Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.mjj.it


- Visita il website di MJFanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)





Nuova Discussione
Rispondi
 
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

Katherine vs AEG: i Jackson presentano richiesta di Appello

Ultimo Aggiornamento: 15/05/2015 23.21
Email Scheda Utente
Post: 949
Registrato il: 30/06/2011
Città: SARZANA
Età: 53
Sesso: Femminile
HIStory Fan
OFFLINE
09/07/2013 19.13
 
Quota

Giorno 40 - 28 Giugno 2013 - Sommario

Katherine Jackson non è in tribunale

Testimonianza di Karen Faye

[IMG]http://i44.tinypic.com/m79oyd.jpg[/IMG]

L’avvocato difensore Marvin S. Putnam per AEG sta controinterrogando la Faye. Ha esordito affermando che erano passate sette settimane da quando lei era stata l’ultima volta in tribunale, il 10 Maggio.
Putnam le ha chiesto se ha fatto qualcosa per prepararsi, come guardare la trascrizione. Ha detto sì, periodicamente. "Ho deposto per 4 o 5 giorni e ho parlato con i querelanti, per 1 giorno", ha detto la Faye. Lei ha rivisto le trascrizioni, ma non quello che ha detto al banco dei testimoni. Lei non ha guardato le prove, ma ha incontrato l’avvocato di parte civile, ha detto la Faye. (ABC7). Putnam ha chiesto se la Faye aveva rivisto la sua testimonianza al processo. Ha detto che non lo aveva fatto. Ha rivisto la sua deposizione. La Faye ha detto che la sua deposizione è durata cinque o sei giorni. Ad un certo punto, ha alzato le mani per mostrare quanto era grande il file. (AP)

Putnam ha chiesto alla Faye circa le sue interazioni con Michael Jackson dopo la sua assoluzione nel caso di pedofilia. (AP) La Faye preparava MJ per il processo penale, nel giugno 2005. Non ha parlato con lui il giorno dell’assoluzione, partì per il Bahrain. Putnam: "era sconvolta per il fatto che lei era stata lì ogni giorno e lui non le ha detto addio? "Aveva attraversato un orribile, orribile calvario. Qualunque cosa che doveva fare per recuperare da questo, andava bene", ha detto la Faye. La Faye su MJ: "Ho capito che voleva partire." (ABC7) La Faye non parlò con Jackson dopo la sua assoluzione. Putnam ha chiesto alla Faye se questo l’ha sconvolta. “Non mi ha sconvolto. No signore". Faye non parlò con Jackson dopo la sua assoluzione." Aveva attraversato un orribile, orribile calvario e io ero al suo fianco, signore".(AP)

Faye ha detto che MJ non è più tornato a Neverland dopo questo, neppure lei. Lei non ha visto MJ nel 2008 a Carolwood. Faye non ha parlato a MJ quando ritornò in USA, lo sentiva ogni 3,4, 5 mesi ed erano come fratello e sorella.

Ha detto che ha parlato con lui ogni pochi mesi, ma non lo vide di nuovo fino ad aprile 2009. E’ venuta a sapere del 'This Is It' tour dalle news. (AP) Faye ha detto che è venuta a sapere del "This Is It" tour dalle news. Lei non era sorpresa, MJ aveva accennato che aveva dei progetti. La Faye ha detto che ricevette una telefonata da Michael Amir a metà marzo dicendo che era l'assistente di MJ; Michael voleva che lei andasse in tour con lui. Ha detto che non ha pensato che era strano che Michael avesse un assistente che la chiamava. In precedenza, MJ l’avrebbe chiamata direttamente. "Lui non mi ha dato troppe informazioni, ha detto che MJ mi avrebbe chiamata dal numero privato, era sicuro di risollevarsi, aveva a che fare con il tour", ha detto Faye. E' stata una conversazione davvero felice e leggera, ha ricordato la Faye. "Lavora con me Turkle, lavora con me Turkle," ha detto Faye che le disse MJ. "Abbiamo riso e ridacchiato. Penso che ho accennato che in quella conversazione ero emozionata per lui del ritorno in tour", ha testimoniato la Faye. Faye ha detto che MJ le disse che pensava che stava andando a fare solo 10 spettacoli, ma quando si svegliò, erano 50. Era un po' scoraggiato circa il numero di spettacoli, ha detto la Faye. Ha detto a MJ che avrebbero dovuto lavorare sui capelli per prepararlo al tour. La Faye ha detto che lei sa che era una parte della loro conversazione, ma non era sicura se fosse parte della loro prima conversazione. (ABC7)

