Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, CLICCA QUI)




- Menù -



New Thread
Reply
 
Vote | Print | Email Notification    
Author
Facebook  

[top news] "Leaving Neverland" - il nuovo documentario diffamatorio su Michael Jackson

Last Update: 11/26/2020 8:46 PM
Email User Profile
Post: 4,213
Registered in: 11/26/2010
Location: ROMA
Age: 105
Gender: Female
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
3/28/2019 1:10 AM
 
Quote

Bugie, bugie e ancora bugie:



Email User Profile
Post: 12,447
Registered in: 3/3/2002
Gender: Male
Moderatore
Thriller Fan
Staff
OFFLINE
3/28/2019 9:48 AM
 
Quote

Grazie a tutte le persone là fuori che credono nell'innocenza di Michael e per aver condiviso il mio post. Il mio primo post era in realtà una lettera che avevo scritto in rabbia e l'ho inviata a più di 100 giornali e riviste ma non ho ricevuto una risposta. Le buone notizie non si vendono.
Ero determinato a far sentire la mia storia, così ho dovuto ricorrere all'uso di Facebook. In verità, l'unico motivo per cui ho un account facebook è così posso giocare a scarabeo e parole con gli amici. Raramente guardo facebook a meno che un amico non mi dica " hai visto che su facebook." quindi a tutti i miei amici e parenti su Facebook, non prenderla personalmente che non ho mai commentato i tuoi post e le tue foto o ti ho augurato buon compleanno .....
Ho tante belle storie da raccontare dei nostri tempi che abbiamo passato con Michael che avrei dovuto scrivere un libro ma solo per dire che tutto quello che michael voleva era fedeli amici (non importa il loro genere o età) con cui poteva passare del tempo e avere Un po ' di normalità nella sua vita ed è quello che eravamo per lui.
Ci sarebbe stato il miglior divertimento con lui e ha tirato fuori i bambini in noi. Era un bambino innocente a cuore ma anche un adulto estremamente sapiente e altamente intelligente ma purtroppo si è fidato delle persone sbagliate a causa della sua innocenza. Non riusciva mai a capire perché le persone fossero così brutte e brutte per lui.
Non abbiamo mai pubblicizzato la nostra amicizia perché a noi era solo Michael il nostro buon amico e non Michael Jackson il re del pop. Non gli abbiamo mai chiesto nulla, cioè per rendere i nostri figli ricchi e famosi. Ha valorizzato la nostra amicizia e noi abbiamo valorizzato la sua amicizia e noi siamo rimasti fedeli l'uno all'altro fino al giorno in cui è morto e noi saremo fedeli a Michael per preservare la sua memoria per sempre.
www.facebook.com/roslyn.witzcohen?epa=SEARCH_BOX




::: FAN dal 1991 - Presente sul FORUM dal 2002 :::
Email User Profile
Post: 12,448
Registered in: 3/3/2002
Gender: Male
Moderatore
Thriller Fan
Staff
OFFLINE
3/28/2019 9:49 AM
 
Quote

Sky Ferreira ha Trascorso "Tanto" Tempo al Neverland Ranch da Bambina, e ha detto che Michael Jackson le ha dato Consigli per la Carriera.

La cantante, che viveva con sua nonna parrucchiera da bambina, trascorreva molto tempo con gli adulti, tra cui alcuni dei famosi clienti di sua nonna. A sette anni, lei cantò per uno di loro, che le disse che doveva unirsi ad un coro gospel. L'uomo era Michael Jackson.

Jackson diede alla Ferreira alcuni consigli per la carriera che lei ha a cuore. "Lui diceva: "Non concentrarti solo su cose che ti circondano, devi guardare al passato alla storia della musica", ha raccontato la Ferreira. "Ed è quello che ho fatto".

La Ferreira ha anche raccontato di aver visitato il Neverland Ranch di Jackson (e le sue altre case) molte volte durante la sua infanzia, stringendo amicizia con il cantante molto più vecchio di lei.

La conversazione della Ferreira con Pitchfork è avvenuta pochi giorni prima che il documentario Leaving Neverland della HBO andasse in onda.

La Ferreira afferma di non aver assistito a nessun abuso durante il suo tempo con Jackson. "Non è stato solo perchè era una ragazza", ha detto la Ferreira. "Ero lì con tanti altri ragazzini".

Traduzione: MJ Thief of Hearts.



