Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)





New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

La morte di Umberto Eco

Last Update: 6/23/2016 10:23 AM
Email User Profile
Post: 6,879
Registered in: 10/27/2009
Location: BARI
Age: 34
Gender: Female
Vice Amministratore
Thriller Fan
Direzione
OFFLINE
3/29/2016 2:32 PM
 
Quote

Vi ricordo che il topic è sulla morte di Umberto Eco, non sulle convinzioni religiose di ciascuno.
Email User Profile
OFFLINE
3/29/2016 2:39 PM
 
Quote

Re:
AntonellaP85, 29/03/2016 14.32:

Vi ricordo che il topic è sulla morte di Umberto Eco, non sulle convinzioni religiose di ciascuno.




Eco era un relativista ed è sul relativismo che sto cercando di intavolare una discussione. Se hai capito che sto difendendo le mie convinzioni religiose mi dispiace ma hai frainteso.
Email User Profile
Post: 3,136
Registered in: 10/1/2009
Gender: Female
Utente Certificato
Dangerous Fan
OFFLINE
3/29/2016 3:21 PM
 
Quote


Io invece penso di essere stata fin troppo chiara.


Antonella, condivido, ma ho ritenuto di rispondere per una forma di
normale cortesia.


Aveva pensato che se gli esseri umani non si esercitavano in continuazione ad aprire e chiudere la bocca,
correvano il rischio di cominciare a far lavorare il cervello.
D.Adams

Il sarcasmo con certe persone è utile quanto lanciare meringhe ad un castello.
Terry Pratchett

Email User Profile
OFFLINE
3/29/2016 4:23 PM
 
Quote

Re:
migi.mj, 29/0y3/2016 15.21:


Io invece penso di essere stata fin troppo chiara.


Antonella, condivido, ma ho ritenuto di rispondere per una forma di
normale cortesia.




Penso di essere stata fin troppo chiara nel post in cui ho risposto ad Antonella quindi non vedo perché tu debba insistere. La tua cortesia nel rispondermi dimostra la tua presunzione nel pensare che la tua opinione è migliore della mia. E menomale che il pensiero unico ti faceva orrore!
Se avessi scritto in un post un elogio a E. sarebbe andato tutto bene. Se provo a contattarlo significa che difendo le mie convinzioni religiose. Ditemi voi...
Email User Profile
Post: 3,137
Registered in: 10/1/2009
Gender: Female
Utente Certificato
Dangerous Fan
OFFLINE
3/29/2016 5:50 PM
 
Quote

"La tua cortesia nel rispondermi dimostra la tua presunzione nel pensare che la tua opinione è migliore della mia"

Non capisco perchè le persone dal nulla e sul nulla diventano così aggressive.
Intendevo dire che pur rendendomi conto di essere OT ho ritenuto opportuno rispondere.
Non ho "presunzioni" di sorta da difendere, ho espresso la mia personalissima opinione, come gli altri esprimono le proprie.

Trascorrere del tempo a fare graduatorie tra le mie opinioni e quelle
di chiunque altro non mi interessa affatto.

Buon proseguimento.
[Edited by migi.mj 3/29/2016 6:00 PM]


Aveva pensato che se gli esseri umani non si esercitavano in continuazione ad aprire e chiudere la bocca,
correvano il rischio di cominciare a far lavorare il cervello.
D.Adams

Il sarcasmo con certe persone è utile quanto lanciare meringhe ad un castello.
Terry Pratchett

Email User Profile
OFFLINE
3/30/2016 7:13 PM
 
Quote

Re:
migi.mj, 29/03/2016 17.50:

"La tua cortesia nel rispondermi dimostra la tua presunzione nel pensare che la tua opinione è migliore della mia"

Non capisco perchè le persone dal nulla e sul nulla diventano così aggressive.
Intendevo dire che pur rendendomi conto di essere OT ho ritenuto opportuno rispondere.
Non ho "presunzioni" di sorta da difendere, ho espresso la mia personalissima opinione, come gli altri esprimono le proprie.

Trascorrere del tempo a fare graduatorie tra le mie opinioni e quelle
di chiunque altro non mi interessa affatto.

Buon proseguimento.



Aggressività e graduatorie?!?! Dai per piacere. E' che si poteva fare una discussione interessante. Ma se non interessa...amen.
Email User Profile
OFFLINE
6/11/2016 10:53 AM
 
Quote

Email User Profile
OFFLINE
6/11/2016 10:57 AM
 
Quote

Re:
AntonellaP85, 29/03/2016 14.32:

Vi ricordo che il topic è sulla morte di Umberto Eco, non sulle convinzioni religiose di ciascuno.




