Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.michaeljackson.it


- Visita il website del FanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)





New Thread
Reply
 
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Grillo e il movimento a cinque stelle sono una minaccia per i partiti

Last Update: 12/21/2017 9:44 PM
Email User Profile
Post: 7,484
Registered in: 10/23/2004
Gender: Female
Thriller Fan
OFFLINE
2/5/2014 4:13 PM
 
Quote

Re:
migi.mj, 05/02/2014 13:47:

tranquilli/e [SM=g27811]
il Movimento è in ascesa vertiginosa, pare,
quindi sarà possibile quel famoso 51% e allora saremo
a cavallo.

Detto cio', buon proseguimento.




Seeee forse sarà al 24%

- you're squawking like a pink monkey bird -
Email User Profile
Post: 6,502
Registered in: 10/27/2009
Location: BARI
Age: 34
Gender: Female
Vice Amministratore
Thriller Fan
Direzione
OFFLINE
2/5/2014 4:36 PM
 
Quote

Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
sery84, 05/02/2014 16:11:



Non è un fatto di sfumature,
il fatto è che tu per esempio prendi due tizi e generalizzi il tutto. Anche io ho aiutato la Lav e ho conosciuto più persone sia del PD che del PDL che del 5stelle, oltre a gente sia in giunta a Milano che nei consigli comunali del Nord Est e semplicemente non c'è storia che regga, senza contare fatti spiacevoli e via dicendo. Ma non sto li a citarli e sopratutto non mi pare che manco i tuoi contatti siano andati a proporre leggi strane anticostituzionali su reati mafiosi o su prossime elezioni dubbie ma a chiedere consiglio direttamente a voi e a riproporre una legge di acqua bene comune (tra l'altro appoggiato dal 5stelle almeno per i comuni che conosco io).
Quindi ben vengano le critiche se qualcosa non va, ma difficilmente sento delle critiche vere sul cosa si sbaglia e sul cosa si debba migliorare, ma solo sul cose... visto?? hanno detto una parolaccia! visto?? abbiamo sentito che quello...!! visto?? si sente dire che quell'altro...!! Visto che casino che fanno?? in modo tale da far percepire che gli altri sono meglio e il 5stelle fa schifo a prescindere.




Veramente le generalizzazioni le leggo costantemente da parte dei 5s, per i quali se non sei con loro sei contro di loro, sei il cattivo, lo stupido ecc., mica solo io l'ho vissuta questa esperienza. Rubare proposte di legge appropriandosene ed estromettendo chi l'ha scritta non è mica normale eh. Questo per dire che i duri e puri non esistono e che le persone per bene esistono ovunque, come quelle cattive, e che ci sono migliaia di ottimi amministratori anche nei partiti classici e che non può essere la loro appartenenza l'unico metro di valutazione, è allucinante.
Email User Profile
Post: 6,850
Registered in: 3/20/2010
Location: MONTEVARCHI
Age: 52
Gender: Female
HIStorical Member
Thriller Fan
OFFLINE
2/5/2014 10:05 PM
 
Quote

Volevo commentare gli ultimi eventi, ma è riuscito talmente bene Andrea Scanzi (che non dev'essere proprio aretino aretino, la Piggy mi ha capito [SM=x47979] ) ad esprimere esattamente quello che penso che copio e incollo e torno a vedere "La Gabbia" su La 7, che stanno a parlà di Mastrapasqua (anche qui tutti cadono dal pero, Letta incluso, nonostante fosse ben risaputo com'era la situazione).

M5S è il ‘nuovo fascismo’? Non diciamo bischerate, dai
di Andrea Scanzi | 5 febbraio

