic? Se la tua carriera fosse stata un successo come quella di Michael, pensi che saresti stato così ansioso di tornare nel gruppo familiare?

Jermaine Jackson: Non credo di aver pensato troppo al fatto che ho lasciato i Jackson 5 fino a quando non l'ho scritto nel libro e mi ha fatto notare che la mia partenza avrebbe potuto essere un esempio per Michael. Se era giusto per me andarmene, era giusto anche per lui. Vedo questo in un modo a cui non avevo pensato prima.

Ma io uso la storia di Joseph sull'albero e i rami... come siamo più forti se uniti insieme, non separati. Se leggete il libro vedrete come fossi solo e come tutto quello che volevo era riunirmi con i miei fratelli. Indipendentemente dal successo, sono sempre stato desideroso di tornare a quelle radici.

Questa è una cosa diversa rispetto alla gente di Hollywood che circondava Michael e lo voleva isolato. Ho messo tutto nel libro perché la gente si faccia la sua idea e si ponga una domanda: Michael era una superstar, ma stava meglio come persona quando era isolato dalla famiglia? Vi dirò ora: se la famiglia fosse stata al Forum o allo Staples per il This Is It, quelle prove sarebbero state fermate molto prima e Michael sarebbe ancora con noi oggi.


MJJC: Nel tuo libro dici che NON hai scritto "Word to the Badd", ma nel 1991 hai rilasciato interviste, sia dal vivo che stampate, in cui senza mezzi termini hai dichiarato di aver scritto la canzone. Ad esempio, in un'intervista con il Times dici: "Ho scritto questa canzone - ed è venuta dal profondo del mio cuore - per aiutare il mio fratellino ad affrontare la realtà". Quale versione è la verità? E a prescindere da questo ti assumi la responsabilità per la canzone Word to the Badd? Anche se non l'hai scritta, non sei d'accordo che cantarla/registrarla sia stato altrettanto brutto?

Jermaine Jackson: Ho sentito come alcuni sono pronti a saltarmi addosso su questo tipo di parole riportate o di frase strana in un video. Il succo del discorso è che io non l'ho scritta e tutte le persone coinvolte sanno che non l'ho scritta, indipendentemente da ciò che ho detto o non ho detto in questa o quella intervista. Nessuno cita le interviste in cui ho detto che non l'ho scritta, vero??!

La storia vera è quella che ho detto molte volte, e quella che è nel libro. Ho accettato la responsabilità molto tempo fa e il mio rimorso era vero. E' un peccato per me che alcuni fan non riescano a passare oltre su questo come ha fatto Michael. Ma onestamente, quello che conta per me è che abbiamo messo le cose in chiaro tra noi fratelli.


MJJC: Se hai davvero hai la vitiligine, come hai dichiarato nel tuo libro, che cosa ti ha impedito di uscire allo scoperto quando tutti dubitavano che Michael avesse la malattia? Non credi che avrebbe potuto favorire Michael se fossi uscito allo scoperto in sua difesa e avessi detto che avevi una macchia di vitiligine, invece di deridere tuo fratello in una canzone sul cambiamento della sua pelle?

Jermaine Jackson: Per noi era una sciocchezza sentire tutte quelle bugie dei tabloid su Michael che sbiancava la sua pelle, ma dico quello che ha detto Michael: se avessimo passato il nostro tempo cercando di estinguere ogni rumor e ogni menzogna che sia stata detta o scritta, nessuno di noi avrebbe avuto una vita.

Quando ho iniziato a scrivere il libro non avevo intenzione di includere nulla di questo. Siamo (come famiglia) molto riservati. Ma l'ho menzionato un giorno e il mio ghost-writer ha pensato che fosse significativo. Ne abbiamo parlato e ho deciso di includerla dopo essere stato persuaso che si trattava di informazioni importanti.


MJJC: Nel tuo libro hai affermato che Michael non possedeva un telefono cellulare. Ci sono molte immagini, guardie del corpo e amici che confermano che Michael possedeva e utilizzava telefoni cellulari. E' possibile che Michael semplicemente non voleva parlare con te?