Putnam: "Lui le ha chiesto di lavorare nel tour e lei ha detto sì?"
Faye: "Sì" (ABC7)

Faye ha detto che ricorda di aver visto i media seguire il suo bus, ma non è sicura di aver visto l'annuncio della conferenza stampa in diretta. "La sua parrucca era così grande", ha detto la Faye, spiegando che a causa del suo lavoro lei nota i capelli della gente e il make-up. "Ho pensato che il suo comportamento fosse un po’ strano, ma non fuori dal comune", ha detto Faye. (ABC7) Nel vedere la conferenza stampa di Jackson che annunciava gli show di Londra, la Faye ha detto, "Ho solo pensato che avesse un pessimo parrucchino, signore." La Faye ha detto che pensava che la sua parrucca era troppo grande. Putnam ha chiesto del comportamento di Jackson. Ha risposto, "Ho pensato che il suo comportamento era un pò strano, ma non fuori dall'ordinario." (AP)

Putnam: "Come pensa che le è sembrato?"
Faye: “Oh, ok. Ho solo pensato che aveva addosso una brutta parrucca" (ABC7)

Karen Faye ha rivelato che ha trovato dei messaggi che hanno contribuito a ricordarle quando sono accadute le cose durante la preparazione per il tour "This Is It". L’avvocato di AEG Marvin Putnam è sembrato sorpreso. Putnam ha chiesto alla Faye quando ha scoperto i messaggi, e quando lei li ha consegnati al legale del querelante. Ha detto che li ha consegnati oggi. La Faye non ha dato i messaggi di testo agli avvocati di AEG. Putnam: "Credo che li avremo adesso". (AP) La Faye ha detto che ha trovato alcuni messaggi di testo relativi al periodo, un paio di giorni prima della morte di MJ. Faye ha detto che non sapeva nemmeno lei di averli ancora nel telefono. Ha detto che ha guardato i messaggi per ricordare le date, li ha consegnati oggi agli imputati. Faye ha detto che è stata malata un paio di settimane fa ed è quando ha trovato il telefono. Faye: “Lei continua a chiedermi cose su date, sto cercando di ricordare, sto cercando di rinfrescarmi la memoria sulle cose”. (ABC7)

Putnam ha chiesto se ha trovato qualcos'altro e lei ha scherzato, "stavo esaminando i miei cassetti. Ho trovato alcune cose sexy per il mio ragazzo e per me". Putnam ha chiesto se trovava il processo divertente. "Non credo affatto che il caso sia divertente, signore" ha risposto la Faye. (AP)

"Ero preoccupata su come erano ravvicinati gli spettacoli, signore", ha detto la Faye. Si mise in comunicazione con Kenny Ortega e con Michael per questo. Faye ha detto che è venuta a sapere del programma del tour online. Lei non ricorda se c’era una pausa di tre mesi. "Poteva farlo la prima settimana ma dopo sarebbe peggiorato", ha detto la Faye. "sentivo che il programma era troppo difficile per lui da sostenere". (ABC7)

Putnam:" Non vedeva MJ da 4 anni e ha pensato che c’era un problema?"
Faye: "Ho detto che ci poteva essere un problema, non ho detto che c’era di sicuro".(ABC7)

Putnam ha mostrato alla Faye il calendario degli spettacoli di "This Is It". Ha detto che non l’aveva visto, ciò che vide fu un elenco on-line. Faye è d'accordo con il concetto che lei ha visto e ha espresso una preoccupazione, ma non ha detto che era pericoloso e poco pratico. "Non avevo idea della capacità di Michael in quel momento", ha detto Faye. "Sono sempre stata protettiva verso Michael e per il suo benessere." Faye: Quando ho visto che ci poteva essere un problema, ho parlato apertamente, ma esattamente di che cosa stavano parlando qui, non lo so. "Penso che lui non sapeva come fosse il programma, avrebbe dovuto dare uno sguardo al programma e come si sentiva su di esso", ha spiegato la Faye. "Che strano, mia madre ha detto la stessa cosa", ha detto la Faye che MJ le disse. "dalla conversazione che ho avuto con lui, lui non sembrava conoscere la struttura, solo che era di 50 giorni", ha detto la Faye di MJ. Faye: “Volevo solo che lui si assicurasse di conoscere il programma e se lui fosse a proprio agio con esso (ABC7).

