Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)





New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

[top news] Il libro di Joe Vogel: Man in The Music, la vita creativa e l'opera di Michael Jackson.

Last Update: 6/15/2019 11:46 AM
Email User Profile
Post: 7,684
Registered in: 3/3/2002
Gender: Male
Collaboratore
Thriller Fan
News & Rumors
OFFLINE
6/24/2012 8:26 PM
 
Quote

Come è il libro?

Io ancora lo devo prendere! [SM=g2927018]


Email User Profile
Post: 697
Registered in: 7/29/2011
Gender: Female
Invincible Fan
OFFLINE
6/24/2012 10:16 PM
 
Quote

Re:
(Miss Piggy), 24/06/2012 18.59:



È risaputo come abbia costretto tutto il suo staff a leggere la biografia di P. T. Barnum


Magari sarà risaputo ma io non lo risapevo, mi ha fatto molto specie questa cosa. [SM=g27831]

Grazie per l'articolo Miss Piggy [SM=g27823], interessante.





There's a crack, a crack in everything, that's how the light gets in
__________________________________________________

6/25/2012 7:11 AM
 
Quote

Grazie Miss, interessante davvero

Modesty, non hai letto il Tara?
Email User Profile
Post: 6,482
Registered in: 12/30/2009
Location: BOLOGNA
Age: 48
Gender: Female
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
6/25/2012 11:01 AM
 
Quote

Modesty: se così è, non sei l'unica a non averlo letto [SM=x47979] , ma da qualche parte la storia di Barnum l'avevo sentita.

soleluna: puoi sempre chiedere al tuo edicolante di fartelo avere....certo ti costerà il doppio...

Double-D: numi, possibile tu non ti sia ancora fatto un'idea, dopo mesi che scriviamo di 'sto tomo [SM=g27824] ? Io ho letto solo pezzi in qua e in là dell'edizione originale, ma, anche solo per l'argomento che tratta, è assolutamente da avere!!
Poi, a mio giudizio, e l'ho scritto altre volte, Vogel è sempre un pò troppo positivo nei giudizi, ma il lavoro che ha fatto lui non s'è ancora visto in giro, e glielo riconosce anche l'articolo de "La Stampa" che ho postato ieri.
[Edited by (Miss Piggy) 6/25/2012 11:33 AM]
Email User Profile
Post: 4,339
Registered in: 3/20/2010
Location: MONTEVARCHI
Age: 52
Gender: Female
HIStorical Member
Bad Fan
OFFLINE
6/25/2012 1:55 PM
 
Quote

Ci voleva la pubblicazione in italiano perché anche la nostra stampa si interessasse a quest'opera! [SM=x47932]


Edit: se trovate altri articoli postateli, ho inserito sia questi che quello postato ieri da Alessia nel primo post [SM=g27822]



Piccolo trafiletto su La Repubblica D:

Man in the music

Oggi è il 3° anniversario della morte di Michael Jackson e un volume, contenente oltre 50 foto a colori, ne celebra il talento attraverso un'approfondita analisi della sua musica - di Katia Brega

A 3 anni dalla morte di Michael Jackson esce oggi il volume "Man in the music. La vita creativa di Michael Jackson", scritto da Joseph Vogel e tradotto da Federica Alessandri (Arcana Ed., 320 pp., 22 euro). In questo libro, che contiene oltre 50 foto a colori, vita privata e pettegolezzi annessi sono lasciati da parte, mentre in primo piano ci sono le canzoni e i video che hanno reso l'artista l'indiscusso Re del Pop. Ogni brano è accuratamente analizzato e l'autore si è servito di innumerevoli fonti: dagli archivi della stampa alle recensioni, passando per le parole dello stesso Michael.

d.repubblica.it/argomenti/2012/06/25/news/libro_michael_jackson-...


Articolo su Panorama.it con estratto del libro:

Michael Jackson, Man in the music, per ricordare il re del Pop

Un estratto del libro del giornalista americano Joseph Vogel, una vera autorità in materia



Oggi, 25 giugno, sono tre anni esatti dalla morte di Michael Jackson. Per ricordarlo pubblichiamo un estratto da Man in the music. La vita creativa di Michael Jackson di Joseph Vogel, Arcana edizioni (Sterling Publishing Co., Inc).