::: FAN dal 1991 - Presente sul FORUM dal 2002 :::
Email User Profile
Post: 12,449
Registered in: 3/3/2002
Gender: Male
Moderatore
Thriller Fan
Staff
OFFLINE
3/28/2019 9:49 AM
 
Quote




::: FAN dal 1991 - Presente sul FORUM dal 2002 :::
Email User Profile
Post: 12,450
Registered in: 3/3/2002
Gender: Male
Moderatore
Thriller Fan
Staff
OFFLINE
3/28/2019 9:52 AM
 
Quote

DOPO LA SMENTITA SUL TENTATIVO DI SUICIDIO, PARIS JACKSON, FIGLIA DI MICHAEL, SVIA L'ATTENZIONE DEI SOCIAL PUBBLICANDO UNA STORIA INSTAGRAM IN CUI FUMA UN BONG E LA SCRITTA 4:20, CHE FA RIFERIMENTO ALLA CULTURA DELLA CANNABIS.



::: FAN dal 1991 - Presente sul FORUM dal 2002 :::
Email User Profile
Post: 12,451
Registered in: 3/3/2002
Gender: Male
Moderatore
Thriller Fan
Staff
OFFLINE
3/28/2019 9:57 AM
 
Quote

Paris Jackson fuma marijuana (da un grosso bong) e in diretta
La chiacchierata Paris Jackson, a meno di una settimana dal suo compleanno, sembra essersi già catapultata nei festeggiamenti.

La figlia del Re del Pop Michael Jackson non smette di far parlare di sé e stavolta lo fa pubblicando un video su Instagram mentre è intenta a fumare marijuana da un grosso bong


Ieri notte ha infatti pubblicato una storia su Instagram nella quale è intenta a fumare marijuana da un bong, che in California è considerato legale con la scritta 4:20, numero associato al consumo di cannabis. In sottofondo una voce maschile, presumibilmente quella del fidanzato musicista Gabriel Glenn la incoraggia e le fornisce istruzioni su come fare. Il video arriva dopo il presunto tentato suicidio della 21enne a causa del controverso documentario in cui Wade Robson e James Safechuck hanno rivelato gli abusi subiti dal Re del Pop Micheal Jackson quando erano dei ragazzini. Paris, che aveva già tentato il suicidio per un’overdose di farmaci nel 2013, ha negato nel modo più assoluto di aver cercato di togliersi la vita, imputando le falsa notizia ai media, colpevoli di aver montato ad arte una vicenda strappalacrime in mancanza di una storia “succosa” da dare in pasto al pubblico.

In alcuni tweet poi eliminati, la ragazza aveva scritto "bugie, bugie e ancora bugie", e su Instagram si era detta tranquilla per la tremenda vicenda che la sua famiglia sta vivendo, invitando i fan di Michael Jackson e quanti lo accusano degli abusi, di rilassarsi.

Stando a quanto riporta il sito TMZ Paris, avvistata insieme al suo ragazzo per le strade di Los Angeles, alla domanda "Paris come stai? Dicono che sei stata in ospedale", la 21enne avrebbe risposto scocciata:"Oh Dio... si, tutte cavolate". Sempre secondo il noto sito, la figlia del cantante starebbe cercando di riprendere in mano la propria vita “mangiando in modo sano, facendo esercizi e lavorando sulla sua salute mentale. Paris sta anche organizzando una grande festa per il suo compleanno”, e allora, che i festeggiamenti abbiano inizio...


www.ilgiornale.it/news/spettacoli/paris-jackson-fuma-marijuana-diretta-su-instagram-1669...



::: FAN dal 1991 - Presente sul FORUM dal 2002 :::
Email User Profile
Post: 12,452
Registered in: 3/3/2002
Gender: Male
Moderatore
Thriller Fan
Staff
OFFLINE
3/28/2019 10:07 AM
 
Quote

Rabbino amico di Michael Jackson: "Le accuse sono vere"

Un vecchio amico di Michael Jackson svela le proprie reazioni dopo aver visto il documentario "Leaving Neverland": l'uomo crede alle presunte vittime



Michael Jackson continua a essere al centro dei commenti di innocentisti e colpevolisti dopo l’uscita del documentario “Leaving Neverland”.

Come riporta il Daily Mail, l’ultimo a parlare dell’argomento, in ordine di tempo, è un vecchio amico dell’artista: i due si sarebbero frequentati assiduamente dal 1999 al 2001. Si tratta del rabbino statunitense Shmuley Boteach, il quale ha rilasciato un’intervista in cui afferma di credere alla veridicità delle accuse lanciate da James Safechuck e Wade Robson.