Jermaine Jackson: L'interpretazione della gente di una foto non significa che Michael possedesse un proprio cellulare solo perché era fotograto con uno. Per quanto ne so non c'era nessun cellulare su cui potevi chiamare Michael direttamente a meno che non fosse di qualcun altro.


MJJC: Cosa ti passava per la mente quando hai pensato che dire a tutti che c'era un 'piano di fuga' [se Michael fosse stato giudicato colpevole nel 2005] fosse una buona idea? Una fuga o lasciare il paese durante un processo (prima o dopo il verdetto) sarebbe stato un crimine. Ti penti di aver scritto questo?

Jermaine Jackson: Perché dovrei pentirmi?! Ancora una volta, questo è un esempio di come i giornali riportino in maniera inesatta quello che ho scritto nel libro. Non ho detto che c'era un piano "in caso di condanna". Ho detto che era un piano che avevo fatto dopo i primi giorni di presentazione delle prove. Non ho detto che era razionale, ma era quello che pensavo senza il beneficio del senno di poi.

Non mi venne in mente se era il modo giusto o sbagliato. Quello era un periodo in cui mio fratello veniva perseguito, arrestato e processato per qualcosa che non aveva fatto, e io avrei dovuto sedermi e avere fiducia nel sistema che lo stava torturando? Avevo zero fiducia e avevo incubi di un uomo innocente che andava in prigione. Ho scritto nel libro i pensieri e i sentimenti che stavo sperimentando in quel contesto. E' la verità, e non mi pento di avere scritto la verità.


MJJC: In che misura Michael deve il suo successo a te e al resto della tua famiglia? Credi che l'eredità di Michael sia dovuta a lui, e si distingua da quella dei Jacksons o dei Jackson 5?

Jermaine Jackson: Nella stessa misura in cui Paul McCartney deve il suo successo ai Beatles. La piattaforma di Michael sono stati i Jackson 5. Ognuno proviene da qualche parte.

L'eredità di Michael è dovuta a lui e alla sua luce notevole, e noi siamo orgogliosi come fratelli di aver condiviso i suoi primi giorni, perché i giorni dei Jackson 5 fanno parte della storia del successo di Michael Jackson. La storia non può separarli.


MJJC: Anche se la famiglia Jackson è una forza musicale incredibile e una leggenda musicale americana, la famiglia Jackson è consapevole del fatto che molti fan non vedono l'eredità della famiglia Jackson e l'eredità di Michael Jackson come una e sola - in particolare all'estero, dove la base di fan di Michael è così grande? Come pensi di poter far crescere l'eredità della famiglia Jackson senza alienarti i fans di Michael Jackson?

Jermaine Jackson: Penso di aver parzialmente risposto con la domanda precedente. Noi non vogliamo alienarci nessuno, perché Michael aveva i fan più fantastici, che sono fieri della sua eredità tanto quanto noi. L'eredità di Michael e l'eredità dei Jackson si intrecciano senza essere la stessa cosa. Penso che sia il modo migliore di dirlo... la nostra eredità è iniziata sulla stessa traccia e poi il percorso di Michael si è separato e lui ha proseguito sulla sua strada per creare un'altra eredità al di sopra del patrimonio dei Jackson 5.


MJJC: Dopo tutta la privacy e la protezione su cui Michael insisteva per i suoi figli, perché la tua famiglia promuove i ragazzi e trascura la loro privacy - in particolare con account pubblici di Twitter che li espongono a persone astiose. Capisci che mettere i bambini là fuori sembra per i fan contraddire direttamente tutto quello che il padre voleva per loro come bambini/adolescenti? Alcuni fan di Michael pensano che venga mancato di rispetto ai suoi desideri. Aiutaci a capire.

Jermaine Jackson: Non stiamo trascurando la loro privacy, e ai desideri di Michael non viene mancato di rispetto. Quei ragazzi sono protetti in modo determinato.

Michael ha affidato i suoi figli alle cure di nostra madre perché sapeva l'amore, la cura e l'attenzione che avrebbero ricevuto. Come ogni genitore sa, c'è una linea sottile tra il dire "no" e il rispettare i desideri del vostro bambino. Man mano che crescono e si evolvono, così devono essere prese le decisioni che riguardano la loro vita, lo sviluppo e le ambizioni.