Forse siamo finiti dentro un incantesimo. Una forza neonata, prima a fare opposizione autentica in Parlamento dopo tempo immemore, si batte per non regalare soldi pubblici alle banche private. Sono gli stessi “fascisti” che, contro tutti o quasi, si sono battuti contro gli F35 (Renzi dov’eri?) e a favore della Costituzione (Renzi dov’eri?), contro i boss delle slot machine e contro i furbini degli affitti d’oro. Sono gli stessi che, unici o quasi, hanno sollevato la questione morale contro Alfano (Renzi dov’eri?), Cancellieri (Renzi dove sei?) e De Girolamo (aggiungo io: che si tengono solo una parte del loro lauto stipendio e il resto lo devolvono al fondo per le piccole e medie imprese, con tanto di copie dei bonifici a riprova, come si può vedere su questo sito).
Ora, magicamente, questa opposizione autentica – e pienamente democratica – viene del tutto stravolta dalla grancassa di regime, che intende trasformarla da difensore delle regole a “eversiva”. Il capovolgimento totale della realtà: un po’ come prendersela col poliziotto burbero che ha detto “stronzo” al ladro e glorificare il ladro perché ha sorriso alle telecamere quando gli hanno messo le manette. Giustissimo sottolineare errori e sbandate di un Movimento che è spesso bravissimo a sabotarsi da solo, e quando non lo fa ci pensa un post ad minchiam di Grillo a rovinare quasi tutto, sdoganando la volgarità del solito gruppo tripartisan di decerebrati-web.
Parole inammissibili, ma al giochino patetico e colpevole del “5 Stelle= nuovi fascisti” non partecipo. Verrebbe da ridere, se non ci fosse da piangere. Non è neanche una semplificazione: è una stortura empia, deliberata, carognesca. Davvero siamo arrivati a un tale livello di rincoglionimento? Davvero c’è chi crede che Di Battista sia un balilla e Vito Crimi il novello Farinacci? Davvero c’è chi ha più paura di una Giulia Sarti che di un Denis Verdini (sì, quel Verdini che ha scritto il Troiaium tanto caro a Matteo Peppo Pig)? Davvero c’è chi pensa che i grillini siano “stupratori potenziali”? Bastano alcuni commenti anonimi per asserirlo? Allora, in base ai commenti sulla mia pagina facebook – che vanta più o meno 176mila persone in più dei lettori de L’Unità – io potrei affermare che quasi tutti i renziani sono beceri e violenti, perché mi insultano ogni giorno? Cos’è, uno scherzo?

Davvero vogliamo giustificare e addirittura santificare un Presidente della Camera inadeguato e incapace perché – secondo un femminismo caricaturale – è donna e dunque in quanto tale non criticabile? Davvero volete che non metta in discussione una come la Boldrini, che da Fazio ha detto una castroneria dopo l’altra denotando una competenza pressoché pari a quella della Gelmini sui neutrini? Davvero quel che resta della sinistra italiana si è già fatta piacere questo fenomeno che – a volergli bene – si può definire al massimo la copia accettabile di Berlusconi (e infatti erotizza da matti la destra)?
A me i “boia chi molla” e affini fanno schifo. Schifo. Ma mi fanno ancora più schifo – o quantomeno è un pareggio – gli schiaffoni alle deputate per mano di pseudo-questori di Sciolta Civica, gli insulti ai deputati 5 Stelle malati di sclerosi multipla (“Cambiategli i fogli!” Ah ah ah, buuuuu!!”: li avete giù dimenticati?), le risatine di scherno di piddini e piddine (“Oh oh, sono arrivati i grillini, i turisti della democrazia, ah ah ah!”) e le provocazioni sistematiche delle piddine amene – quelle che ieri erano bersaniane, oggi renziane e domani si vedrà – che gridano “fascisti” a chi ha avuto il nonno deportato ad Auschwitz. Davvero il rincoglionimento è a questi livelli? E’ rimasto da qualche parte un briciolo di libertà di pensiero? Davvero pretendete che io, che fino all’altro giorno ero ritenuto addirittura “renziano” e “pennivendolo” solo perché avevo criticato – come sempre ho fatto e farò – le prese di posizione immobiliste-talebane dei 5 Stelle, mi travesta da un francescomerlo qualsiasi e spari le mie brodaglie politicamente (s)corrette in difesa dei Boccia?
Chi accusa di “faziosità” me o Travaglio, Gomez o Padellaro, Freccero o Liuzzi, non ci vorrebbe “imparziali” (l’imparzialità non esiste, esiste l’onestà intellettuale): ci vorrebbe “parziali” a suo gusto. E’ una cosa molto diversa. Ci vorrebbe piddini. Ci vorrebbe Lerner, ci vorrebbe Augias, ci vorrebbe Maltese (e ho volutamente citato persone stimate e stimabili, sia chiaro). Chi ci critica ci vorrebbe “fazioso” come lui e dunque renziano: preferisco vivere, ragazzi. E dunque pensare. Ho troppo amore delle idee per passare dal “Siamo realisti esigiamo l’impossibile” al “Vamos a la playa oh oh oh oh”. Mi voglio troppo bene per credere a Renzi. Preferisco aderire, come ho appena fatto, alla Lista Civica Tsipras, che non so se riuscirà a presentarsi né se voterò a maggio, ma so – eccome – che sentirmi accanto a Paolo Flores D’Arcais o Barbara Spinelli mi fa stare bene. Molto bene. E un’alternativa democratica, per giunta nobilissima, è sempre una buona notizia. Ancor più di questi tempi.

