Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, CLICCA QUI)




- Menù -



New Thread
Reply
 
Vote | Print | Email Notification    
Author
Facebook  

[top news] "Leaving Neverland" - il nuovo documentario diffamatorio su Michael Jackson

Last Update: 11/26/2020 8:46 PM
Email User Profile
Post: 4,243
Registered in: 11/26/2010
Location: ROMA
Age: 105
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
4/4/2019 12:56 PM
 
Quote

Da Facebook Mjfs Michael Jackson FanSquare



- LA NUOVA BUGIA DI DAN REED -

«SAFECHUCK ABUSATO DOPO IL 1992»




Premessa per chi non conoscesse tutta la storia: nella fiction "Leaving Neverland", James Safechuck ha dichiarato di essere stato abusato da Michael Jackson, dal 1988 al 1992, anche in una stanza situata nel piano superiore della stazione ferroviaria di Neverland.

Dimenticandosi, però, di un "piccolo" particolare: la stazione ferroviaria di Neverland, nel 1992, semplicemente non esisteva. I permessi per la sua costruzione furono infatti concessi il 2 Settembre 1993 e i lavori terminarono agli inizi del 1994 (troverete il documento tra i commenti).
_______________________________

::: I TWEET DELIRANTI DI DAN REED :::


A questa notizia, decisamente clamorosa, ha risposto il regista di "Leaving Neverland", Dan Reed, che con un tweet sarcastico ha fatto intendere che Safechuck si sia semplicemente sbagliato sulla data precisa in cui gli abusi nei suoi confronti terminarono:

«Oh sì, non sembrano esserci dubbi sulla data della stazione. La data sbagliata è la fine dell'abuso».

E arriviamo a ieri. Il Daily Mail, fraintendendo in parte il tono sarcastico del tweet di Reed, il 2 Aprile 2019 pubblica un articolo intitolato: «Il regista di Leaving Neverland ammette che un elemento chiave di uno degli accusatori di MJ potrebbe essere sbagliato».

Immediata la replica di Reed, che risponde così al tweet del Daiy Mail:

«Ammesso cosa?? Safechuck stette a Neverland dopo che la stazione ferroviaria fu completata. Possiede perfino le foto della stazione, due di queste le abbiamo inserite nel film. Ed è chiaro nel documentario che il contatto sessuale con Jackson proseguì durante la sua adolescenza...».
_______________________________

::: REED SMENTITO DA... SAFECHUCK :::


Perché questa di Dan Reed è da considerarsi nient'altro che una colossale bugia? Per essere il più precisi possibile, ci siamo andati a rileggere la denuncia civile presentata da James Safechuck contro le società di Michael Jackson, datata 24 Luglio 2014.

Premesso che troverete tutti i documenti integrali tra i commenti di questo post, ecco i passaggi che ci interessano. Tenete conto che, nella trascrizione della denuncia, ci si riferisce a Jackson come «il defunto» e a Safechuck come «il querelante».

Pag. 10, par. 32 - «Dal 1988, quando gli abusi sessuali si verificarono per la prima volta, FINO AL 1992, il defunto si impegnò in continui abusi sessuali sul querelante [...]».

Pag. 15, par. 50 - «Quando il querelante entrò in pubertà, all'età di 12 anni, il defunto cominciò a preparare il querelante alla separazione - dicendogli che avrebbe "avuto altri amici" [...]».

Pag. 15, par. 51 - «[...] Il querelante provò sentimenti di gelosia per il fatto di essere stato rimpiazzato da Brett [Barnes]».

Pag. 15, par. 52 - «[...] Quando il querelante raggiunse la piena pubertà, il deceduto iniziò a spendere il suo tempo con Brett invece che con il querelante, e gli abusi sessuali del deceduto finalmente TERMINARONO».

Dunque, nella causa civile intentata da Robson e Safechuck, quest'ultimo dichiarò precisamente che gli abusi nei suoi confronti terminarono nel 1992, all'età di 14 anni, quando raggiunse la piena pubertà. Perché Dan Reed si ostina goffamente ad insinuare il contrario?