MJJC: Sei consapevole del fatto che il blog internet in cui Jordan Chandler ritrattava le sue accuse contro Michael è una bufala? In interviste televisive tu e la signora Jackson quando difendevate Michael dalle accuse di abusi su minori usavate questo argomento per dimostrare l'innocenza di Michael e dato che è falso questo ha l'effetto opposto di fare in modo che gli spettatori continuino a mettere in discussione le accuse contro Michael. Ci sono tanti buoni argomenti per sostenere l'innocenza di Michael ed è estremamente frustrante per i fan ed estremamente dannoso nei confronti di tuo fratello, quando viene utilizzato un argomento che è chiaramente una menzogna.

Jermaine Jackson: Io non so a quale blog di Internet vi state riferendo.

L'avvocato di Michael, Tom, aveva un testimone che era pronto a testimoniare che Jordan Chandler gli aveva detto che le accuse erano false (avrebbe dovuto comparire come testimone nel 2005). Il ragazzo aveva privatamente ritrattato, e Tom stava per dimostrarlo. Credo che sia buono come qualsiasi argomento che può essere portato!


MJJC: Sei ancora fortemente contro le tracce Cascio? Se è così tu o qualsiasi altro membro della famiglia pianificate di mettere in discussione qualsiasi altra pubblicazione di eventuali altri futuri album di MJ che includano altre tracce Cascio?

Jermaine Jackson: Per il momento dirò quello che ho sempre detto su questo argomento: quando mai la musica di Michael e la sua voce è stata pubblicata con un punto interrogativo se fosse al 100% lui? Penso che la verità verrà fuori un giorno, ma no, questo primo album non è al 100% Michael e nessuno può parlare con me del suono autentico della voce di mio fratello.


MJJC: Questa è di tipo casuale, ma Michael ha mai espresso alcun interesse per l'Islam o per diventare un musulmano? Ci sono state molte voci che hanno vorticosamente girato nei mesi successivi alla sua morte che dicevano che era un musulmano.

Jermaine Jackson: Michael non si è convertito all'Islam. Ne era incuriosito e gli ho dato da leggere molti libri sull'Islam. Scrivo nel libro che, durante il suo processo 2005, era tornato alla Sala del Regno a pregare. E' giusto dire che è morto da Testimone di Geova.


MJJC: Qual è il peggiore scherzo che Michael ti ha fatto?

Jermaine Jackson: Secchi o bottiglie di acqua messi in equilibro sulla parte superiore delle porte. Acqua, acqua, acqua. In ogni scherzo che io ricordi ti ritrovavi bagnato fradicio!


MJJC: Cosa ti manca di più su Michael?

Jermaine Jackson: E' semplice: il suo sorriso. Aveva un sorriso come nessun altro.


MJJC: Se potessi dire una sola cosa a Michael, quale sarebbe?

Jermaine Jackson: Non sarebbe una cosa, sarebbero molte cose. Molte cose private, ma probabilmente gli ricorderei quanto fantastici sarebbero stati i suoi concerti di Londra, per la sua insicurezza su questo. Questa è la cosa più triste per me: che la sua morte ha confermato la menzogna che non era pronto o in forma sufficiente per esibirsi di nuovo, quando la verità è che stava per produrre lo spettacolo più incredibile del mondo e dimostrare a tutti che si sbagliavano mettendo in piedi il più grande ritorno.


MJJC: Hai in progetto di pubblicare un album solista di nuovo materiale e farai mai uno show/tour delle tue hit o del nuovo materiale?

Jermaine Jackson: Ho sempre progetti e idee e lavoro sempre su nuovo materiale. Non ho ancora finito!


MJJC: C'è un motivo per cui vediamo per lo più solo Marlon, Jackie e Tito insieme? Pensi che lavorerai mai con i tuoi fratelli di nuovo?

Jermaine Jackson: Avete visto solo Marlon, Jackie e Tito lo scorso anno perché ero impegnato a scrivere il mio libro, e poi c'è stato il processo. Mantengo la speranza che vedrete i fratelli lavorare insieme di nuovo.



MJJC: Cosa pensi di fare per Michael e la sua eredità per gli anni a venire?

