Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)






- THE JACKSON CAFÈ -

Vuoi conoscere davvero tutto di Michael Jackson? Sei nella sezione giusta!

Qui potrai leggere e pubblicare Approfondimenti, Testimonianze, Documenti e Aneddoti.

Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Vota | Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

[approfondimenti] Inside BAD: I Motivi del distacco tra MJ E Quincy Jones

Ultimo Aggiornamento: 20/12/2017 22.42
Email Scheda Utente
Post: 10.631
Registrato il: 24/05/2014
Sesso: Femminile
Moderatore
Thriller Fan
Staff
OFFLINE
20/12/2017 22.42
 
Quota

Inside BAD: I Motivi del distacco tra MJ E Quincy Jones



Nell'estate del 1985, Michael iniziò a lavorare su demo e idee per il suo prossimo album, che sarebbe diventato Bad. Fu raggiunto nel suo studio nella tenuta di Hayvenhurst da Matt Forger, Bill Bottrell, John Barnes e Christopher Currell, che divennero noti come "B-Team".

Insieme lavorarono senza l'influenza del "A-Team", ovvero il produttore Quincy Jones, l'ingegnere Bruce Swedien, Jerry Hey, Greg Phillinganes ed altri. Nel corso della seconda metà del 1985 e per la maggior parte del 1986, Michael e il B-Team realizzarono molte demo che sarebbero poi state portate all'attenzione di Quincy nelle principali sessioni in studio ai Westlake Studios, tra cui "Bad", "The Way You Make Me Feel", "Dirty Diana" e "Smooth Criminal".





Sebbene Michael avesse iniziato il progetto senza Quincy, il piano era di collaborare con lui ai Westlake in una fase successiva per la produzione principale. Michael era semplicemente ad un punto della sua vita creativa in cui era pronto a scrivere la maggior parte delle tracce per il suo prossimo album, sperimentare e registrare lontano dai Westlake e Quincy gli avrebbe permesso di avere più voce nella produzione complessiva.

Michael stava attraversando una vera crescita creativa e stava acquisendo competenze, non solo nella scrittura, ma anche nella fase di produzione e semplicemente stava prendendo più controllo sulla sua musica", ha spiegato Forger. "Era qualcosa che in realtà Quincy incoraggiava, sentiva che Michael avrebbe dovuto rendere il suo prossimo album più suo." Bottrell lo descrisse come "un adolescente che lascia il nido". "Michael stava crescendo e voleva sperimentare senza le restrizioni della scena dei Westlake", ha detto. "È così che ha iniziato a esprimere la sua volontà di indipendenza creativa".





Nell'agosto 1986, dopo più di un anno di lavoro on-off, Michael era pronto a unire le forze con l'A-Team, poiché sentiva di avere abbastanza materiale da presentare a Quincy. Essenzialmente è stata la squadra A a subentrare al team B, anche se Michael avrebbe continuato a lavorare nel suo studio di casa.

All'inizio del 1987, Michael era ancora preoccupato del fatto che le tracce non suonassero come quando erano state originariamente registrate con il Synclavier di Hayvenhurst. "Ne aveva discusso con Bruce [Swedien], che non sembrava comprendere la preoccupazione di Michael", disse Christopher Currell.



Sebbene Michael e Quincy stessero producendo l'album insieme, avevano idee contrastanti sui suoni. Michael era così scontento di quello che stava accadendo ai Westlake che osò persino fare dei cambiamenti alle spalle di Quincy.
Quincy non poteva crederci. Nessuno avrebbe mai fatto una cosa simile!

Con Michael che voleva più voce in capitolo nella produzione dell'album, c'era inevitabile attrito tra lui e Quincy. "C'era un netto attrito", ha detto il musicista Larry Williams. "Michael era molto desideroso di dimostrare che poteva produrre, così come cantare e ballare".

Michael ha ammesso che c'era tensione, specialmente quando si trattava di suonare. "Litighiamo", ha detto. "Siamo in disaccordo su alcune cose. Si tratta di cose nuove, la tecnologia più recente. Gli dicevo "Quincy, sai, la musica cambia continuamente". Voglio gli ultimi suoni di batteria che si usano adesso. Voglio essere un passo avanti. "



Quincy stava anche cercando di spingere Michael nella direzione del rap, così organizzò un incontro tra Michael e il gruppo hip-hop Run DMC, che era all'apice della loro popolarità. Dovevano collaborare a una canzone antidroga, "Crack Kills", ma il piano fallì.

Alcuni membri dell'A-Team rimasero così sconcertati riguardo all'idea di Michael di registrare l'album dopo ore con il B-Team di Hayvenhurst, che chiesero che Bill Bottrell e John Barnes smettessero di lavorarci. Barnes lasciò il progetto, mentre Bottrell fu licenziato da Frank DiLeo con la promessa che sarebbe stato ri-assunto per il prossimo album, che sarebbe diventato Dangerous.


Il presidente dell’etichetta Walter Yetnikoff ricorda che Michael gli disse che non voleva che Quincy vincesse alcun premio ai Grammy nel 1984 per il suo ruolo nella produzione di Thriller. "La gente penserà che sia stato lui a farlo, non io", disse Michael a Yetnikoff. Quincy credeva che i membri chiave dell'entourage di Michael gli stessero sussurrando all’orecchio dicendogli che stava guadagnando troppo merito.

Quincy pensava inoltre che Michael avesse perso fiducia in lui e nella sua conoscenza del mercato. "Ricordo che quando stavamo facendo Bad c’erano i Run DMC in studio perché volevo vedere cosa si potesse fare con l'hip-hop", disse. "E [Michael] intanto diceva a Frank DiLeo," Penso che Quincy stia perdendo colpi e non capisca più il mercato. Non sa che il rap è morto". Inoltre Michael si disse infelice dopo che Quincy gli diede del filo da torcere per l'inclusione di "Smooth Criminal "su Bad.
Uno dei motivi per cui Michael non voleva più lavorare con Quincy è perché sentiva che stava guadagnando troppo merito per il suo lavoro.



Michael voleva la completa libertà di produzione per il suo prossimo progetto. Su Bad Michael non è sempre stato in grado di produrre nel modo in cui voleva, specialmente quando si trattava di lavorare con il Synclavier, perché il coproduttore Quincy aveva i suoi metodi.

Il futuro produttore Brad Buxer disse che Michael non era arrabbiato con il suo mentore. "Ha sempre avuto ammirazione per lui e un immenso rispetto", ha detto Buxer. "Ma Michael voleva controllare il processo creativo dalla A alla Z. In poche parole, voleva essere il capo di se stesso. Michael era sempre molto indipendente, e voleva anche dimostrare che il suo successo non era dovuto a un uomo, vale a dire Quincy."

Dal libro “Making Michael” di Mike Smallcombe.

- Traduzione Alessandro Baggio dal Gruppo ufficiale del Michael Jackson FanSquare -

Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
Michael Jackson e la tecnica del "singhiozzo" (4 messaggi, agg.: 20/04/2017 18.19)
Lo stile di Michael Jackon: una storia di cinture (10 messaggi, agg.: 09/05/2017 23.18)
"Chicago", una storia di amore e tradimento (3 messaggi, agg.: 22/05/2017 23.34)
Michael Jackson e quell'ombra del "colonialismo mentale" (2 messaggi, agg.: 23/05/2017 00.13)
La magia del Bad Tour nelle cronache del tempo (4 messaggi, agg.: 15/07/2017 23.13)
Processo 2005: il tradimento di Debbie Rowe (2 messaggi, agg.: 14/09/2017 23.02)

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 04.51. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com