Alla Faye è stato chiesto circa la sua conversazione con Jackson per gli show di "This Is It". Dice che il cantante sembrava sorpreso dei 50 spettacoli. La Faye ha ricordato Jackson che le diceva, "'E' iniziato come 10 spettacoli e poi mi sono svegliato ed erano 50". La Faye si è detta preoccupata per quanto fossero ravvicinati gli spettacoli del "This Is It" e si mise in comunicazione con Kenny Ortega , il direttore del tour. "Non ho detto definitivamente che sarebbe stato un problema", ha detto Faye. "Ho detto che questo era qualcosa che avremmo dovuto guardare." Ha aggiunto che lei pensava che Jackson avesse bisogno di più tempo per recuperare. Putnam ha chiesto se lei lo vedeva un programma pericoloso. La Faye ha detto che non lo ha caratterizzato in questo modo. "Ho detto che non era il migliore programma per Michael per avere successo", ha detto. Putnam le ha mostrato una e-mail inviata da Ortega al dirigente di AEG Paul Gongaware, dicendo che la Faye aveva sollevato preoccupazioni circa la pianificazione. La Faye ha detto che erano le parole di Kenny e non le sue. Ha detto che non ricorda di aver detto che il programma era pericoloso. (AP)

La Faye ha detto che ha lavorato con una parrucca e sono andati entrambi a Carolwood per vedere MJ. "Signore, avevamo bisogno di preparare lo spettacolo, signore." Ha testimoniato che aveva bisogno di ottenere alcuni fondi per iniziare a lavorare sulle parrucche di MJ e gli fu detto di parlare con il dottor Tohme. (ABC7)

Alla Faye è stato poi chiesto della domestica della famiglia Jackson, Grace Rwaramba e del suo ruolo durante il processo per molestie. Ha detto che pensava che Jackson stava meglio quando Grace non viveva a Neverland Ranch durante il processo. (AP) "Io davvero, davvero amavo Grace quando l’ho incontrata la prima volta", ha detto Faye. "La adoravo, ero davvero felice che Michael la utilizzava come tata". "Come le sue responsabilità sono cresciute, lei ostacolava, sembrava che cercasse sempre di tenermi lontano da Michael", ha detto Faye su Grace. "Michael sembrava avere momenti più difficili quando Grace è stata riportata a Neverland", ha detto Faye, riferendosi ai tempi del processo penale. "Notavo che Michael iniziava ad avere un sacco di mal di schiena", ha detto Faye. "Con i sintomi della perdita di un sacco di peso, e il giorno del pigiama". Faye ha spiegato il giorno durante il processo penale che MJ andò in tribunale in pigiama. Quel giorno, Michael andò in ospedale perché era successo qualcosa alla sua schiena e gli hanno dato alcuni antidolorifici, ha testimoniato la Faye. "Il giudice stava informando che MJ doveva andare in tribunale o sarebbe stato mandato in prigione", ha detto Faye. Così è andato in tribunale in pigiama, non poteva prepararsi. "Stavano per sbatterlo in galera se non fosse arrivato in tempo", ha detto Faye. (ABC7)

Faye ha detto che un sacco delle sue informazioni e delle loro preoccupazioni sono arrivate da Taunya Zilkie. Taunya si prese cura degli affari della Faye. Putnam ha detto che il contratto era tra la sua azienda e la società di Taunya, non con la Faye. Putnam: "Ha avuto una spiegazione riguardo se era o no una dipendente di AEG live?" Faye: "Ho lavorato per This Is It e la produzione del tour. "Penso che le stavo dando (a Taunya) qualcosa per prendersi cura di tutti i miei affari e per pagare le bollette, ma non riesco a ricordare la quantità", ha detto la Faye. (ABC7) Alla Faye è stato poi chiesto del suo contratto con la AEG per lavorare con Jackson su "This Is It". Ha detto che non è stata pagata fino a quando il contratto è stato firmato. (AP)