Il giochino di queste ore è far credere che i Di Maio e le Taverna siano i nuovi fascisti. Ma davvero qualcuno ci crede? Che droghe usa questa gente? Il Movimento 5 Stelle ha falle e lacune che critico ogni giorno. Lo faccio da quando Pigibattista aveva ancora i capelli. Chi parla di 5 Stelle, quasi sempre, non sa minimamente di cosa parla. I 5 Stelle sono fatalmente immaturi, talora odiosamente massimalisti e strategicamente masochisti: ma fascisti proprio no. E’ un falso storico, non diciamo castronerie. Casomai hanno evitato un nuovo fascismo, veicolando democraticamente una protesta sempre più tracimante. M5S è l’unica novità autentica di questo presente politico (il che non vuol dire che siano perfetti, anzi). Tra un errore e l’altro, hanno combattuto e combattono battaglie nobilissime. Spulciano i decreti, controllano, studiano. Si sbattono, ci credono. E sono onesti, al di là di qualche dissidente di professione folgorato sulla via della diaria (poveretti). Se il “nuovo” sono le De Micheli e le Biancofiore, le Boschi e le Carfagna, gli Speranza e i Faraone, allora sì che siamo proprio alla canna del gas.

Mi si chiede: ma a te questo presente non fa paura? Certo che mi fa paura. Ma mi fa paura per altri motivi. Tra Letta e Taverna, non è la seconda a inquietarmi. Mi fa paura, anzitutto, il rincoglionimento che pare esondare ovunque. Mi fanno paura i Verdini. Mi fanno paura i Casini, i poteri forti dietro a Renzi e l’eterno ritorno del Caimano. Mi fa paura la mancanza pressoché totale di decenza di troppa stampa. Mi fa paura anche Casaleggio, o quantomeno non è il mio genere: prima verrà reciso il cordone ombelicale tra lui e i “cittadini” in Parlamento, e meglio sarà. Ma se l’assioma per sembrare “equilibrati” e “democratici” è pensare che Nicola Morra è lì, con la camicia nera, pronto a marciare su Roma canticchiando eia eia elalà, be’ ragazzi: io amo il vino, ma voi pretendete che raggiunga un’ubriacatura cerebrale che fortunatamente mi è ignota.

P.S. Quando si è di fronte a una palese porcata, la democrazia si esercita non avallando la porcata, ma arrabbiandosi e combattendola. Democraticamente, ma con ogni mezzo lecito.

www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/05/m5s-e-il-nuovo-fascismo-non-diciamo-bischerate-dai...
[Edited by 4everMJJ 2/5/2014 10:06 PM]
Email User Profile
Post: 7,486
Registered in: 10/23/2004
Gender: Female
Thriller Fan
OFFLINE
2/6/2014 1:07 AM
 
Quote

Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re:
AntonellaP85, 05/02/2014 16:36:




Veramente le generalizzazioni le leggo costantemente da parte dei 5s, per i quali se non sei con loro sei contro di loro, sei il cattivo, lo stupido ecc., mica solo io l'ho vissuta questa esperienza. Rubare proposte di legge appropriandosene ed estromettendo chi l'ha scritta non è mica normale eh. Questo per dire che i duri e puri non esistono e che le persone per bene esistono ovunque, come quelle cattive, e che ci sono migliaia di ottimi amministratori anche nei partiti classici e che non può essere la loro appartenenza l'unico metro di valutazione, è allucinante.