Forse perché questa vicenda della stazione ferroviaria rappresenta la bomba a mano che distruggerà l'intero castello di bugie costruito dalla sua fiction televisiva?
_______________________________

::: IL "NO" DI SAFECHUCK DEL 2005 :::

Ma non è finita qui. Scorrendo la denuncia di Safechuck, si legge:

Pag. 17, par. 62 - «Nel 2005, il deceduto contattò il querelante e gli chiese di testimoniare a suo favore nel processo per abusi sessuali di S. Barbara. [...]. Quando il querelante rifiutò la richiesta, il deceduto si arrabbiò e lo minacciò [...]».

Pag. 18, par. 65 - «[...] Il defunto chiamò nuovamente il querelante. Questa chiamata si svolse all'incirca alla fine del processo. [...]. Il deceduto continuò a pressare il querelante affinché testimoniasse, e gli disse che Gavin Arvizo (la vittima del processo) stesse soltanto cercando di ottenere denaro. Il querelante disse al defunto di non chiamare o tentare più di parlare con lui, e terminò la telefonata».

Anche qui, manco a dirlo, la bugia è imbarazzante.

1. Come ricordato recentemente anche dal giornalista britannico Mike Smallcombe, il giudice rifiutò tutte le prove inerenti a James Safechuck all'inizio del processo del 2005, in quanto ritenuto inattendibile. MJ non aveva alcuna ragione per chiedergli di testimoniare.

2. Negli Stati Uniti, se un imputato cerca di pressare qualcuno perché testimoni a suo favore, commette reato di influenza indebita. E potete immaginare che una star mondiale sotto processo per abusi sessuali su minore avesse quanto minimo i telefoni sotto controllo.

3. Esiste una data limite entro la quale presentare la lista dei testimoni di un processo. Quindi, anche se Safechuck fosse stato considerato attendibile e il reato di influenza indebita non fosse esistito, «alla fine del processo» MJ non avrebbe potuto pressare proprio nessuno.

Ma si sa: la furbizia e l'intelligenza non sempre vanno di pari passo.
_______________________________

A cura di Vincenzo Compierchio dal nostro Gruppo Facebook Michael Jackson FanSquare • ITALIA.

In foto, Michael Jackson alla conferenza stampa della Pepsi e della Heal The World Foundation, 1992. Grazie a Eric Di Scenza.

Email User Profile
Post: 10
Registered in: 3/26/2019
Gender: Female
This Is It Fan
OFFLINE
4/4/2019 4:56 PM
 
Quote

Grazie per aver postato questo materiale...veramente interessante per smontare le tesi a danno di MJ...chissà che qualcuno non le ascolti prima o poi! ❤

I'll Never Let You Part, For You'Re Always in My Heart...
Email User Profile
Post: 4,244
Registered in: 11/26/2010
Location: ROMA
Age: 105
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
4/4/2019 6:52 PM
 
Quote

Da Facebook Mjfs Michael Jackson FanSquare


"L. NEVERLAND" RIMOSSO DA AMAZON

Ovviamente non vi avevamo informati per evitare di fare pubblicità, ma stavolta ne vale la pena: la fiction "Leaving Neverland" era stata messa a disposizione per il pre-order su Amazon (solo in lingua inglese), con data di uscita fissata per il 22 Aprile 2019.

Ma, guarda caso, dopo le palesi bugie e contraddizioni emerse negli ultimi giorni, il DVD/Blu-Ray risulta da ieri «Currently Unavailable» («Attualmente Non disponibile») e non è stata stabilita alcuna nuova data di pubblicazione.

Si vocifera di un frenetico taglia e cuci da parte del regista, Dan Reed, per rimuovere tutte quelle parti del "documentario" ormai ampiamente sbugiardate, nel disperato tentativo di evitare eventuali ripercussioni legali.