Le è stato chiesto circa le parrucche che ha comprato per Jackson, le quali ha detto che erano arieggiate. Ha detto che aveva bisogno di 5 parrucche per gli spettacoli di Londra. (AP) "Il trattamento dei suoi capelli richiedeva molto tempo", ha detto la Faye. Faye ha detto che aveva bisogno di essere in grado di arrivare a MJ, così ha chiesto nel contratto di stargli vicino. "Non so dove stavano per mettermi", ha spiegato. "Volevo fare in modo che potessero arrivare a me se avevano bisogno." Faye ha detto che a MJ piaceva la privacy. "Quando fai i capelli di qualcuno ci sono un sacco di cose coinvolte e lui non voleva che la gente le vedesse", ha detto la Faye. Faye ha detto che aveva bisogno probabilmente di 5 parrucche, ognuna dal costo di 3.500 dollari. Ha detto che c’era un lungo processo per prepararlo, necessitava di finanze per l'emergenza. "Significava che Michael non voleva che si sapesse che indossava una parrucca", ha detto la Faye. La Faye richiedeva che la ricezione della parrucca fosse la più discreta possibile. (ABC7) Le è stato anche chiesto delle condizioni contrattuali intraprese da lei per presentare le ricevute dettagliate per le spese solo se Jackson le approvava. Faye: "Volevo che fossero private per lui il più possibile." (AP)

Il Botox inibisce la sudorazione, quindi la Faye ha pensato che MJ poteva fare l'iniezione di Botox sul suo cuoio capelluto e che non avrebbe sudato, la parrucca sarebbe rimasta su. Faye ha detto che le prescrizioni di Latisse e di Propecia per Michael erano a suo nome. La Propecia rinvigorisce i capelli sul cuoio capelluto maschile, ha detto la Faye, e lei aveva bisogno di tanti capelli sani il più possibile. La Faye ha detto che uno degli assistenti di MJ a volte le dava creme per la pelle per darla a MJ. (ABC7)
"Ortega chiese a Michael di togliersi gli occhiali da sole, mi davano ordini, signore, ma non di competenza per il make-up e i capelli", ha detto Faye. (ABC7)

Putnam: “Ha lavorato per Michael Jackson?”
Faye: “Mi ha richiesto, signore, lui mi ha chiamato e mi ha chiesto”. (ABC7)

Putnam: “Hanno fatto un controllo approfondito su di lei?”
La Faye è scoppiata a ridere e ha detto, “lei è così divertente. Non penso”. (ABC7)

"No, non è stato fatto nessun controllo approfondito su di me", ha detto la Faye, spiegando che lei conosce il controllo di background, è uno degli aspetti del processo. La Faye ha detto che ha visto le informazioni relative al processo dalle news e da internet. Ha lavorato con MJ per 27 anni. Putnam ha chiesto se AEG ha fatto un controllo finanziario su di lei, se avessero trovato problemi. I querelanti hanno obiettato, sostenendo la privacy del testimone. Il giudice ha accolto l’obiezione. (ABC7)

Putnam ha chiesto alla Faye quello che ha fatto nel mese di aprile e maggio 2009 per preparare il tour. Ha detto che ha partecipato alle riunioni di produzione al Center Staging. "Ero alla ricerca di tutti gli adesivi disponibili, cercando di comprendere il modo che il mio lavoro avesse successo", ha detto la Faye. La Faye ha detto che lavorava in una camera da letto al piano di sotto a casa a Carolwood, non è mai andata nelle camere da letto al secondo piano. La Faye non ricorda quante volte a settimana ha visto MJ da marzo a giugno. Nel primo periodo di prove, la Faye ha detto che sembrava ok. "In confronto a come ero solita conoscerlo, era poco diverso, non posso dire che era esattamente come era una volta", ha detto la Faye. "Ho notato alcune cose fisiche che erano strane", ha ricordato la Faye. La Faye ha detto che alle prove era molto, molto asciutto e quello la disturbava. "La sua magrezza mi dava ancora fastidio", ha testimoniato la Faye. "Lui non stava ingrassando niente e quello era una preoccupazione." La Faye ha detto che era così preoccupata che lei ha portato un vecchio cuoco di MJ che aveva un ristorante vicino per portargli il cibo. "Non era MJ il 29, ma lui fece Billie Jean ed era MJ, tutti erano davvero entusiasti di questo", ha detto la Faye delle prove a giugno. (ABC7)

