Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, CLICCA QUI)




- Menù -



New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Vote | Print | Email Notification    
Author
Facebook  

[bio] Jonathan Margolis: «Vi racconto il papà Michael Jackson»

Last Update: 11/28/2020 1:14 AM
Email User Profile
Post: 139
Registered in: 4/24/2020
Age: 45
Gender: Male
Moderatore
The Essential Fan
Staff
ONLINE
11/26/2020 11:48 PM
 
Quote



Il Ringraziamento è il giorno più importante dell'anno per le famiglie americane. In ogni casa degli Stati Uniti, si cena con tacchino e torta di zucca.
Quello che ho trascorso due anni fa è stato un Ringraziamento tipico, ma con una famiglia americana piuttosto atipica.

Ero ospite a casa di amici nel New Jersey, e c'erano anche Michael Jackson e i suoi bambini, Prince Michael I di cinque anni e Paris, di tre.

Sì, quello stesso Michael Jackson che, dopo aver fatto penzolare il suo ultimo figlio, Prince Michael II, da un balcone di Berlino, è stato condannato ad essere il peggior padre del mondo.

Nonostante le scuse di Jackson per il suo comportamento folle, gli assistenti sociali hanno detto che, se l'incidente fosse accaduto in questo Paese, probabilmente adesso tutti e tre i figli sarebbero stati presi sotto la loro custodia.

Ma, sulla base dei quattro mesi che ho trascorso con Michael e con i suoi due figli maggiori, prima e dopo il Ringraziamento, sono arrivato a una conclusione controversa: Jackson non è in realtà il padre peggiore di tutti, e non solo.
______________________________

📌 I BAMBINI PIÙ EDUCATI CHE CONOSCA 📌

Prince Michael I e Paris sono, in base alla mia esperienza, tra i bambini più educati, meno viziati e più equilibrati che io abbia mai conosciuto.
Durante il tempo trascorso con i figli di Jackson, ho avuto modo di conoscerli abbastanza bene.

Ho letto per loro, con Paris lì vicino e Prince seduto accanto a me. Ho anche detto a Prince che mi aveva fatto male quando mi era passato sul piede con il suo trattore giocattolo (lui mi ha chiesto educatamente scusa... due volte perché, secondo il padre, il primo “scusa” non suonava come “sono dispiaciuto”).

Questo non era il comportamento dei marmocchi viziati e squilibrati che mi aspettavo.
Ma ci sono state ancora altre sorprese.
______________________________

📌 I LUOGHI COMUNI SU MICHAEL PADRE 📌

Nella mitologia popolare, i figli di Jackson vivono in isolamento e non hanno contatto con altri bambini. Ma io li ho visti giocare per ore con i loro amici.

Nella mitologia popolare, i figli di Jackson hanno tutti i loro giocattoli distrutti al termine della giornata per paura delle infezioni. Ma io li ho visti abbracciarsi e li ho visti succhiare il Manky, quell'antigienica spazzatura di plastica che hanno tutti i bambini.

Sono stato in un negozio di giocattoli con Prince e Paris durante una delle abbuffate di shopping privato di Michael.
Erano le 19:00 e dovevamo essere veloci, perché si stava avvicinando l'ora in cui i bambini sarebbero dovuti andare a letto.
Avevano il permesso di poter scegliere un solo giocattolo ciascuno.

Jackson può essere nevrotico, eccentrico e decisamente traballante, ma Prince e Paris sono luminosi, sicuri, affettuosi e premurosi.
Dicono grazie prima dei pasti e parlano con frasi, non con grugniti e monosillabi tipici di molti bambini americani.
È stato vietato loro di utilizzare un linguaggio rude.
______________________________

📌 NESSUNA TRACCIA DI ARROGANZA 📌

Prince ha un volto solenne, ma un carattere sbarazzino e una curiosità implacabile.
Anche se è circondato da personale desideroso di eseguire gli ordini di suo padre, non ho trovato nessuna traccia di arroganza nel suo modo di fare.

Paris era molto piccola quando l'ho conosciuta, ma aveva l'abitudine di competere sempre con Prince per essere la prima a saltare sulle ginocchia di papà.