Jermaine Jackson: Il mio libro è stata la prima cosa che potevo fare per onorare la sua memoria e lottare per la verità come lui non ha mai avuto la possibilità di fare. Guardando al futuro, il mio obiettivo sarà quello di conservare sempre la sua eredità al più alto livello in qualsiasi modo appropriato possa farlo.


Nota di MJJC: Lo sapevate che l'edizione tascabile del libro di memorie di Jermaine "You Are Not Alone" sarà pubblicata nel giugno 2012 con un nuovo capitolo bonus? Dateci un'occhiata!


www.mjjcommunity.com/forum/threads/121660-MJJC-Exclusive-Q-amp-A-with-Jermaine-Jackson-Read-Jermaine-s...

- Traduzione a cura di 4everMJJ per MJFanSquare.
In caso di diffusione della traduzione si prega di riportare la fonte, grazie. -
[Edited by 4everMJJ 3/1/2012 7:01 PM]
Email User Profile
Post: 2,608
Registered in: 9/11/2009
Gender: Female
Dangerous Fan
OFFLINE
3/1/2012 7:17 PM
 
Quote

E' vero, rispetto a Taj ha risposto a tutte le domande, ma alcuni dubbi ancora restano. Grazie instancabile Cri! [SM=x47938]

Di tutte le cose che farai la gente ricorderà solo le peggiori e se non le hai mai fatte le creerà dal nulla!
Michael Jackson

I love you more

La morte, per chi muore, è la fine di tutto; per chi resta è l'inizio del ricordo.
Email User Profile
Post: 5,827
Registered in: 12/30/2009
Location: BOLOGNA
Age: 48
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
3/1/2012 7:36 PM
 
Quote

Diamine, hai lavorato duro oggi [SM=x47979] !!
Appena riesco me la puppo con molto piacere.
Email User Profile
3/1/2012 7:50 PM
 
Quote

In alcuni punti addirittura esilarante.. qui per me si raggiunge il massimo "Siamo (come famiglia) molto riservati"

[SM=x47954] [SM=x47954] [SM=x47954] [SM=x47954] [SM=x47954] [SM=x47954]

Da alcune risposte (tipo quella fantastica sul cellulare!) si evince quanto peso dare alle sue parole... [SM=x47961]
Email User Profile
Post: 13,771
Registered in: 12/2/2009
Location: ORTA NOVA
Age: 29
Gender: Female
Utente Certificato
Off The Wall Fan
OFFLINE
3/1/2012 7:59 PM
 
Quote

Si para i fondelli alla grande [SM=g27829]
E molte volte si contraddice pure.
4everMJJ, 01/03/2012 18.36:


Michael ha fatto ciò che un padre dovrebbe fare in un testamento, si è preso cura dei suoi figli e ha nominato nostra madre. Includendo lei ha incluso noi. La leonessa si prende cura dei suoi piccoli, e questa filosofia è sempre stata chiara nella nostra famiglia.


Con la sola differenza che la leonessa si procura "cibo" da sola,non conta sull'aiuto del figlio più forte per far mangiare gli altri.
E poi invece dice che hanno avuto sempre denaro proprio,che lavoravano e disponevano di un loro reddito.
[SM=x47954]
Certo,ma i loro figli li campava Michael!
Solo una delle tante cose che mi hanno fatto scuotere la testa. E' inutile,questo tizio non mi scende proprio.




When I look at you... I'm Home ♥

Email User Profile
Post: 3,512
Registered in: 3/20/2010
Location: MONTEVARCHI
Age: 52
Gender: Female
HIStorical Member
Bad Fan
OFFLINE
3/1/2012 9:03 PM
 
Quote

Come siete cattive col mio Germano [SM=x47964] Aleeeee, vieni a difenderloooooo.......... [SM=g27828]

A parte le battute, al di là delle solite "germanate" (che sono insite nel personaggio, tipo il dire di non essere mai stato geloso di MJ, questa secondo me è la parte più esilarante insieme all'insistenza sul cellulare, dovrebbe parlare col nipote [SM=g27824] ) alcune risposte mi son proprio piaciute e oserei anche dire che mi hanno stupita, toh, è la volta che riprendo in mano il suo libro [SM=g27823]
Certo, la leonessa (di 80 anni) con i suoi piccoli (di 60!) se la poteva risparmiare [SM=x47958], dev'essere l'influenza del ghost-writer che lo fa parlare per metafore [SM=g27825]





3/1/2012 9:17 PM
 
Quote

Belle le domande e le risposte alcune un pò da "arrampicarsi agli specchi" però apprezzo la volontà di aver risposto a tutto.
Mi spiace ma alcune cose scritte non mi convincono.