"Ho chiesto alla sicurezza di Michael se stava vedendo il dottor Klein," ha testimoniato la Faye. "Ero un pò alla ricerca di medici che erano coinvolti", ha spiegato la Faye. Putnam ha chiesto perché la Faye chiese specificamente del dottor Klein. "Perché nei media, c’erano state segnalazioni che era andato dal dottor Klein", ha spiegato la Faye. "Quello che ho chiesto è quanto spesso ci andava". La Faye ha detto che la sicurezza di Jackson le ha confermato che MJ vedeva il dottor Klein magari 3-4 giorni a settimana. Questo la preoccupava, ha detto la Faye. "A causa del passato, quando vedevo i medici coinvolti nella vita di Michael", ha spiegato la Faye. La Faye ha detto che lei ha espresso quella preoccupazione a Frank DiLeo, manager di MJ all’epoca. La Faye non ha mai parlato con MJ di questo. "Ero davvero sempre preoccupata per lo stato psicologico di Michael", ha detto la Faye. Era preoccupata per il dottor Klein e a conoscenza del dottor Murray nella settimana prima della morte di MJ. La Faye ha detto che ha avuto una conversazione con Kenny Ortega sul dottor Murray. Non ha mai chiesto del dottor Klein. La Faye ha detto che lei non può ricordare di aver mai avuto una conversazione con Ortega sul dottor Klein. (ABC7)

Putnam: “Ha espresso a Kenny Ortega un pò di preoccupazione che aveva sul dottor Conrad Murray?”
Faye: “Sì, che non era uno psicologo”. (ABC7)

"Non conoscevo il Conrad Murray in quel particolare momento a parte quella preoccupazione espressa di cosa pensavo che Michael avesse bisogno", ha detto la Faye. (ABC7)

Per quanto riguarda la giornata della prova costume, dove MJ indossava una t-shirt e un pezzo di “spalla”, la Faye ha detto che era lì, ma non lo vide quando hanno fatto la prova. La Faye ha detto che ha visto rimanere più volte MJ con una t-shirt, visto che doveva collegare MJ, mettergli cavi e batterie. (ABC7)

Putnam: "Randy Phillips le ha mai fatto pressioni per avere MJ sul palco?" Faye: "No"
Putnam: "Paul Gongaware le ha mai fatto pressioni per avere MJ sul palco?" Faye: "No"
Putnam: "Randy Phillips le ha mai personalmente consigliato di non ascoltare niente da MJ?" Faye: "No"
Putnam: "Paul Gongaware le ha mai personalmente consigliato di non ascoltare niente da MJ?" Faye: “No”
Putnam: “Hai mai notato Randy Phillips dire a qualcuno di portare MJ sul palco per le prove?”
Faye: “Mi ha detto che voleva costruire un muro intorno a Michael dato che lui non voleva fare nulla, ma per arrivare alle prove.

La Faye ha detto che non era molto vicino a Phillips, così lei non ricorda di Phillips che stava dicendo a qualcuno di portare MJ sul palco per le prove. (ABC7) Faye ha detto ai giurati che lei non è mai stata messa sotto pressione dai dirigenti di AEG Randy Phillips e Paul Gongaware per portare Jackson alle prove. (AP)

Il 22 giugno, la Faye andò a casa di MJ per sostituire la parrucca di MJ. Attese un paio d'ore e le fu detto di andarsene, MJ non voleva farlo. (ABC7)