Dal momento che Jackson è divorziato dalla madre dei bambini, Debbie Rowe, sono accuditi dalla tata Grace, una signora ispanica che stava in disparte, ma che era sempre vigile.
Non credo che qualcosa potesse sfuggire alla sua attenzione e, se è ancora la tata, ho paura di pensare al dolore che le ha causato il suo datore di lavoro per la sciocchezza del balcone.

I vestiti dei bambini sembravano essere scelti da Michael per Prince e dalla tata Grace per Paris.
In occasioni speciali, Prince era vestito come il piccolo Lord Fauntleroy.
Paris indossava abiti delicati con pizzi e velluto, un po' datati.
______________________________

📌 UN'EDUCAZIONE DURA MA UMANA 📌

Gran parte dell'eccentricità di Jackson si deve alla dura disciplina di suo padre.
Con i suoi figli, Michael è duro, ma in modo infinitamente più considerato e più umano.
Lui è decisamente contro la violenza e vuole fermamente che i suoi figli possano avere l'educazione più normale possibile.

In particolare, si preoccupa del fatto che i suoi ragazzi evitino le droghe e le altre distrazioni dello showbiz.
Insiste sul fatto che “no significa no” e che la disciplina deve essere somministrata senza rabbia e urla.
Quando i bambini fanno i monelli o sono cattivi l'uno con l'altra, lui porta via loro l'oggetto del contendere e li fa stare in un angolo.

Nella loro casa, a Neverland, i loro giocattoli sono razionati. Quando ci sono i loro amici, non sono autorizzati a fare riferimento ai giocattoli come “è mio!”, ed è stato insegnato loro che l'unico beneficio di avere tanti soldi è quello di poter condividere i propri beni con gli altri.

Abbastanza sorprendentemente, Michael non vuole che i suoi figli diventino vanitosi.
Una volta mi ha raccontato che aveva visto Prince che si pettinava i capelli davanti a uno specchio e diceva: “Sto benissimo”. Michael lo ha corretto dicendo: “Sembri ok”.

A Prince e a Paris ha anche insegnato ad essere diplomatici e a non mentire.
Anche le bugie a fin di bene sono sbagliate per il loro padre. Preferisce insegnare ai bambini a “vedere le cose da una dimensione diversa”.

Prince, per esempio, ha paura della turbolenza sugli aerei.
"Se gli dici che non è su un aereo ma sulle montagne russe", spiega Michael, "lui sa che è una bugia. Ma se gli dici: siamo su un aereo, ma pensa di essere sulle montagne russe, diventa una questione di prospettiva".

Michael è duro anche con se stesso.
Un giorno, mentre stava registrando il suo ultimo album, Prince è entrato nello studio e ha versato dei popcorn sul pavimento. Michael ha insistito per poterlo pulire.
“È mio figlio che ha fatto il danno. Io lo devo ripulire”, ha detto, facendo sorridere i musicisti mentre si piegava sulle mani e sulle ginocchia.
______________________________

📌 L'EMPATIA DI MICHAEL COI BAMBINI 📌

Il Rabbino Shmuley Boteach, amico di Michael nonché colui che ci ha invitati per la cena del Ringraziamento, crede che Michael possieda una rara, istintiva empatia con i bambini.

Mi ha raccontato un episodio accaduto con sua figlia di otto anni che si era persa a Neverland.
Quando l'hanno ritrovata, la bambina piangeva e il Rabbino, d'istinto, le ha detto di non essere sciocca; ma Michael intervenne e le disse: “Capisco come ti senti, mi ricordo che è successo anche a me, quando ero bambino”.

Anch'io ho intravisto molte volte questa empatia. Michael parla a tutti i bambini come se fossero adulti.
Non tollera le interruzioni di una conversazione fra adulti, ma riesce ad essere insolitamente in sintonia nel sentire la voce di un bambino che pone una domanda, quando la maggior parte di noi sceglierebbe di essere un po' sorda.

È terrorizzato dai cani, ma ha comprato ai suoi figli un golden retriever, pensando che fosse sbagliato per lui trasmettere il suo pregiudizio irrazionale.