Jackson utilizzò la propria musicalità intuitiva anche nello scrivere le canzoni. Malgrado non sapesse leggere la musica o suonare bene alcuno strumento, era in grado di rendere l’arrangiamento, il ritmo, il tempo e la melodia di una canzone, compresi i vari strumenti, solo con la voce. “Comincia creando tutto il sound di una canzone” spiega Bill Bottrell. “Di solito non parte dal testo, ma ha in testa l’intero arrangiamento, riesce a sentirlo... Canticchia i vari pezzi. È capace di ricreare i suoni con la voce come nessun altro. Non si limita a cantare le parole, ma riesce a farti capire l’atmosfera di un pezzo di batteria e di sintetizzatore. È bravissimo in queste cose”

18. Spesso incideva queste nuove canzoni fatte solo con voce con un registratore portatile prima di arrivare in studio, altre volte invece chiamava un musicista o un produttore e le dettava direttamente. “Una mattina [Michael] arrivò con una canzone nuova che aveva scritto durante la notte” ricorda l’assistente tecnico Rob Hoffman. “Chiamammo un chitarrista e Michael gli cantò ogni singola nota di tutti gli accordi. ‘Questo è il primo accordo, prima nota, seconda, terza.

Ecco il secondo accordo, prima nota, seconda, terza, ecc. E poi abbiamo assistito a una performance vocale tra le più appassionate e autentiche, dal vivo lì nella regia, con un microfono SM57. Ci cantò tutto l’arrangiamento degli archi, ogni singola parte. Steve Porcaro un volta mi ha detto di averglielo visto fare anche in presenza della sezione d’archi. Ce l’aveva tutto in testa, compresa l’armonia, e non delle semplici sequenze di otto battute. Cantava proprio l’intero arrangiamento in un miniregistratore, completo di pause e riempimenti”

19. Una volta gettate le fondamenta di una canzone, procedeva ad arricchirla, uno strato alla volta, in un processo che poteva richiedere settimane ma anche anni. “La musica è come un arazzo” affermava. “È fatta di strati, bisogna tesserla dentro e fuori, e guardando i vari livelli la si capisce meglio”. Gli piaceva lasciare che la canzone si mostrasse da sola col tempo. Se non era ancora il momento giusto, passava a occuparsi di qualcos’altro per tornarci più tardi. Le persone che hanno lavorato con lui parlano di quanto fosse paziente, concentrato e sinceramente dedito al proprio lavoro. “Era un professionista consumato” ricorda il direttore tecnico Brad Sundberg. “Se la sua sessione vocale era fissata per mezzogiorno, lui arrivava alle dieci con il suo vocal coach Seth [Riggs] e si metteva a cantare le scale. Sì, scale. Io sistemavo il microfono, controllavo l’attrezzatura, facevo il caffè e nel frattempo lui cantava scale per due ore”

20. In studio, Jackson aveva delle preferenze molto specifiche. Prima di cantare chiedeva spesso una bevanda molto calda e caramelle per la gola per rilassare le corde vocali. Gli piaceva che la musica fosse a volume altissimo, tanto che spesso i suoi collaboratori erano costretti a indossare i tappi per le orecchie o a lasciare la stanza. Di solito cantava con le luci spente, perché l’oscurità lo aiutava a immergersi del tutto nella canzone, senza nessun imbarazzo. Cantando, ballava o batteva i piedi, oppure schioccava le dita. Se non aveva ancora scritto il testo, canticchiava dei versi o inventava delle parole a caso mentre procedeva. Tra una sessione e l’altra gli piaceva scarabocchiare su qualche pezzo di carta o giocare con gli animali che portava con sé, come lo scimpanzé Bubbles o il pitone Muscles (che adorava il calore della postazione di regia).

cultura.panorama.it/libri/Michael-Jackson-Man-in-the-music

[Edited by 4everMJJ 6/25/2012 2:02 PM]
Email User Profile
Post: 928
Registered in: 3/6/2009
Location: SIRACUSA
Age: 48
Gender: Female
HIStory Fan
OFFLINE
6/25/2012 2:09 PM
 
Quote

Grazie Miss per l'articolo.
E grazie a Vogeluzzo per aver aperto gli occhi a questi giornalisti.
Ecco finalmente il nostro Michael descritto dal punto di vista della sua musica, della sua creatività!