Il 23 giugno è stata la prima volta che erano allo Staples Center. La Faye si è detta estremamente preoccupata per la salute di MJ il 19 giugno. "Ero molto preoccupata durante questo periodo di tempo, ero molto, molto spaventata", ha spiegato Faye. Ha detto che aveva dei pensieri orribili. "Ho fatto una telefonata alla sicurezza Alberto Alvarez il sabato e gli ho chiesto di vedere MJ molto da vicino, che ero preoccupata," ha testimoniato la Faye. Faye ha detto che Alvarez non voleva stare al telefono, doveva andare e riattaccò. La Faye ha detto che non ha avuto l'opportunità di parlare con nessuno il 22 giugno su MJ e lei non voleva chiedere ai bambini. Il 23 giugno, la Faye ha detto che c'erano un sacco di incontri presso lo Staples Center con MJ. Era sola con MJ ad un certo punto nel corso della giornata. La Faye ha detto di non ricordare quello che disse a MJ, probabilmente era cosa stava facendo, probabilmente gli ha parlato molto casualmente. (ABC7)

Putnam: “Pensa che MJ ha avuto una buona prova il 23 giugno?”
Faye: “Era molto migliorato, signore”
Putnam: “Come il 24?”
Faye: “Era migliorato” (ABC7)

Putnam ha chiesto alla Faye riguardo la prestazione di Jackson del 23. La sua risposta: "Era molto migliorato." Ha chiesto Putnam, "Ciò ha ripristinato la sua speranza?" la Faye ha risposto, "Oh sì". (KABC)

Putnam ha chiesto alla Faye se pensava che MJ sarebbe stato pronto per il tour dopo quelle prove. Lei ha risposto "oh no, oh no!"
Putnam: “non ha pensato che era pronto per andare in tour?”
Faye: “Oh no” (ABC7)

La Faye ha spiegato che MJ non guadagnò alcun peso, c’erano dei cambiamenti che dovevano essere fatti per averlo pronto, forse se avessero potuto ritardare un pò.

Putnam: “Quindi non ha pensato che poteva essere pronto dopo aver visto quelle prove?”
Faye: “No”

"Era uno spettacolo molto faticoso", ha detto la Faye. (ABC7)

La Faye ha detto che c'era una speranza, però. "vedevo più di Michael, lui rideva, l'ho visto partecipare, sì, c'era un pò di sollievo." "Era ancora freddo, ma il suo spirito era migliore, signore", ha detto la Faye. "Non ero preoccupata per il suo peso di vita quotidiana, ma ero preoccupata per il suo peso da performance", ha spiegato la Faye. (ABC7)

Putnam: “Ha mai testimoniato che il suo peso di lavoro era di 54 kg?”
Faye: "Lisa Marie Presley mi ha dato quelle informazioni"
"Lisa Marie Presley ed io siamo diventate amiche e mi ha detto che a MJ piaceva essere 54 kg", ha detto la Faye. (ABC7)

Putnam: “Ha detto che ha perso 4-6 kg l'ultima settimana della sua vita?”
Faye: “Era una stima, sì”

Putnam: “Stava osservando che il signor Jackson stava diventando sempre più magro?”
Faye: “Sì”. (ABC7)

La Faye ha detto che a marzo/aprile, lei disse a Michael che era preoccupata per il suo peso. Non ha mai parlato con lui sul peso durante l'ultima settimana della sua vita. "Michael non era molto coerente quella settimana per avere una discussione del genere", ha detto la Faye. La Faye ha detto che le persone che non conoscevano molto bene MJ probabilmente non si sono resi conto che aveva perso un sacco di peso, a causa dei diversi strati di vestiti. (ABC7)

Putnam ha chiesto alla Faye circa il fatto che la relazione del medico legale dice che MJ era 62 kg al momento della sua morte.
Putnam: "Ha pensato che fosse impossibile per lui pesare più di tanto?"
Faye: "Sì"
"Perché Michael aveva perso così tanto peso e lui continuava a perdere peso. 62 kg erano molti per MJ", ha spiegato la Faye. (ABC7)

L'avvocato difensore Marvin Putnam ha chiesto alla Faye se lei sarebbe sorpresa che Jackson pesava 62 kg quando è morto. Risposta della Faye: "62 kg sarebbero un bene per Michael." (KABC)