Mah bisogna vedere secondo me, perché come l'hai raccontata te non sembra vera, ma sembra la diceria di qualcuno. In caso fosse vera beh hai tu in questo caso il potere e il diritto di cittadina di dirlo.
Innanzitutto perché non vai a dirlo che il tizio ha cancellato il nome della proposta di legge di chi l'ha scritta?
Il movimento è aperto a tutti ed è fatto apposta per dirle queste cose, non chiede dei voti chiede partecipazione.
Scrivi sul blog del tizio o scrivi al sito.

Di amministratori bravi ce ne saranno (io non ne ho ancora incontrati), ma se sostengono chi fa certe cose, è meglio non sostenerli a priori, e questo per dei motivi semplicissimi ed evidenti. Di questo anche il 5stelle ne parla e sempre a dire il vero che ci sono delle persone oneste anche dalle altre parti e che si rivolgono a loro, solo che quando c'è da votare per o contro i cittadini votano contro per indicazione di partito, per poi andare dietro alle mura a dire che avrebbero voluto votare altro. Finché i partiti sono gestiti così, è ovvio che anche la migliore delle persone non cambierà nulla anzi continuerà a fare il loro gioco,mi ricordo cosa si diceva di Vendola all'inizio e come si è poi dimostrato invece.
Per questo è ovvio che stare dalla parte di quel sistema è dannoso e basta.
Io ho conosciuto tanta gente del PD, di brave persone nessuna, anzi invasati di soldi,gente con 10 e più cariche che voleva solo soldi e voleva più cariche per averne ancora di più, che ha messo figli e nipoti da ogni parte, gente che fa schifo.




- you're squawking like a pink monkey bird -
Email User Profile
Post: 7,487
Registered in: 10/23/2004
Gender: Female
Thriller Fan
OFFLINE
2/6/2014 1:08 AM
 
Quote

Re:
4everMJJ, 05/02/2014 22:05:

Volevo commentare gli ultimi eventi, ma è riuscito talmente bene Andrea Scanzi (che non dev'essere proprio aretino aretino, la Piggy mi ha capito [SM=x47979] ) ad esprimere esattamente quello che penso che copio e incollo e torno a vedere "La Gabbia" su La 7, che stanno a parlà di Mastrapasqua (anche qui tutti cadono dal pero, Letta incluso, nonostante fosse ben risaputo com'era la situazione).

M5S è il ‘nuovo fascismo’? Non diciamo bischerate, dai
di Andrea Scanzi | 5 febbraio

Forse siamo finiti dentro un incantesimo. Una forza neonata, prima a fare opposizione autentica in Parlamento dopo tempo immemore, si batte per non regalare soldi pubblici alle banche private. Sono gli stessi “fascisti” che, contro tutti o quasi, si sono battuti contro gli F35 (Renzi dov’eri?) e a favore della Costituzione (Renzi dov’eri?), contro i boss delle slot machine e contro i furbini degli affitti d’oro. Sono gli stessi che, unici o quasi, hanno sollevato la questione morale contro Alfano (Renzi dov’eri?), Cancellieri (Renzi dove sei?) e De Girolamo (aggiungo io: che si tengono solo una parte del loro lauto stipendio e il resto lo devolvono al fondo per le piccole e medie imprese, con tanto di copie dei bonifici a riprova, come si può vedere su questo sito).
Ora, magicamente, questa opposizione autentica – e pienamente democratica – viene del tutto stravolta dalla grancassa di regime, che intende trasformarla da difensore delle regole a “eversiva”. Il capovolgimento totale della realtà: un po’ come prendersela col poliziotto burbero che ha detto “stronzo” al ladro e glorificare il ladro perché ha sorriso alle telecamere quando gli hanno messo le manette. Giustissimo sottolineare errori e sbandate di un Movimento che è spesso bravissimo a sabotarsi da solo, e quando non lo fa ci pensa un post ad minchiam di Grillo a rovinare quasi tutto, sdoganando la volgarità del solito gruppo tripartisan di decerebrati-web.
Parole inammissibili, ma al giochino patetico e colpevole del “5 Stelle= nuovi fascisti” non partecipo. Verrebbe da ridere, se non ci fosse da piangere. Non è neanche una semplificazione: è una stortura empia, deliberata, carognesca. Davvero siamo arrivati a un tale livello di rincoglionimento? Davvero c’è chi crede che Di Battista sia un balilla e Vito Crimi il novello Farinacci? Davvero c’è chi ha più paura di una Giulia Sarti che di un Denis Verdini (sì, quel Verdini che ha scritto il Troiaium tanto caro a Matteo Peppo Pig)? Davvero c’è chi pensa che i grillini siano “stupratori potenziali”? Bastano alcuni commenti anonimi per asserirlo? Allora, in base ai commenti sulla mia pagina facebook – che vanta più o meno 176mila persone in più dei lettori de L’Unità – io potrei affermare che quasi tutti i renziani sono beceri e violenti, perché mi insultano ogni giorno? Cos’è, uno scherzo?