Forse il buon Reed, a cui auguriamo sempre ogni sfortuna professionale, non sapeva che i fan di Michael Jackson, negli anni, si siano dovuti reinventare giornalisti, investigatori e giuristi. E che sono più agguerriti che mai.
Email User Profile
Post: 11,487
Registered in: 12/30/2009
Location: BOLOGNA
Age: 49
Gender: Female
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
4/4/2019 8:16 PM
 
Quote

Grazie di queste ultime postate, vagamente consolatorie.
Email User Profile
Post: 27
Registered in: 1/19/2013
Gender: Male
King Of Pop Fan
OFFLINE
4/4/2019 9:22 PM
 
Quote

A forza di fare taglia e cuci,tra qualche settimana si ritroveranno tra le mani un cortometraggio.
[Edited by MJJ 23 4/4/2019 9:34 PM]
Email User Profile
Post: 4,245
Registered in: 11/26/2010
Location: ROMA
Age: 105
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
4/4/2019 10:46 PM
 
Quote


Perché i media americani sono silenziosi sull'implosione di Leaving Neverland, mentre la stampa britannica ne sta parlando?

JOHN ZIEGLER APR 4, 2019 10:40 AM




Un mese fa, HBO ha trasmesso un esplosivo“documentario” chiamato Leaving Neverland, che ha raccontato storie orribili di abusi sessuali su minori da pare di due accusatori dell'icona del pop Michael Jackson. All'indomani della sua premiere, che è stata quasi universalmente abbracciata dai media tradizionali, ho scritto tre storie diverse, tra cui una che comprendeva interviste con soggetti importanti che il film ha ignorato, dubitando che il film debba essere considerato in gran parte, o anche in parte, oggettivo.

Da allora, è stato riscontrato che la produzione ha numerosi problemi sostanziali e la sua narrazione è piena di buchi significativi. Ma stranamente, mentre la stampa scandalistica nel Regno Unito ha parlato del l'implosione del film, qui negli Stati Uniti c'è stato un black-out completo di questi sviluppi nei media.

La rivelazione che ha ottenuto la massima attenzione (è stata pubblicata in almeno tre dei maggiori tabloid britannici), riguarda la storia dell'accusatore James Safechuck, che in origine era considerato il più credibile delle due presunte vittime. Nel film la storia è incentrata sulla dettagliata affermazione di Safechcuk , secondo la quale è stato costretto a fare sesso con Jackson, vicino all'inizio del suo abuso, al secondo piano della stazione ferroviaria del Neverland Ranch di Jackson.

Nel film e nella sua deposizione per la causa, Safechuck dice che l' abuso da parte di Jackson è terminato nel 1992, quando aveva circa 14 anni. Una parte importante della narrazione del film è che Jackson ha perso interesse sessuale per questi ragazzi quando hanno raggiunto i 14 anni, presumibilmente l'età della pubertà (anche se il ragazzo bianco americano medio attualmente inizia la pubertà a circa dieci anni).

Tuttavia, ora c'è un enorme problema con le accuse di Safechuck. La costruzione dell'edificio della stazione ferroviaria, iniziata solo alla fine del 1993, non fu completata fino alla metà del 1994, e dopo questo periodo Jackson, che si era appena sposata con Lisa Marie Presley, raramente è stato a Neverland nei diversi anni successivi.

Questo suggerisce che Safechuck, sulla base della sua stessa testimonianza e della premessa più importante del film, ha inventato la storia dell'abuso nella stazione ferroviaria. Questo sarebbe problematico per chiunque non abbia alcuna conferma delle sue drammatiche rivendicazioni, e che alla fine si sia fatto avanti per citare in giudizio 21 anni dopo l' abuso, ma data la notevole ampiezza della libertà di azione legale, specialmente nell'era di #MeToo, non sarebbe devastante di per sé.

Ma questo è cambiato radicalmente quando il regista del film Dan Reed, che ha agito efficacemente come direttore delle pubbliche relazioni per la massiccia causa che questi accusatori hanno contro la proprietà di Jackson, ha inspiegabilmente versato benzina sul fuoco. Invece di dire semplicemente che Safechuck si era sbagliato (cosa che sarebbe stata vista solo come piuttosto strana), Reed ha deciso che Safechuck era stato effettivamente abusato nella stazione ferroviaria, ma la sua vittima principale aveva sbagliato l'anno.