La Faye ha detto che era un pò sconvolta che nessuno sembrava starla ad ascoltare al suo ritorno nel giugno 2009. "Stavo dando voce alle mie opinioni e a quello che pensavo e non stavo ottenendo sempre risposta, signore”, ha detto la Faye. "fingeva che tutto era ok", ha detto la Faye. Ma lei non ha mai chiesto a MJ se lui era ok dato che pensava che non era nello stato d'animo per questo. La Faye ricorda che non ha espresso alcuna delle sue preoccupazioni alla famiglia di MJ. (ABC7)

Putnam ha chiesto se la Faye e MJ si conoscevano bene. La Faye ha detto che pensava così. La Faye ha detto che MJ credeva nei medici e così dovunque loro prescrivevano lui pensava che era ok. La Faye ha detto che la prima volta che ha sentito parlare di Propofol è stato dopo che MJ è morto. Fu sorpresa a riguardo. (ABC7)

La Faye ha testimoniato in precedenza nella causa che non ha ricevuto alcuna risposta da MJ. Ha detto che aveva a che fare specificamente con il suo lavoro (di lei). (ABC7)

La Faye ha detto che MJ parlava del tour, sembrava che stesse cercando di convincere se stesso per farlo. "Era sempre come se stesse parlando a se stesso di questo". (ABC7)

Putnam: “quell’ultima settimana, non capiva che cosa stava succedendo?”
Faye: “giusto”
Putnam: “Pensava che MJ si stava auto-sabotando”?
Faye: “non capivo cosa stava succedendo”. (ABC7)

L’email che la Faye ha inviato a Frank DiLeo, era una nota da un fan che riguardava il peso di MJ il 20 giugno 2009. La Faye ha scritto nella mail: "Frank... sfortunatamente lei ha ragione. Ho paura che lui possa ammalarsi così tanto da morirne. Se non fa questo show non ha nessun altro posto dove andare....". Un'altra email di una fan trasmessa il 22 giugno dalla Faye a DiLeo diceva che MJ era troppo magro. “Quando mi ha chiesto di fare questo a maggio e mi sono incontrato con lui ho visto un’esile ma forte e coerente Michael Jackson". “Mi sentivo disperata quando ho scritto questa email, perché sentivo che non veniva ascoltato o riconosciuto", ha detto la Faye. “Sembra che si stia predisponendo a fare la vittima," ha scritto la Faye nel messaggio per DiLeo. "Ho pensato al miglior percorso, aveva bisogno di qualche aiuto psicologico", ha spiegato la Faye. "Sto cercando di capire cosa sta succedendo." La Faye ha detto che pensava che ci fosse una sorta di paura con MJ. "soprattutto fa del male a se stesso", ha scritto la Faye. Putnam ha chiesto che cosa volesse dire e la Faye ha dichiarato: "È morto!" "Io non credo che tu, Kenny o Randy meritiate di diventare i cattivi, o vittime finanziarie", ha scritto la Faye. "Questo resta tra me e te", ha scritto la Faye nel messaggio per DiLeo. "Sto lasciando questo nelle tue mani, come tu mi hai istruito di fare”. La Faye ha detto che stava cercando di ottenere la loro attenzione per fare qualcosa. "Ero disperata. Volevo un terapista per Michael." Nessuna risposta da Frank DiLeo o da chiunque altro, ha detto la Faye. Putnam ha chiesto di lei che dice che era solo tra loro due, e lei ha detto che la sua intenzione era che qualcuno aiutasse Michael.

E-mail di Faye a DiLeo: "Michael è penosamente magro… le sue ossa sono sporgenti. Io sono una persona che ha con lui un contatto fisico giornaliero.. L'OCD di Michael sta peggiorando. Ripete le sue azioni e dice continuamente cose farneticanti”. (ABC7)