Davvero vogliamo giustificare e addirittura santificare un Presidente della Camera inadeguato e incapace perché – secondo un femminismo caricaturale – è donna e dunque in quanto tale non criticabile? Davvero volete che non metta in discussione una come la Boldrini, che da Fazio ha detto una castroneria dopo l’altra denotando una competenza pressoché pari a quella della Gelmini sui neutrini? Davvero quel che resta della sinistra italiana si è già fatta piacere questo fenomeno che – a volergli bene – si può definire al massimo la copia accettabile di Berlusconi (e infatti erotizza da matti la destra)?
A me i “boia chi molla” e affini fanno schifo. Schifo. Ma mi fanno ancora più schifo – o quantomeno è un pareggio – gli schiaffoni alle deputate per mano di pseudo-questori di Sciolta Civica, gli insulti ai deputati 5 Stelle malati di sclerosi multipla (“Cambiategli i fogli!” Ah ah ah, buuuuu!!”: li avete giù dimenticati?), le risatine di scherno di piddini e piddine (“Oh oh, sono arrivati i grillini, i turisti della democrazia, ah ah ah!”) e le provocazioni sistematiche delle piddine amene – quelle che ieri erano bersaniane, oggi renziane e domani si vedrà – che gridano “fascisti” a chi ha avuto il nonno deportato ad Auschwitz. Davvero il rincoglionimento è a questi livelli? E’ rimasto da qualche parte un briciolo di libertà di pensiero? Davvero pretendete che io, che fino all’altro giorno ero ritenuto addirittura “renziano” e “pennivendolo” solo perché avevo criticato – come sempre ho fatto e farò – le prese di posizione immobiliste-talebane dei 5 Stelle, mi travesta da un francescomerlo qualsiasi e spari le mie brodaglie politicamente (s)corrette in difesa dei Boccia?
Chi accusa di “faziosità” me o Travaglio, Gomez o Padellaro, Freccero o Liuzzi, non ci vorrebbe “imparziali” (l’imparzialità non esiste, esiste l’onestà intellettuale): ci vorrebbe “parziali” a suo gusto. E’ una cosa molto diversa. Ci vorrebbe piddini. Ci vorrebbe Lerner, ci vorrebbe Augias, ci vorrebbe Maltese (e ho volutamente citato persone stimate e stimabili, sia chiaro). Chi ci critica ci vorrebbe “fazioso” come lui e dunque renziano: preferisco vivere, ragazzi. E dunque pensare. Ho troppo amore delle idee per passare dal “Siamo realisti esigiamo l’impossibile” al “Vamos a la playa oh oh oh oh”. Mi voglio troppo bene per credere a Renzi. Preferisco aderire, come ho appena fatto, alla Lista Civica Tsipras, che non so se riuscirà a presentarsi né se voterò a maggio, ma so – eccome – che sentirmi accanto a Paolo Flores D’Arcais o Barbara Spinelli mi fa stare bene. Molto bene. E un’alternativa democratica, per giunta nobilissima, è sempre una buona notizia. Ancor più di questi tempi.

