Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)






- THE JACKSON CAFÈ -

Vuoi conoscere davvero tutto di Michael Jackson? Sei nella sezione giusta!

Qui potrai leggere e pubblicare Approfondimenti, Testimonianze, Documenti e Aneddoti.

Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Vota | Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

[interviste] Michael Jackson a "TV Guide Magazine" (2001): "Cerco di essere il miglior padre possibile"

Ultimo Aggiornamento: 10/11/2018 23.30
Email Scheda Utente
Post: 19
Registrato il: 21/06/2018
Città: FOGGIA
Età: 46
Sesso: Femminile
Moderatore
This Is It Fan
Redazione
OFFLINE
10/11/2018 18.34
 
Quota



Il 10 Novembre 2001 Michael Jackson rilascia una intervista al magazine “Tv Guide”, e alle domande dell’intervistatore su alcuni argomenti riguardanti la sua vita, si racconta così.

Riguardo alcuni dei suoi migliori amici:
"Elizabeth Taylor, Marlon Brando, Gregory Peck sono miei grandi amici. O sono molto più vecchi di me o molto più giovani. Non ho mai avuto un contatto reale con una persona mia coetanea. Penso che sia successo perché per tutta la vita ho cantato nei club, da quando avevo 5 anni. Ho visto gente ubriaca, che faceva risse, ed è stato semplicemente disgustoso. Quando qualcuno oggi mi dice "Ehi, andiamo in un club?" io gli rispondo "Assolutamente no"

Nell’affrontare il passaggio della celebrità da bambino a quella da adulto:
"Questo è un problema, e non deve essere preso alla leggera. Tutte le persone che sono cresciute come bambini prodigio hanno la stessa cosa in comune. Sei carino, ti amano; passi attraverso lo stadio imbarazzante dell’adolescenza e i fans non ti accettano più. Pochissimi continuano ad essere celebrità da adulti. Molti di loro diventano autodistruttivi, e questo è molto triste. Per quanto mi riguarda penso che la religione mi abbia aiutato".

Riguardo gli appellativi dispregiativi a lui attribuiti dai tabloid:
"Non è bello sentirmi chiamare “Wacko Jacko” (Jacko lo strambo). Lo dicono perché sono gelosi. Non ho fatto nulla di strano, vado negli ospedali e negli orfanotrofi e regalo ai bambini tantissimi giocattoli. Spendo migliaia di dollari, cosa c'è di così strano in questo? Sono stato ospite da Oprah Winfrey, da Diane Sawyer, la gente mi ha visto, ma la stampa è completamente gelosa. E questa è solo una delle cose negative che devo affrontare. Ma trasformo tutto questo in pensieri positivi e li metto in parole, li traduco in movimenti di danza, in espressioni del mio viso, e così diventano parte di me, parte della mia creazione. Cerco di non buttarmi giù per ciò che dicono i tabloids, perché se lo facessi diventerei pazzo. "

Sul suo programma televisivo preferito:
“Il mio spettacolo preferito è" Malcolm In The Middle ". Mi ricorda molto i miei fratelli ed io quando eravamo piccoli. Mi riferisco a Malcolm. Soprattutto perché cerca di inserirsi nella società, ma non ci riesce – un po’ come ET o Bambi – lui non può adattarsi ai concetti di altre persone. Io spesso mi sento così, una volta che scendo dal palco mi sento goffo, come se fossi fuori luogo”

Sulla sua missione nell’aiutare gli altri:
"L'ho sempre fatto, durante tutta la mia carriera con le canzoni "Heal The World", "We Are The World"; "Will You Be There", "Man In The Mirror", ho parlato del pianeta, “Earth Song” (la canzone della terra), perché è lì che si trova il mio cuore e cerco di prendermene cura. Il mio più grande sogno è avere un “Giorno dei Bambini” (come la festa del papà, della mamma, dei nonni), dove i bambini possano interagire realmente con i loro genitori".

Sul perché lui ha tanta affinità con i bambini:
"Non ho mai avuto un'infanzia. Quando i bambini soffrono, sento il loro dolore. E quando sono disperati, sento la loro disperazione. Sono molto preoccupato per la situazione e lo stato dei nostri figli oggi. Se ci fosse un giorno in cui i bambini potessero entrare in contatto con i genitori e stare con loro, questo farebbe la differenza.”

Sui suoi figli, la loro educazione e l’essere padre:
“I miei figli vengono con me ovunque io vada. Quando inizieranno la scuola, costruirò una scuola di informatica a Neverland, per fargliela frequentare con altri bambini. Come possono entrare nella società? Lui è Prince Michael Jackson, lei è Paris Katherine Michael Jackson. Sarebbe troppo difficile. Cerco di fare del mio meglio per essere un buon padre e cerco di farli divertire molto. Una volta all'anno mi vesto come un pagliaccio, con tutti gli accessori: il naso, il trucco. E do loro caramelle, biscotti e gelato."



Fonte: MJ Upbeats
Traduzione a cura di Paola di Bari per Michael Jackson FanSquare
Email Scheda Utente
Post: 7.293
Registrato il: 18/07/2009
Sesso: Maschile
Vice Amministratore
Thriller Fan
Direzione
OFFLINE
10/11/2018 20.34
 
Quota

Grazie Paola, molto interessante! [SM=g5818274]
Email Scheda Utente
Post: 11.407
Registrato il: 30/12/2009
Città: BOLOGNA
Età: 47
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
10/11/2018 23.30
 
Quota

Ad occhio mi sa che questi della guida tv (che non mi pare una testata sufficientemente importante perchè Mike gli possa aver rilasciato un'intervista) han fatto il solito mash-up da vecchi articoli e interviste.
Comunque,in questa forma non l'avevo mai letto, quindi grazie [SM=g5818181] !
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 03.18. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com