Per il religioso, è avvenuto un rovesciamento dopo la visione del documentario di Dan Reed. Quando negli anni ’90 Jacko fu assolto da accuse simili - in particolare a seguito della denuncia del giovanissimo Jordy Chandler, che si risolse con il pagamento extragiudiziale di 23 milioni di dollari alla famiglia del bambino - Boteach rimase possibilista sull’eventuale colpevolezza del re del pop: per il rabbino l’unica certezza è che non avrebbe mai più potuto frequentare altri bambini, per i quali si poneva come un messia.

Eppure “Leaving Neverland" si è rivelato per il rabbino “devastante”, “doloroso” e “traumatico”. “Non credo che questi uomini stiano mentendo - ha affermato - e non credo che la vergogna e la colpa esperita dai loro genitori in generale, forse dalle loro madri in particolare, sia falsa”. Inoltre, per Boteach, il documentario rimette in discussione l’eredità di Jackson, anche perché prima d’ora nessuno aveva sentito accuse tanto dettagliate né i volti degli accusatori.

Il rabbino racconta come l’artista gli sia sempre apparso volenteroso di utilizzare la propria fama per alleviare i problemi dell’infanzia, sebbene cercò di osteggiarlo. “Smettila di pensare che tu sia l’unico in grado di dare attenzione a tutti i bambini abbandonati del mondo”, disse all’epoca il rabbino al cantante. L’amicizia tra i due si è interrotta quando il religioso ha capito che i suoi consigli venivano ignorati dalla popstar.


www.ilgiornale.it/news/spettacoli/rabbino-amico-michael-jackson-accuse-sono-vere-1669701.html?mobile_dete...


[Edited by DOUBLE-D 3/28/2019 10:09 AM]



::: FAN dal 1991 - Presente sul FORUM dal 2002 :::
Email User Profile
Post: 871
Registered in: 7/31/2009
Location: PESCARA
Age: 50
Gender: Female
HIStory Fan
OFFLINE
3/28/2019 10:25 AM
 
Quote

Re: Rabbino amico di Michael Jackson: "Le accuse sono vere"
DOUBLE-D, 28/03/2019 10.07:


Un vecchio amico di Michael Jackson svela le proprie reazioni dopo aver visto il documentario "Leaving Neverland": l'uomo crede alle presunte vittime



Michael Jackson continua a essere al centro dei commenti di innocentisti e colpevolisti dopo l’uscita del documentario “Leaving Neverland”.

Come riporta il Daily Mail, l’ultimo a parlare dell’argomento, in ordine di tempo, è un vecchio amico dell’artista: i due si sarebbero frequentati assiduamente dal 1999 al 2001. Si tratta del rabbino statunitense Shmuley Boteach, il quale ha rilasciato un’intervista in cui afferma di credere alla veridicità delle accuse lanciate da James Safechuck e Wade Robson.

Per il religioso, è avvenuto un rovesciamento dopo la visione del documentario di Dan Reed. Quando negli anni ’90 Jacko fu assolto da accuse simili - in particolare a seguito della denuncia del giovanissimo Jordy Chandler, che si risolse con il pagamento extragiudiziale di 23 milioni di dollari alla famiglia del bambino - Boteach rimase possibilista sull’eventuale colpevolezza del re del pop: per il rabbino l’unica certezza è che non avrebbe mai più potuto frequentare altri bambini, per i quali si poneva come un messia.

Eppure “Leaving Neverland" si è rivelato per il rabbino “devastante”, “doloroso” e “traumatico”. “Non credo che questi uomini stiano mentendo - ha affermato - e non credo che la vergogna e la colpa esperita dai loro genitori in generale, forse dalle loro madri in particolare, sia falsa”. Inoltre, per Boteach, il documentario rimette in discussione l’eredità di Jackson, anche perché prima d’ora nessuno aveva sentito accuse tanto dettagliate né i volti degli accusatori.

Il rabbino racconta come l’artista gli sia sempre apparso volenteroso di utilizzare la propria fama per alleviare i problemi dell’infanzia, sebbene cercò di osteggiarlo. “Smettila di pensare che tu sia l’unico in grado di dare attenzione a tutti i bambini abbandonati del mondo”, disse all’epoca il rabbino al cantante. L’amicizia tra i due si è interrotta quando il religioso ha capito che i suoi consigli venivano ignorati dalla popstar.


www.ilgiornale.it/news/spettacoli/rabbino-amico-michael-jackson-accuse-sono-vere-1669701.html?mobile_dete...