Il giochino di queste ore è far credere che i Di Maio e le Taverna siano i nuovi fascisti. Ma davvero qualcuno ci crede? Che droghe usa questa gente? Il Movimento 5 Stelle ha falle e lacune che critico ogni giorno. Lo faccio da quando Pigibattista aveva ancora i capelli. Chi parla di 5 Stelle, quasi sempre, non sa minimamente di cosa parla. I 5 Stelle sono fatalmente immaturi, talora odiosamente massimalisti e strategicamente masochisti: ma fascisti proprio no. E’ un falso storico, non diciamo castronerie. Casomai hanno evitato un nuovo fascismo, veicolando democraticamente una protesta sempre più tracimante. M5S è l’unica novità autentica di questo presente politico (il che non vuol dire che siano perfetti, anzi). Tra un errore e l’altro, hanno combattuto e combattono battaglie nobilissime. Spulciano i decreti, controllano, studiano. Si sbattono, ci credono. E sono onesti, al di là di qualche dissidente di professione folgorato sulla via della diaria (poveretti). Se il “nuovo” sono le De Micheli e le Biancofiore, le Boschi e le Carfagna, gli Speranza e i Faraone, allora sì che siamo proprio alla canna del gas.

Mi si chiede: ma a te questo presente non fa paura? Certo che mi fa paura. Ma mi fa paura per altri motivi. Tra Letta e Taverna, non è la seconda a inquietarmi. Mi fa paura, anzitutto, il rincoglionimento che pare esondare ovunque. Mi fanno paura i Verdini. Mi fanno paura i Casini, i poteri forti dietro a Renzi e l’eterno ritorno del Caimano. Mi fa paura la mancanza pressoché totale di decenza di troppa stampa. Mi fa paura anche Casaleggio, o quantomeno non è il mio genere: prima verrà reciso il cordone ombelicale tra lui e i “cittadini” in Parlamento, e meglio sarà. Ma se l’assioma per sembrare “equilibrati” e “democratici” è pensare che Nicola Morra è lì, con la camicia nera, pronto a marciare su Roma canticchiando eia eia elalà, be’ ragazzi: io amo il vino, ma voi pretendete che raggiunga un’ubriacatura cerebrale che fortunatamente mi è ignota.

P.S. Quando si è di fronte a una palese porcata, la democrazia si esercita non avallando la porcata, ma arrabbiandosi e combattendola. Democraticamente, ma con ogni mezzo lecito.

www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/05/m5s-e-il-nuovo-fascismo-non-diciamo-bischerate-dai...




[SM=g27811]

- you're squawking like a pink monkey bird -
Email User Profile
Post: 1,096
Registered in: 4/29/2008
Gender: Male
HIStory Fan
OFFLINE
2/6/2014 9:39 AM
 
Quote

Re:
4everMJJ, 05/02/2014 22:05:

Volevo commentare gli ultimi eventi, ma è riuscito talmente bene Andrea Scanzi (che non dev'essere proprio aretino aretino, la Piggy mi ha capito [SM=x47979] ) ad esprimere esattamente quello che penso che copio e incollo e torno a vedere "La Gabbia" su La 7, che stanno a parlà di Mastrapasqua (anche qui tutti cadono dal pero, Letta incluso, nonostante fosse ben risaputo com'era la situazione).

M5S è il ‘nuovo fascismo’? Non diciamo bischerate, dai
di Andrea Scanzi | 5 febbraio




Apro una parentesi leggera.

Da buoni fan intransigenti del titolare del forum non dobbiamo più citare Scanzi (anche se [SM=g27836] ).