Io credo che prima di ricordare a qualcuno che è andato in off topic, bisognerebbe aspettare che sia andato in off topic. La discussione non era neanche iniziata e non si poteva capire quindi come si sarebbe evoluta. Eco è stato cattolico per un periodo della sua vita. Poi ha abbracciato un'apostasia radicale. Perciò è inevitabile il confronto con il cattolicesimo, dato che è antitetico alle vedute di Eco.
[Edited by ste2016 6/11/2016 10:57 AM]
Email User Profile
OFFLINE
6/11/2016 11:28 AM
 
Quote

Re:
migi.mj, 15/03/2016 18.53:



«Quando una qualsiasi autorità religiosa di qualsiasi confessione si pronuncia su problemi che concernono i princìpi dell’etica naturale, i laici debbono riconoscerle questo diritto: possono consentire o non consentire sulla sua posizione, ma non hanno nessuna ragione per contestarle il diritto di esprimerla, anche se si esprime come critica al modo di vivere del non credente. Non ritengo esista il diritto inverso. I laici non hanno diritto di criticare il modo di vivere di un credente. Non vedo perché debbano scandalizzarsi perché la Chiesa cattolica condanna il divorzio: se vuoi essere cattolico non divorzi, se vuoi divorziare fatti protestante. Io confesso che sono persino irritato di fronte agli omosessuali che vogliono essere riconosciuti dalla Chiesa, o ai preti che vogliono sposarsi. Ci sono ricevimenti (laicissimi) in cui è richiesto lo smoking, e sta a me decidere se voglio piegarmi a un costume che mi irrita, perché ho una ragione impellente per partecipare a quell’evento, o se voglio affermare la mia libertà standomene a casa» (In cosa crede chi non crede, Liberal Libri 1996, p. 13).

Il pensiero unico a me personalmente fa orrore da sempre.


edit : e riportiamola per intero la sua considerazione critica
nei riguardi dei social, meglio:

«danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel».



La citazione di Eco è interessante. Mi fa pensare a un certo Voltaire che diceva: "Non son d'accordo con la tua idea ma combatterò fino alla morte affinchè tu possa esprimerla". Peccato che Voltaire intendesse le idee uguali alle sue. Tipico degli illuministi proclamare tolleranza (e venerare la ragione) e essere intolleranti (e non usare la ragione) nei confronti di chi la pensa diversamente da loro. Eco predicava libertà ma dava pubblicamente dell'imbecille a chi votava a destra considerandolo appartenente ad una sottospecie culturale. Eco apparteneva a quelli che decidono di venerare (ma non usare) l'intelletto a scopo di propagandare odio nei confronti del cattolicesimo e della chiesa cattolica. E' stato un abile bugiardo. Purtroppo c'è chi gli ha dato retta e chi continua a farlo. La propaganda anticlericale ha una matrice precisa. La stessa che ha avuto la rivoluzione francese, e anche la guerra di secessione americana e anche la prima guerra mondiale e anche quel disastro che abbiamo avuto in questo paese dopo 1500 anni di gloriosa storia cattolica italiana, l'unità d'Italia, le cui conseguenze (mafia e questione meridionale) le paghiamo ancora oggi dopo 150 anni. Questa matrice è la massoneria. Non sto dicendo che Eco fosse un massone (non ho idea se lo fosse). Dico che la propaganda anticlericale viene da lì. Molti ne sono stati contagiati, compreso Eco e hammo continuato a montare l'opinione pubblica contro la chiesa cattolica falsificando la realtà storica, con i risultati che tutti vediamo.
Anche a me il pensiero unico ha sempre fatto orrore. Peccato che forse non vi siate accorti che viviamo in piena dittatura massonico-mondialista. Viviamo in un regime totalitario ateo, marxista e laicista. I massoni sono di nuovo al potere, perchè a loro quello interessa. E hanno imposto come religione di stato l'ateismo. Peccato che anche l'ateismo sia una religione (a meno che gli atei non siano in grado di dimostrare l'inesistenza di Dio). Hanno spazzato via dall'Europa i tre pilastri su cui si è sempre fondata: il pensiero greco, il diritto romano e, soprattutto, il cristianesimo. Siamo immersi fino al collo nel relativismo (ecco che Eco ritorna) partendo dall'asssunto che le religioni siano tutte uguali e che una verità non esiste e, se esiste, non è conoscibile. Peccato che anche questa sia una verità, un'affermazione dogmatica. E' quella che si chiama dittatura del relativismo. Un vero relativista dubita di tutto e quindi diventa uno scettico assoluto. I relativisti moderni, come Eco, invece dubitano di tutto fuorchè di ciò che pensano loro. Loro hanno ragione e gli altri torto. Loro hanno la verità e gli altri sono da trattare alla stregua di trogloditi ignoranti e irrecuperabili. Ma come si fa ad avere stima di Umberto Eco?
Email User Profile
OFFLINE
6/11/2016 1:14 PM
 
Quote

prendiamo ad esmpio il concetto di giustizia. Per il relativismo non esiste una giustizia assoluta. quindi vale il concetto che ognuno ha della giustizia. Se ad esempio accade che caio rubi a tizio un sacco di patate, tizio potrebbe reputare giusto tagliargli una mano. se caio ruba a sempronio, questi potrebbe reputare giusto rinchiuderlo dieci anni in gattabuia?In pratica vale il concetto relativo di giustizia. Questo per fare un esempio. Ma la conseguenza deleteria di questo modo di pensare è che ognuno può trcouia perchè una giustizaia assoluta non esiste. Quella che si configura non è una società liberale ma anarchica. Ripeto: come si può avere stima per Eco?
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 2:27 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com