Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.mjj.it


- Visita il website di MJFanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)





Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 2 | Pagina successiva
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

Un video inedito di Murray registrato nel 2009: Prima guardatevi allo specchio e poi giudicatemi

Ultimo Aggiornamento: 29/06/2012 23.27
Email Scheda Utente
Post: 620
Registrato il: 30/06/2011
Città: SARZANA
Età: 53
Sesso: Femminile
Invincible Fan
OFFLINE
26/06/2012 21.17
 
Quota

ecco le due dichiarazioni che citava Cristiana. Ci sono alcuni passaggi allucinanti [SM=g27825]

"Conrad Murray sostiene la sua innocenza nella morte di Michael Jackson"

Il Dr. Conrad Murray, che ha scontato quasi sette mesi dietro le sbarre per la morte di Michael Jackson, rimane insolente, insistendo sul fatto che non ha fatto nulla di sbagliato.
Jackson è morto tre anni fa, come oggi nella sua casa di Los Angeles a Carolwood Drive, a causa di una intossicazione acuta da propofol. Murray, medico personale di Jackson, è stato condannato da una giuria il 7 novembre 2011 per omicidio colposo.

Nella sua prima intervista, dopo il suo famigerato incontro con la NBC subito prima del verdetto, Murray ha detto in esclusiva a E!News, attraverso i suoi avvocati, che pensa ancora a quella notte a casa di Jackson tre anni fa.

Murray dice di sentirsi in colpa per aver privato Jackson del sonno quell’ultima notte, e che il suo obiettivo era di riuscire a tenere lontano il cantante dall’utilizzo del propofol. Afferma che uno avrebbe dovuto effettivamente essere stato lì per vedere la lotta che Jackson stava avendo con l'insonnia, e che Jackson era incapace di partecipare alla terapia convenzionale del sonno a causa della sua dipendenza al farmaco.

Murray dice di non avere rimpianti per aver fatto l'ormai famigerata intervista alla NBC, in cui egli afferma di non aver fatto nulla di male per quanto riguarda la morte di Jackson. Il giudice Michael Pastor ha detto durante la sentenza di Murray, che l'intervista gli aveva trasmesso "grandissima inquietudine".

Murray dice che il suo unico rimpianto è che non ha fatto di più, compreso il testimoniare al processo. Il suo avvocato d'appello Valerie Wass ha detto a E!News che Murray ora "si sente indifferente" per non aver testimoniato.
Del suo tempo in carcere, Murray dice che pensa all'ingiustizia di tutto ciò. Dice di essere stato incastrato, e che ha solo cercato di aiutare Jackson all'interno dei parametri nei quali si era confinato. Lui dice di essere un uomo innocente in prigione e che il male è stato fatto a lui.

Quando è stato chiesto se deve delle scuse alla famiglia Jackson, Murray dice di no, aggiungendo che è la famiglia Jackson che sono quelli che hanno bisogno di chiedere scusa a Michael.
Murray afferma che il cantante non voleva essere sepolto al Forest Lawn Memorial Park a Glendale, invece crede che Michael voleva essere cremato, con le sue ceneri sparse nell'Oceano Pacifico. Murray afferma che Jackson non voleva essere permanentemente confinato in uno Stato che non gli piaceva, la California, e il solo Stato che gli piaceva molto era il Nevada.

Sebbene in carcere, dice Murray, riceve lettere provenienti da ogni continente, da ogni razza e tutte sono positive. Dice che prevede di rispondere una volta che sarà rilasciato, e che molte di loro lo portano alle lacrime.
Per passare il tempo in carcere, l'avvocato Valerie Wass ha detto a E!News, che Murray gioca alla "parola del giorno" con i suoi colleghi detenuti, che ha iniziato dopo aver comprato un dizionario tascabile e a leggerlo dall'inizio alla fine.

"Legge un sacco di romanzi storici", dice la Wass. "Passa probabilmente 10 ore al giorno leggendo."
I libri che ha letto, mentre è dietro le sbarre sono “I pilastri della Terra” e “Il cacciatore di aquiloni”; ha perfino letto i primi due libri della “La ragazza con il tatuaggio del Drago”.
Una volta che uscirà di prigione, Murray dice di aver assolutamente intenzione di ritornare a praticare la medicina. Dice che vuole servire l'umanità, e che la medicina è solo una parte di come vuole farlo.

Gli avvocati di Murray stanno cercando di inserirlo in un programma di custodia alternativa, che dovrebbe includere gli arresti domiciliari con un monitor elettronico. Tuttavia, nel mese di aprile, lo sceriffo Lee Baca ha scritto all’avvocato di Murray, Mike Flanagan, una lettera dicendo che è dovere dello Stato il programma di riallineamento del detenuto, e che Murray è tenuto a scontare il 100 per cento della sua condanna e che non può beneficiare di un monitor elettronico.

it.eonline.com/news/conrad_murray_maintains_his_innocenc...