Tratto dalla sua pagina facebook

Care icone rosse, raccontateci il vostro passato da vergogna. Ecco gli scheletri chic”. Il Giornale, stamani, promette rivelazioni scottanti sugli intellettuali di sinistra. C'è pure la foto di Barbara Spinelli, una delle figure che più stimo in questo paese. Che avrà mai fatto? Cosa avranno mai scoperto? Roba forte, fortissima: Il Giornale ha scoperto (oggi) che la Spinelli scrive su Repubblica. E quindi? Quindi Il Giornale tuona: «Spinelli, ci dica, com’è lavorare con un direttore come Scalfari che mentre suo padre Altiero era al confino a Ventotene dirigeva “Roma Fascista”? Avete mai parlato di queste cose?».
Più che macchina del fango, come scrive Alessandro Gilioli, siamo alla "diffusione a pagamento di merda buffa". Merda buffa che prosegue ad esempio con Paolo Mieli (icona della sinistra? Da quando?), che nel 1971 firmò il noto appello sul caso Pinelli (notizia inedita: Mieli ha chiesto scusa pubblicamente 12 anni fa).
Vorrei aiutare Il Giornale e contribuire a questo meritorio svelamento. Durante una cena, Michele Serra si è soffiato il naso. Antonio Padellaro, una volta, ha ordinato un mojito. Peter Gomez mette le gambe sopra la scrivania senza togliersi le scarpe. Marco Travaglio ha in bella mostra la tessera dei "sorcini" fan club di Renato Zero quando entri nella sua stanza. Per quanto mi riguarda, nascondo colpe terribili: ho il vinile di Bad di Michael Jackson, ero iscritto nel '94 al fan club dei Negrita, una volta ho ordinato un Galestro Capsula Viola e sono feticista che in confronto Quentin Tarantino è "normale".
Dateci l'ergastolo, subito: ce lo meritiamo.


Molto male Scanzi, molto male.


“You have to be realistic about these things.”
Email User Profile
Post: 1,902
Registered in: 10/1/2009
Gender: Female
Utente Certificato
Dangerous Fan
OFFLINE
2/6/2014 10:11 AM
 
Quote

Re: Re:
Rarronno, 06/02/2014 09:39:



Apro una parentesi leggera.

Molto male Scanzi, molto male.






Aveva pensato che se gli esseri umani non si esercitavano in continuazione ad aprire e chiudere la bocca,
correvano il rischio di cominciare a far lavorare il cervello.
D.Adams

Il sarcasmo con certe persone è utile quanto lanciare meringhe ad un castello.
Terry Pratchett

Email User Profile
Post: 3,690
Registered in: 11/15/2009
Location: NAPOLI
Age: 53
Gender: Female
Bad Fan
OFFLINE
2/6/2014 11:19 AM
 
Quote

Scanzi ha il pregio della chiarezza,del senso della realta',soprattutto,riesce ad esporre le idee con pacatezza anche in TV...che dire,quoto tutto cio' che ha scritto nell'articolo!
Certo adesso sta per nascere un problema con le elezioni europee,molti dei probabili eletti,tipo Lega e M5S,sono antieuropeisti e vorrebbero abolire l'euro,come si fara'?
Email User Profile
Post: 197
Registered in: 11/16/2013
Gender: Male
The Essential Fan
OFFLINE
2/6/2014 1:05 PM
 
Quote

Re: Re:
Rarronno, 06/02/2014 09:39:





Care icone rosse, raccontateci il vostro passato da vergogna. Ecco gli scheletri chic”. Il Giornale, stamani, promette rivelazioni scottanti sugli intellettuali di sinistra. C'è pure la foto di Barbara Spinelli, una delle figure che più stimo in questo paese. Che avrà mai fatto? Cosa avranno mai scoperto? Roba forte, fortissima: Il Giornale ha scoperto (oggi) che la Spinelli scrive su Repubblica. E quindi? Quindi Il Giornale tuona: «Spinelli, ci dica, com’è lavorare con un direttore come Scalfari che mentre suo padre Altiero era al confino a Ventotene dirigeva “Roma Fascista”? Avete mai parlato di queste cose?».
Più che macchina del fango, come scrive Alessandro Gilioli, siamo alla "diffusione a pagamento di merda buffa". Merda buffa che prosegue ad esempio con Paolo Mieli (icona della sinistra? Da quando?), che nel 1971 firmò il noto appello sul caso Pinelli (notizia inedita: Mieli ha chiesto scusa pubblicamente 12 anni fa).
Vorrei aiutare Il Giornale e contribuire a questo meritorio svelamento. Durante una cena, Michele Serra si è soffiato il naso. Antonio Padellaro, una volta, ha ordinato un mojito. Peter Gomez mette le gambe sopra la scrivania senza togliersi le scarpe. Marco Travaglio ha in bella mostra la tessera dei "sorcini" fan club di Renato Zero quando entri nella sua stanza. Per quanto mi riguarda, nascondo colpe terribili: ho il vinile di Bad di Michael Jackson, ero iscritto nel '94 al fan club dei Negrita, una volta ho ordinato un Galestro Capsula Viola e sono feticista che in confronto Quentin Tarantino è "normale".
Dateci l'ergastolo, subito: ce lo meritiamo.