C'è una cosa che gli sta antipatica: dare una risposta banale alle domande imbarazzanti che fanno i bambini.
Così lui va nella sua vasta biblioteca privata alla ricerca della risposta corretta.
______________________________

📌 L'EPISODIO DEL BALCONE 📌

Quindi, cos'è che ha spinto Michael Jackson a mettere in atto quella ormai famosa scena del balcone?
Che cos'è che ha portato un uomo ossessionato dalla sicurezza dei suoi figli a mettere in pericolo il suo bambino così inutilmente?

Posso solo immaginare che stesse mettendo in pratica, in un modo sciocco, un altro dei suoi principi; e cioè che i bambini dovrebbero essere istruiti a non aver paura di nulla.

Mi ha detto a cena, quella sera, che lui è innamorato del pericolo, ma non ho capito il perché.
Questa dichiarazione è difficile da comprendere, ma sono sicuro che incidenti come quelli di Berlino non si ripeteranno più.

Forse possiamo prendere atto di una parte del discorso che ha fatto sull'infanzia e sui suoi figli lo scorso anno, presso l'Università di Oxford:

“E se, crescendo, dovessero avercela con me per il modo in cui le mie scelte stanno influenzando la loro infanzia? «Perché non abbiamo avuto l'infanzia tipica di tutti gli altri bambini?», potrebbero chiedersi.
Prego che in quel momento i miei figli mi daranno il beneficio del dubbio e che diranno a se stessi: «Il nostro papà ha fatto il meglio che poteva, date le circostanze uniche che si è trovato di fronte».

Spero - ha concluso - che sapranno concentrarsi sempre sulle cose positive, sui sacrifici che ho fatto volentieri per loro. E che non mi critichino per le cose a cui abbiamo dovuto rinunciare o per gli errori che ho commesso e che continuerò certamente a commettere durante la loro crescita.
Tutti noi siamo figli di qualcuno e sappiamo che, nonostante i migliori progetti e gli sforzi, gli errori si verificano sempre. Questo significa che siamo soltanto esseri umani
”.

Articolo di Jonathan Margolis pubblicato l'8 dicembre 2002 sul The Mail on Sunday.

Traduzione a cura di Emanuela Arezzi dal Michael Jackson FanSquare.
Email User Profile
Post: 3,677
Registered in: 4/12/2019
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
Thriller fan
OFFLINE
11/27/2020 6:56 AM
 
Quote

Leggendo mi sono trovata lì con loro. Nascosta in un angolo ad ammirare Michael nel compiere il suo ruolo di padre.
Come poteva comportarsi diversamente se quello era il suo sogno più grande. Essere padre. Anche se le "chiamiamole circostanze" lo hanno portato via troppo presto dai suoi piccoli gioielli.
Mi ha colpito sempre il fatto che la dura infanzia che Mj ha avuto, non ha inciso in lui. Di tante storie viste, sentite e vissute anche, dopo un infanzia turbolente si diventa da vittima a carnefice. Ma non nel suo caso.
Lui era uno di quei genitori che era consapevole del vero significato del fatto di portare in vita dei figli.
Una cosa che sfortunatamente non è chiara al genere umano.
Grazie Michael. Sei un esempio anche in questo.

Grazie ragazzi per questo post.

Forever with you MJJ
You are engraved in my heart ♥
Email User Profile
Post: 5,092
Registered in: 11/26/2010
Location: ROMA
Age: 105
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
11/28/2020 1:14 AM
 
Quote

Ho letto per loro, con Paris lì vicino e Prince seduto accanto a me. Ho anche detto a Prince che mi aveva fatto male quando mi era passato sul piede con il suo trattore giocattolo (lui mi ha chiesto educatamente scusa... due volte perché, secondo il padre, il primo “scusa” non suonava come “sono dispiaciuto”).

______________________________________________________________________

Prince l'ha scampata bella ... con un padre così perfezionista ha rischiato di dover chiedere scusa per almeno altre tre o quattro volte. [SM=g5818180]
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 3:21 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com