Michael, though you're far away, you're always in my heart. Fabienne
Email User Profile
Post: 704
Registered in: 7/29/2011
Gender: Female
Invincible Fan
OFFLINE
6/25/2012 5:52 PM
 
Quote

Re:
badgirl., 25/06/2012 07.11:

Grazie Miss, interessante davvero
Modesty, non hai letto il Tara?



No, non l’ho letto.
Le giornate di 24 ore a me non mi bastano mica, ce ne vorrebbero almeno almeno 48.
Ma non solo per questa cosa èh, parlo proprio in generale, per tutto quello che dovrei/vorrei fare ma non trovo il tempo. [SM=g27817]






There's a crack, a crack in everything, that's how the light gets in
__________________________________________________

Email User Profile
Post: 9,668
Registered in: 8/14/2009
Location: CIVITANOVA MARCHE
Age: 50
Gender: Female
Thriller Fan
OFFLINE
6/25/2012 6:14 PM
 
Quote

Io ho trovato questa recensione su IBS dove io ho gia' ordinato, voglio postarlo perche' merita

"Finalmente un libro che analizza Michael Jackson l'artista, non l'uomo, non la star, ma il suo talento, la sua musica, il suo messaggio, il vero Michael Jackson. Niente gossip, niente notizie trite e ritrite, nessuna calunnia da tabloid. Il libro è scritto molto bene, e procede ad una profonda analisi della storia e del significato di ciascun brano scritto da Michael Jackson a partire dall'album "Off The Wall" del 1979 fino a "Michael", l'album pubblicato postumo nel 2010. Nell'analisi di Joseph Vogel non c'è solo la ricerca del significato e l'interpretazione delle opere di MJ ma una vera e propria "cronistoria" dove il lettore ha finalmente la possibilità di seguire il percorso di formazione e di "maturazione" dell'artista nei suoi ultimi 30 anni; passando per le dolci note e la perfetta armonia di Rock With You, il basso inconfondibile e il fascino di Billie Jean, la sfida provocatoria di Bad, la commistione esplosiva di pop rock e rap in Black or White, fino alle graffianti proteste di They Don't Care About Us ed Earth Song e gli attacchi alle persecuzioni dei media in Tabloid Junkie e Privacy. Il libro è un vero capolavoro, una sorta di enciclopedia dell'opera jacksoniana che non deve mancare nelle case dei fan ma che non solo i fan dovrebbero leggere. < Scrivendo questo libro, ho potuto sondare quell'anima così dedita al lavoro, compiendo nuove ed eccitanti scoperte a ogni tentativo. Spero di cuore che Man In The Music spinga anche altri a vivere la stessa esperienza, come una sorta di passaggio verso il mondo creativo di uno degli artisti più eccezionali del secolo scorso> scrive l'autore nella premessa e nella prefazione Anthony DeCurtis parla di Man In The Mirror quale tributo che l'affascinante opera di Michael Jackson merita senza ombra di dubbio e del quale è certamente all'altezza . Leggetelo!
Voto: 5 / 5

Email User Profile
Post: 5,107
Registered in: 6/19/2010
Location: ANDRIA
Age: 61
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
6/25/2012 6:24 PM
 
Quote

Vero Aury..vale la pena leggere questa recensione....Prima o poi lo comprerò il libro.
Email User Profile
Post: 7,694
Registered in: 3/3/2002
Gender: Male
Collaboratore
Thriller Fan
News & Rumors
OFFLINE
6/25/2012 6:54 PM
 
Quote

Re:
(Miss Piggy), 25/06/2012 11.01:


Double-D: numi, possibile tu non ti sia ancora fatto un'idea, dopo mesi che scriviamo di 'sto tomo [SM=g27824] ? Io ho letto solo pezzi in qua e in là dell'edizione originale, ma, anche solo per l'argomento che tratta, è assolutamente da avere!!
Poi, a mio giudizio, e l'ho scritto altre volte, Vogel è sempre un pò troppo positivo nei giudizi, ma il lavoro che ha fatto lui non s'è ancora visto in giro, e glielo riconosce anche l'articolo de "La Stampa" che ho postato ieri.




Non ho letto nulla proprio perchè se prendo il libro non cè gusto nel leggere già cosa ci sia anticipatamente! [SM=g27828]


New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 8:34 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com