Molto male Marco, molto male.




Almost immediately, their incredible and unclassifiable music went against every possible grain. Their confrontational live performances, light years before punk rock, are the stuff of legend. Their first, self-titled album is one of the single most challenging and noteworthy achievements in American music
Email User Profile
Post: 7,488
Registered in: 10/23/2004
Gender: Female
Thriller Fan
OFFLINE
2/6/2014 2:15 PM
 
Quote

Lasciatelo dire a me, che non meno di un mese fa, all’annuncio che, in nome del mio comunismo ermeneutico, avrei voluto candidarmi alle elezioni europee con i Cinque Stelle, sono stato oggetto di una durissima campagna telematica da parte di militanti del Movimento che non mi hanno risparmiato nessuna delle ingiurie che ora scandalizzano tanto la stampa di regime. Le ingiurie e gli insulti, sessisti e no (ma non mi hanno nemmeno rinfacciato di essere gay, peraltro), non mi fanno piacere, e credo che in generale siano controproducenti, come insegna il caso Berlusconi, che dalle sue malefatte sessual-politico-barzellettesche ha sempre tratto enormi vantaggi in termini di popolarità anche elettorale.

Ma il diluvio di accuse, insulti, deprecazioni, allarmi in difesa della democrazia, che tutti i media dell’arco “costituzionale” rovesciano ogni mattina su Grillo il suo movimento non dovrebbero più lasciare indifferenti i benpensanti. I quali non possono non vedervi la prova che i grillini hanno ragione da vendere, e per questo il mondo dell’informazione mainstream ne ha tanta paura. Come si fa a qualificare a gran voce come “sgangherata” la costituzionalissima richiesta di messa in stato d’accusa del Capo dello Stato, che a partire dalla nomina di Monti a senatore a vita e poi a primo ministro non avrà attentato alla Costituzione, ma l’ha almeno applicata con molta elasticità e arbitrarietà, sempre ‘nello spirito di un atlantismo addirittura servile (pensiamo alla grazia per il colonnello Romano).

Fino all’ultimo decreto che, dopo tanti altri, ha lasciato passare senza battere un colpo, alla faccia della manifesta disomogeneità tra l’Imu e il regalo alle banche, non mitigato nemmeno da un richiamo al dovere di sostenere l’economia con una politica creditizia meno rapinatoria. Quanto all’ostruzionismo, che qualche zelante democratico ha addirittura pensato di perseguire penalmente, sarebbe il caso di capire che mentre si chiude sempre più un blocco renziano-berlusconiano teso a perpetuare il regime delle larghe intese che strangolano la nostra economia, è fin troppo poco ciò che si è visto in Parlamento. La legge elettorale che si progetta è l’anticamera del regime, una sorta di legge truffa costituzionalizzata, come il fiscal compact che minaccia di ridurci alla miseria e forse alla guerriglia urbana.

Salviamoci almeno dall’ipocrisia dei tanti democratici di complemento che si stracciano le vesti in nome della dignità di un Parlamento che sembra sempre più avviato a una indecorosa eutanasia.


[URL=
www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/04/m5s-i-grillini-hanno-ragione-da-vendere-per-questo-fanno-paura/...
www.ilfattoquotidiano.it/2014/02/04/m5s-i-grillini-hanno-ragione-da-vendere-per-questo-fanno-paura...

- you're squawking like a pink monkey bird -
New Thread
Reply

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 1:46 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com