"Il dottore di Michael Jackson, giudicato colpevole, voleva testimoniare: gli avvocati"

Il medico accusato di aver ucciso Michael Jackson, si rammarica di non aver testimoniato al suo processo lo scorso anno, hanno detto lunedì i due avvocati della difesa dopo la visita al medico incarcerato nel terzo anniversario della morte della pop star.

Il Dr. Conrad Murray, assunto come medico personale del cantante di "Thriller" nel 2009, ha iniziato a scontare i quattro anni di carcere nel mese di novembre, dopo che una giuria lo ha dichiarato colpevole di omicidio colposo.

I pubblici ministeri hanno sostenuto nel corso delle sei settimane di processo, che Murray ha avuto una grave negligenza nella gestione dell’anestetico chirurgico propofol come un aiuto del sonno a Jackson e che il medico non è riuscito a controllare adeguatamente il farmaco su Jackson.

Hanno anche presentato la prova che Murray ha ritardato la richiesta di assistenza d'emergenza quando il cantante ha smesso di respirare la notte della sua morte e che il medico ha omesso di raccontare al personale medico che stava arrivando, che aveva dato il propofol al cantante.

Gli avvocati della difesa dicono che Murray ha dato a Jackson una piccola dose di propofol per aiutarlo a dormire. Ma hanno affermato che il cantante era dipendente dalla droga e probabilmente si è dato un’extra dose letale e ha inghiottito una manciata di sedativi senza che Murray lo sapesse.

Due dei suoi avvocati lunedì hanno visitato Murray presso il carcere di Los Angeles dove è incarcerato. L’avvocato J. Michael Flanagan ha detto che il medico si sta "adattando abbastanza bene per una persona che è in prigione e che in realtà è innocente".

Jackson è stato trovato senza vita nella sua villa di Los Angeles il 25 giugno 2009, circa tre settimane prima era in procinto di iniziare una serie di concerti a Londra finalizzati a riportarlo alla ribalta dopo l'umiliazione del suo processo del 2005 e l’assoluzione dalle accuse di molestie su minori .

Gli avvocati di Murray hanno negato che lui sia colpevole di negligenza criminale. Ma il medico stesso non è salito sul banco dei testimoni a sua difesa, una decisione che arrivano a rimpiangere, secondo il suo avvocato d'appello, Valerie Wass, e Flanagan, il co-difensore del suo processo per omicidio colposo.

Flanagan ha detto alla Reuters che l'avvocato principale del processo di Murray, Ed Chernoff, era fermamente convinto di non far salire Murray sul banco. Flanagan ha detto che era fortemente in disaccordo con Chernoff, ma alla fine, Murray ha seguito il consiglio di Chernoff e ha rifiutato di testimoniare.

"Murray si rende conto ora che avrebbe dovuto testimoniare," ha detto Flanagan, aggiungendo che ci sono varie sfumature del caso che solo Murray, in quanto l'unica persona che era con Jackson nelle ultime ore della sua vita, avrebbe potuto adeguatamente spiegare alla giuria.

"Ora dice che l'errore più grande che ha fatto nel processo è stato non testimoniare", ha detto Flanagan. "Abbiamo avuto così tante lacune nel caso che dovevano essere riempite, che potevano essere fornite dal Dr. Murray".

Se il verdetto dovesse essere annullato per motivi di un errore di diritto da parte del giudice o su una questione di ammissibilità delle prove o sulle istruzioni difettose alla giuria, portando a un nuovo processo, la difesa cercherebbe di mettere Murray sul banco dei testimoni, ha detto Flanagan.

La Wass, che sta lavorando sull’appello per Murray, ha suggerito che i giurati avrebbero potuto essere influenzati dalle informazioni che inavvertitamente avevano visto sul caso attraverso i social media ai quali potevano accedere durante il processo.

"Penso che durante il processo, sarebbe stato difficile non andare su Twitter e vedere qualcosa (sul caso)", ha detto. Flanagan ha detto che sarebbe stato meglio sequestrare la giuria a causa dell’altissimo profilo del processo.

Ha detto di aspettarsi che Murray finisca per scontare non più di due anni della sua pena, e che potrebbe ritrovarsi rilasciato prima del suo appello in corso, secondo le regole generali che consentono la riduzione dei tempi per buona condotta.

www.reuters.com/article/2012/06/26/entertainment-us-usa-michaeljackson-doct-idUSBRE85P085...


"Hanno mangiato la mia anima ma non importa, io ho milioni di anime, quelle dei miei fans" (1995 Michael Jackson)
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 2 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi
::: TOPIC DEL GIORNO: "Lo stile di Michael Jackson, una storia di cinture". Per leggerlo, CLICCA QUI :::

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 21.13. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2017 FFZ srl - www.freeforumzone.com