A parte il fatto che questa spiegazione semplicemente non funziona, e fa sì che enormi parti del film di Reed cadano a pezzi. Anche se ammettiamo che Safechuck si è solo sbagliato sull'episodio della stazione che si è verificato all'inizio dell'abuso (che secondo lui è iniziato nel 1988), Safechuck aveva almeno 16 anni quando la stazione è stata costruita.

Quindi, secondo il regista del film, Safechuck ha mentito sotto giuramento, ha mentito nel film, e il suo abuso a 16 anni, a quel tempo era chiaramente ben oltre la pubertà e persino più grande di Jackson, fa saltare l'intera teoria del progetto su come e perché Jackson avrebbe preferito solo la compagnia di ragazzi molto piccoli. Ma per quanto questo episodio porti sospetto sulla credibilità della ricerca e della testimonianza di Leaving Neverland, in realtà è solo un pezzo di un puzzle molto grande.

Ecco solo alcune delle altre rivelazioni recenti che, in un mondo razionale, farebbero sì che i media americani rivisitassero a fondo le rivendicazioni al centro di questo film:

- L'altro accusatore, Wade Robson, afferma nel film che è stato per la prima volta abusato da Jackson quando fu lasciato solo con lui, mentre la sua famiglia era andata in viaggio al Grand Canyon. Tuttavia, sua madre, Joy Robson, una figura centrale di questa saga, ha testimoniato sotto giuramento due volte, anche ben dopo che Wade ha finalmente annunciato che era stato abusato, indicando che Wade era effettivamente in quel viaggio con la sua famiglia (va anche notato che un'intervista radio che Joy ha fatto nel 2011, che getta ulteriori dubbi su altri aspetti della linea temporale di Wade, è stato solo recentemente e misteriosamente rimossa da YouTube).

- È stato rivelato che Joy non solo è rimasta parte di un gruppo di fan di Michael Jackson su Facebook, ben dopo che suo figlio è andato al Today Show nel 2013 per annunciare che era stato abusato, ma che le erano "piaciuti" diversi post pro-Jackson molto dopo quell'evento. Poi, nel giro di poche ore da quando qualcuno ha twittato su questa scoperta, i "mi piace" sono improvvisamente scomparsi.

- Il film cerca disperatamente di spiegare perché Robson è stato il testimone principale di Jackson nel suo processo penale del 2005, e tenta di far girare un racconto che una cena pensosa a Neverland ha influenzato la sua decisione di mentire per conto di Jackson (il che è strano perché lui sostiene anche che non sapeva ancora di essere stato effettivamente abusato). Tuttavia, le persone che erano a cena dicono di essere sicuri che sia successo dopo la testimonianza di Robson, non prima.

- Robson ha testimoniato nella sua causa che si è reso conto di essere stato abusato durante la terapia nel maggio del 2012. Tuttavia, c'è un'intervista con Robson che è stata pubblicata su YouTube nel luglio del 2012 dove sta ancora elogiando Jackson.

- Stephanie Safechuck, madre di James, che era estremamente vicina a Jackson, è mostrata nel film mentre descrive in dettaglio come ha celebrato la notizia della morte di Jackson (cosa che dice sia accaduta quando si è svegliata nel letto, anche se Jackson è morto nel pomeriggio a Los Angeles dove viveva) perché non poteva più abusare dei bambini. Tuttavia, dal momento che James ha detto più volte che si è reso conto di essere stato abusato solo quando ha visto Robson nello show Today (quattro anni dopo la morte di Jackson) e non ne ha mai parlato a nessuno, sarebbe stato necessario un viaggio nel tempo perché sua madre non si fosse inventata completamente quella storia, con una recitazione piuttosto povera.