"Io non sminuisco l'esperienza e i sentimenti di Michael. Quello che ho cercato di fare è bilanciare quello che è successo e fare ciò che Michael ha cercato di insegnare a tutti noi: essere più comprensivi e più compassionevoli."

In questa parte si contraddice perchè se c'è da bilanciare qualcosa significa che la verità nelle parole di Michael c'era.

Poi "la leonessa" e "perché la mamma voleva ..." [SM=g27825]

Una cosa l'ho capita dalle risposte e cioè DEVO leggere il libro e bravo Jermaine [SM=g27828]

Grazie Cri [SM=g27838]


Email User Profile
Post: 459
Registered in: 6/30/2011
Location: SARZANA
Age: 55
Gender: Female
Invincible Fan
OFFLINE
3/1/2012 9:30 PM
 
Quote

Dirò questo: ho letto molte biografie che hanno inventato ciò che Joseph avrebbe fatto. La maggior parte erano pura fantasia o cose smisuratamente esagerate. Era tutto progettato per dipingerlo come il male. Joseph non è mai stato il male. Michael sarebbe d'accordo su questo.

talmente d'accordo (che con Janet) chiudeva gli occhi e lo immaginava morto [SM=g27820]

Il resto della famiglia ha avuto carriere musicali e abbiamo sempre avuto il nostro denaro.

ma proprio lui non ha dichiarato di essere povero? [SM=g27820]

...l'ho scritto nel libro...se leggete il libro...ero impegnato a scrivere il mio libro....è descritto nel libro...

perchè non tace, io non lo sopporto più [SM=g27816]

"Hanno mangiato la mia anima ma non importa, io ho milioni di anime, quelle dei miei fans" (1995 Michael Jackson)
Email User Profile
Post: 4,626
Registered in: 6/19/2010
Location: ANDRIA
Age: 61
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
3/1/2012 9:46 PM
 
Quote

Anche se ha risposto a tutte le domande...su alcune si contraddice,quindi il dubbio resta.
Non mi piace...non comprerò mai il suo libro.
3/1/2012 10:49 PM
 
Quote

Breve sintesi del Jermaine-pensiero:ciò che di bello c'era in Michael e quanto di positivo ha fatto trova le sue radici nel retaggio familiare, ogni aspetto negativo e controverso è responsabilità degli "altri".
E' ovvio che la famiglia ha un impatto notevole su ogni individuo, ed altrettanto ovvio che la straordinaria carriera di Michael Jackson pone le sue basi sull'esperienza con il gruppo di famiglia, ma nel momento in cui si "rivendica" l'importanza dei legami di sangue non si può pretendere di dimenticare che in questi legami si ritrovano anche le cause prime di almeno alcuni dei punti critici del vissuto di MJ.
Impressionante arrampicata sugli specchi per vitiligine, cellulari, eredità (per la serie: che m'importa se non sono citato nel testamento, ha citato mammà e tanto basta per garantire il mantenimento di tutti quanti)

"L'avvocato di Michael, Tom, aveva un testimone che era pronto a testimoniare che Jordan Chandler gli aveva detto che le accuse erano false (avrebbe dovuto comparire come testimone nel 2005). Il ragazzo aveva privatamente ritrattato, e Tom stava per dimostrarlo."

Questa parte sinceramente mi lascia perplessa, se davvero avessero avuto una simile testimonianza e l'avessero considerata attendibile l'avrebbero sicuramente usata, dato che avrebbe spazzato via 10 anni di sospetti e insinuazioni, e poi Mesereau non ne ha mai parlato nemmeno nelle varie dichiarazioni post processo o post morte (o me lo sono perso??)
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 3 | Next page
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:30 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com