Previous page | 1 2 | Next page

[musica] Wanna Be Startin' Somethin', il ponte di Michael Jackson tra Africa e Stati Uniti

Last Update: 5/10/2024 6:42 PM
Author
Vote | Print | Email Notification    
5/7/2021 11:59 PM
 
Quote
Post: 8,335
Registered in: 7/18/2009
Gender: Male
Amministratore Unico
Thriller Fan
Direzione
OFFLINE


Quarto singolo estratto dal leggendario album Thriller, con i suoi sei minuti di esercizio frenetico dalla sfrontata eccentricità, Wanna Be Startin' Somethin' di Michael Jackson è l'inizio giusto per l'LP di maggior successo di sempre.

Scritta e composta dal Re del Pop mentre era ancora impegnato con le sessioni di registrazione per Off The Wall, il cantante decise saggiamente di tenerla per Thriller, all'interno del quale sembra più a casa, sia dal punto di vista sonoro che del testo.
_____________________________

🔥 LA COMPOSIZIONE DEL BRANO 🔥

Il brano parte con tre colpi di batteria sintetica, seguiti da una serie di motivetti, ritmi e controritmi.

Quando la canzone decolla, i suoni sembrano rimbalzare l'uno sull'altro come in un flipper, con le tastiere, i rullanti e i fiati a integrare la voce stratificata di Jackson.

L'arrangiamento, però, è tutto tranne che suoni messi lì a caso: è una sinfonia ritmica fatta di sapienti sovrapposizioni, che costituisce un ponte tra gli stili musicali africani e quelli occidentali.



🔥 IL DISAGIO DELLA VITA MODERNA 🔥

L'idiosincrasia del testo, che Jackson rigira e contorce come un acrobata vocale, si combina alla perfezione con questo cumulo di suoni.

Parla, attraverso frammenti suggestivi, della follia e dell'isteria della vita moderna: malattie sconosciute, crolli nervosi, gravidanze inattese che portano alla nascita di bambini che non avranno da mangiare. E ancora: lingue come rasoi, l'essere mangiati vivi come un buffet o una verdura.

«È troppo alto da superare / Troppo basso per passarci sotto» («It's too high to get over / Too low to get under»), si lamenta nel ritornello.
«Sei bloccato nel mezzo / E il dolore è come un tuono» («You're stuck in the middle / And the pain is thunder»).

Il testo fa pensare al crescente senso di disagio e ansia di Jackson nei confronti del mondo, al suo isolamento, alla sua claustrofobia e alla difficoltà di trovare una via d'uscita.




🔥 MICHAEL SPEZZA LE CATENE 🔥

Ma all'incirca al minuto 4:30, MJ inizia a spezzare questa prigionia, raggiungendo almeno una libertà temporanea grazie all'energia della musica.

«Alza la testa e grida forte al mondo / So di essere qualcuno, e lascia che la verità emerga / Ora nessuno può farti del male, perché sai cos'è vero / Sì, io credo in me, quindi credi in te stesso» («Lift your head up high and scream out to the world / I know I am someone, and let the truth unfurl / No one can hurt because you know what's true / Yes, I believe in me, so believe in you»).



🔥 L'ORGOGLIO DI ESSERE NERO 🔥

La canzone si innalza quando Jackson grida (letteralmente senza fiato) «aiutatemi a cantare», mentre il leggendario gruppo di coristi, i Waters (Julia, Maxine e Oren), intervengono con il ritmico «ma ma se, ma ma sa, ma ma ma coo sa».

Il ritornello swahili, preso in prestito dal sassofonista camerunense Manu Dibango (purtroppo deceduto a causa del Covid-19), contribuì a conferire alla canzone questo sapore intercontinentale, dimostrando anche l'orgoglio di Jackson (e della musica) per le sue radici africane.

È la sua risposta a tutti coloro che pensano di leggere nei suoi continui cambiamenti facciali un odio per la propria etnia, ottenuta invocando gli Dei Orisha in un modo che la musica pop americana non aveva mai conosciuto.

Dopo aver raggiunto il quinto posto della prestigiosa Billboard Hot 100, dal Victory Tour del 1984 in poi Wanna Be Startin' Somethin' ha sempre fatto parte delle scalette dei concerti di Jackson.

Rimane oggi uno dei suoi pezzi più popolari e acclamati dalla critica.