- Nel tentativo di promuovere la narrazione che la malvagia macchina delle pubbliche relazioni di Jackson può distruggere chiunque sostenga di essere una vittima della pop star, Reed ha usato sfacciatamente una clip di un ex avvocato di Jackson, Mark Geragos, totalmente fuori contesto. Poi, peggiorando le cose, Reed ha risposto alla rabbia di Geragos per la manovra di montaggio, svelando che chiaramente non aveva fatto nemmeno la minima ricerca su un evento che aveva presentato nel suo film.

Allora, come mai tutto questo non ha avuto successo negli Stati Uniti, mentre nel Regno Unito si? Sembrano esserci almeno tre spiegazioni.

In primo luogo, i tempi di attenzione qui sono più brevi e Leaving Neverland, specialmente nell'era di Donald Trump, è già considerata una "vecchia notizia". In secondo luogo, l'uso strategico di Oprah Winfrey per santificare questi accusatori come legittimi ha un grande peso nei media americani, dove è ancora venerata e temuta. In terzo luogo, l'impatto del movimento #MeToo che ha radicalmente modificato le regole per la valutazione di tali storie è molto più pronunciato qui.

Naturalmente, nulla di tutto questo giustifica lontanamente il fatto che i media americani si siano tuffati in questa storia. E, solo perché lo hanno fatto, non significa che Leaving Neverland è basato sulla verità.

www.mediaite.com/opinion/why-is-u-s-media-silent-on-the-implosion-of-leaving-neverland-while-the-u-k-press-is-pouncing/amp/?__twitter_impress...

Traduzione a cura di rosi@ per Michael Jackson FanSquare.

Email User Profile
Post: 62
Registered in: 11/13/2018
Location: COLLEGNO
Age: 63
Gender: Male
Visionary Fan
OFFLINE
4/4/2019 10:53 PM
 
Quote

Grazie, grazie e ancora grazie a tutti i fans che lavorano cosi tanto e con così tanta dedizione in nome di un amore incommensurabile per un incommensurabile uomo! Ti amiamo Michael....per sempre!💖
Email User Profile
Post: 28
Registered in: 1/19/2013
Gender: Male
King Of Pop Fan
OFFLINE
4/5/2019 9:53 AM
 
Quote

Scusate il piccolo Off Topic,nell'articolo postato da rosi@ viene detto che Michael è stato poche volte a Neverland dopo il matrimonio con Lisa,forse mi sbaglio,ma la Presley non si trasferì nel ranch insieme ai figli fino al divorzio ?
Non sto prendendo le parti di Safechuck,ci mancherebbe,e solo una mia curiosità.
[Edited by MJJ 23 4/5/2019 10:02 AM]
Email User Profile
Post: 11,489
Registered in: 12/30/2009
Location: BOLOGNA
Age: 49
Gender: Female
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
4/5/2019 10:06 PM
 
Quote

MJJ23, ora non ho il tempo di leggere l'articolo, ma non ricordo quanto tempo Lisa è rimasta a Neverland.
Mi pare però che non le piacesse star là, isolata dal mondo, e che si fosse trasferita altrove.
Ma qualcuno che ricorda meglio gli eventi ti toglierà il dubbio [SM=g5818178] .

Intanto sulla home page di Repubblica, in bella vista e piuttosto in alto, è comparso questo articolo, sul contro documentario di Taj e Brandi, visibile su You Tube (o dall'articolo stesso).
[Edited by (Miss Piggy) 4/5/2019 10:07 PM]
Email User Profile
Post: 876
Registered in: 7/31/2009
Location: PESCARA
Age: 50
Gender: Female
HIStory Fan
OFFLINE
4/6/2019 10:31 AM
 
Quote

Ma questo controdocumentario sarà visibile solo su Youtube? Su nessun canale tv? Chi si prenderebbe la briga, a parte i fans, di andarselo a vedere su Youtube?
Inoltre, credo sia buono che non sia lungo un'eternità, ma è anche vero che la durata aumenta la forza di persuasione di ciò che si dimostra. L'avrei fatto durare almeno un'ora.

Non voglio fare quella per cui non va bene mai niente, ma spero che almeno questo controdocumentario vada in onda su qualche emittente e sia venduto all'estero tanto quanto LN.


You're just another part of me
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:17 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com