La truccatrice Karen Faye ha testimoniato circa le due e-mail che lei ha inviato al manager di Jackson Frank Dileo entro i cinque giorni precedenti la morte del cantante, che la sua salute si stava deteriorando. In uno dei messaggi, la Faye ha avvertito Dileo che lui e l’amministratore di AEG live Randy Phillips potevano diventare "cattivi" o "vittime finanziarie" se Jackson fosse morto durante la preparazione o l'esecuzione di una serie di show chiamati "This Is It". La Faye ha detto che ha messo un tono disperato nei messaggi perché sentiva che le preoccupazioni precedenti circa la salute di Jackson erano state ignorate. La Faye ha inviato l'avviso che Jackson poteva morire in un messaggio il 20 giugno 2009, cinque giorni prima il cantante morì di overdose dell’ anestetico propofol. Due giorni dopo, il 22 giugno, ha inviato l'avviso relativo a Dileo, a Phillips e al direttore del tour Kenny Ortega che li riteneva finanziariamente responsabili per la scomparsa dell’ intrattenitore. "Non penso che tu, Kenny o Randy meritiate di diventare i cattivi o le vittime finanziarie" affermano le sue email. Lei ha scritto che il messaggio era "solo tra me e te". Lei ha detto ai giurati che era preoccupata per gli uomini che "potevano essere responsabili per quello in qualche modo. Proprio come ci troviamo in questo momento", ha detto, riferendosi alla causa civile in corso di Katherine Jackson contro la AEG Live. Le email della Faye descrivono Jackson come emaciato, paranoico e non in grado di esibirsi. Lei ha detto ai giurati venerdì che, mentre le performance del cantante erano notevolmente migliorate nelle sue ultime due prove, lei non era ancora convinta che sarebbe stato in grado di eseguire il programma di 50 concerti del "This Is It", per non parlare della sua anteprima. (AP)

In una e-mail del 1° luglio 2009, la Faye ha espresso preoccupazione a Randy Phillips su filmati di MJ tremante e avvolto nelle coperte. Phillips ha risposto: “Noi controlliamo tutte le riprese e le blocchiamo al caveau allo Staples Center”. (ABC7)

Riesame per i Jackson

Panish: “Stava vedendo che Michael non era in grado di cantare e ballare il 16 giugno?”
Faye: “Sì, signore”
Panish: “Ha pensato che MJ necessitava di assistenza medica in quel momento?”
Faye: “Assolutamente”
Faye era d'accordo con Bugzee che MJ si stava deteriorando davanti agli occhi di tutti.

"Non era in buona forma fisica, il 19 giugno", ha detto la Faye. (ABC7)

Panish: “chi ha negoziato il suo contratto?”
Faye: “AEG live” (ABC7)

"si era bruciato molto tempo fa, ha avuto danni al suo cuoio capelluto," ha detto la Faye di MJ che aveva bisogno di una parrucca. "Aveva ustioni di 1°, 2° e 3° grado". (ABC7)

Panish: “era pagata 150 mila dollari al mese?”
Faye: “No”
Panish: “Ha aderito al giuramento di Ippocrate, quando è diventata una truccatrice?”
Faye: “No, signore” (ABC7)

Panish ha chiesto se qualcuno è morto dopo un make-up. "Non ho mai bruciato qualcuno con un ferro caldo, signore," ha risposto la Faye. (ABC7)

MJ andò alle prove il 18 giugno, ma arrivò in ritardo, ha detto la Faye. Ortega era molto arrabbiato, Michael era in ritardo per le prove. Faye ha detto che MJ aveva paura, era paranoico, era sotto pressione nelle ultime due settimane di vita. Putnam ha interrogato la Faye per 5 giorni durante la deposizione relativa alla causa dei Lloyds di Londra. Non c'era nessun avvocato che rappresentava i Jackson. "Ero abbastanza sicura che si stava deteriorando, signore", disse la Faye. "Non avevo idea di cosa stesse succedendo, ma c'era qualcosa di molto, molto sbagliato." La Faye ha detto che ha parlato del peso del corpo di MJ con l’addetto delle pompe funebri. Panish ha chiesto se sembrava peggio che del 19 giugno. La Faye ha risposto: "Era morto, signore", la Faye ha detto che il 18 giugno Michael era quasi catatonico, stoico, appariva spaventato a morte. (ABC7)

mjjcommunity

"Hanno mangiato la mia anima ma non importa, io ho milioni di anime, quelle dei miei fans" (1995 Michael Jackson)
Nuova Discussione
Rispondi
::: TOPIC DEL GIORNO: "Lo stile di Michael Jackson, una storia di cinture". Per leggerlo, CLICCA QUI :::

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 00.27. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com