Nel video qui sotto, Michael Jackson si esibisce in Wanna Be Startin' Somethin' davanti ai 50.000 spettatori del Parken Stadium di Copenaghen, Danimarca. HIStory World Tour, 14 agosto 1997.



Post a cura di Vincenzo Compierchio per il Michael Jackson FanSquare.
Testo tratto dal libro Man in the Music - La vita creativa di Michael Jackson, di Joseph Vogel.
[Edited by francesca.dedonatis 5/8/2024 4:18 PM]
5/8/2021 6:56 AM
 
Quote
Post: 4,731
Registered in: 4/12/2019
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
Thriller fan
OFFLINE
Quando leggo tutti questi particolari che sono parte importante nel conoscere la canzone e soprattutto conoscere l'anima di Mj, mi rende felice e parte integrante di ogni suo capolavoro.
Grazie ragazzi [SM=g5818237]

Forever with you MJJ
You are engraved in my heart ♥
5/8/2021 1:01 PM
 
Quote
Post: 3,008
Registered in: 8/13/2008
Location: ENNA
Age: 41
Gender: Male
Utente Certificato
Dangerous Fan
Esperto in collezionismo
OFFLINE
Grazie boss

La musica è una sostanza pesante senza effetti collaterali. (Gigi D'Agostino)
5/8/2021 5:03 PM
 
Quote
Post: 59
Registered in: 1/13/2020
Location: CHIOGGIA
Age: 52
Gender: Female
Utente Certificato
Visionary Fan
OFFLINE
Questa canzone da una carica pazzesca , e' sempre bello leggere come veniva strutturata una canzone.❤❤
5/8/2021 9:02 PM
 
Quote
Post: 12,296
Registered in: 12/30/2009
Location: BOLOGNA
Age: 53
Gender: Female
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
dimostrando anche l'orgoglio di Jackson (e della musica) per le sue radici africane.

Bè, con tutto il rispetto per Vogel, ricordo racconti di chi e era in studio con Michael (non ricordo se Quincy o altri ), che dicevano che a lui interessava il ritmo di quel ritornello, non ne faceva una questione di "orgoglio africano".
Interessante comunque, grazie [SM=g5818178] , e sacrosanto questo:

Il testo fa pensare al crescente senso di disagio e ansia di Jackson nei confronti del mondo
[Edited by (Miss Piggy) 5/8/2021 9:05 PM]
5/8/2021 9:25 PM
 
Quote
Post: 4,736
Registered in: 4/12/2019
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
Thriller fan
OFFLINE
Il ritornello swahili, preso in prestito dal sassofonista camerunense Manu Dibango (purtroppo deceduto a causa del Covid-19), contribuì a conferire alla canzone questo sapore intercontinentale, dimostrando anche l'orgoglio di Jackson (e della musica) per le sue radici africane.

È la sua risposta a tutti coloro che pensano di leggere nei suoi continui cambiamenti facciali un odio per la propria etnia, ottenuta invocando gli Dei Orisha in un modo che la musica pop americana non aveva mai conosciuto.

Io credo che Michael era molto orgoglioso delle sue radici. Nonostante la vitiligine non ha mai dimenticato il suo colore. Non avrebbe potuto. Non si opprime la propria identità solo x il colore della pelle.

Forever with you MJJ
You are engraved in my heart ♥
5/9/2021 12:07 AM
 
Quote
Post: 5,631
Registered in: 11/26/2010
Location: ROMA
Age: 109
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
Grazie Compix.
5/8/2024 1:24 PM
 
Quote
Post: 555
Registered in: 1/14/2020
Location: MAGLIE
Age: 49
Gender: Female
Moderatore
Invincible Fan
Staff
OFFLINE
Oggi Wanna Be Startin' Somethin' compie 41 anni!
5/8/2024 4:06 PM
 
Quote
Post: 4,849
Registered in: 8/13/2008
Location: ENNA
Age: 41
Gender: Male
Utente Certificato
Bad Fan
Esperto in collezionismo
OFFLINE
[SM=g5818227]

La musica è una sostanza pesante senza effetti collaterali. (Gigi D'Agostino)
5/10/2024 12:27 AM
 
Quote
Post: 10,179
Registered in: 11/26/2010
Location: ROMA
Age: 109
Gender: Female
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
41 anni e non sentirli [SM=g5818191]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 2 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Feed | Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 10:17 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com