Un altro che ha usato Michael per diffondere la sua religione e che credeva di convertirlo. Ma va a cagher insieme a quella faccia da c...o di Dan Reed!


You're just another part of me
Email User Profile
Post: 1,112
Registered in: 7/15/2012
Location: ARCIDOSSO
Age: 48
Gender: Female
Utente Certificato
HIStory Fan
OFFLINE
3/28/2019 10:54 AM
 
Quote

DOUBLE-D, 28/03/2019 09.52:

DOPO LA SMENTITA SUL TENTATIVO DI SUICIDIO, PARIS JACKSON, FIGLIA DI MICHAEL, SVIA L'ATTENZIONE DEI SOCIAL PUBBLICANDO UNA STORIA INSTAGRAM IN CUI FUMA UN BONG E LA SCRITTA 4:20, CHE FA RIFERIMENTO ALLA CULTURA DELLA CANNABIS.

Non so se era questa la foto, ma già il giorno in cui venne diffusa la notizia del suo suicidio, parlando con mia figlia, mi disse che Paris aveva pubblicsto foto su Instagram dove fumava da un grosso bong.
Comunque anche se avessero parlato di una tempistica diversa, Paris potrebbe anche evitare di pubblicare certe cose...
Sarebbe meglio non le facesse proprio...
Email User Profile
Post: 14,200
Registered in: 8/4/2011
Gender: Female
Off The Wall Fan
OFFLINE
3/28/2019 11:28 AM
 
Quote

Re: Rabbino amico di Michael Jackson: "Le accuse sono vere"
DOUBLE-D, 28/03/2019 10.07:


Un vecchio amico di Michael Jackson svela le proprie reazioni dopo aver visto il documentario "Leaving Neverland": l'uomo crede alle presunte vittime



Michael Jackson continua a essere al centro dei commenti di innocentisti e colpevolisti dopo l’uscita del documentario “Leaving Neverland”.

Come riporta il Daily Mail, l’ultimo a parlare dell’argomento, in ordine di tempo, è un vecchio amico dell’artista: i due si sarebbero frequentati assiduamente dal 1999 al 2001. Si tratta del rabbino statunitense Shmuley Boteach, il quale ha rilasciato un’intervista in cui afferma di credere alla veridicità delle accuse lanciate da James Safechuck e Wade Robson.

Per il religioso, è avvenuto un rovesciamento dopo la visione del documentario di Dan Reed. Quando negli anni ’90 Jacko fu assolto da accuse simili - in particolare a seguito della denuncia del giovanissimo Jordy Chandler, che si risolse con il pagamento extragiudiziale di 23 milioni di dollari alla famiglia del bambino - Boteach rimase possibilista sull’eventuale colpevolezza del re del pop: per il rabbino l’unica certezza è che non avrebbe mai più potuto frequentare altri bambini, per i quali si poneva come un messia.

Eppure “Leaving Neverland" si è rivelato per il rabbino “devastante”, “doloroso” e “traumatico”. “Non credo che questi uomini stiano mentendo - ha affermato - e non credo che la vergogna e la colpa esperita dai loro genitori in generale, forse dalle loro madri in particolare, sia falsa”. Inoltre, per Boteach, il documentario rimette in discussione l’eredità di Jackson, anche perché prima d’ora nessuno aveva sentito accuse tanto dettagliate né i volti degli accusatori.

Il rabbino racconta come l’artista gli sia sempre apparso volenteroso di utilizzare la propria fama per alleviare i problemi dell’infanzia, sebbene cercò di osteggiarlo. “Smettila di pensare che tu sia l’unico in grado di dare attenzione a tutti i bambini abbandonati del mondo”, disse all’epoca il rabbino al cantante. L’amicizia tra i due si è interrotta quando il religioso ha capito che i suoi consigli venivano ignorati dalla popstar.


www.ilgiornale.it/news/spettacoli/rabbino-amico-michael-jackson-accuse-sono-vere-1669701.html?mobile_dete...



Cosa ti aspetti da uno che ha sempre cercato di portare Michael a fare quello che voleva lui...
Quando Michael, che era sì ingenuo ma scemo proprio no, ha iniziato ad allontanarsi, tutto andava contro...
Eh, quando uno inizia a focalizzare e vede bene, certi individui è meglio perderli che trovarli...

Bigotto....😒
Non mi è mai piaciuto...
Questi si ritrovano tutti nello stesso club “All For Money”

giphy-33
New Thread
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:17 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2020 FFZ srl - www.freeforumzone.com