Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.mjj.it


- Visita il website di MJFanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)





Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

Steve Barron ricorda quando diresse "Billie Jean" di Michael Jackson

Ultimo Aggiornamento: 13/03/2018 22.27
Email Scheda Utente
Post: 10.957
Registrato il: 24/05/2014
Sesso: Femminile
Moderatore
Thriller Fan
Staff
OFFLINE
11/03/2018 19.46
 
Quota

Steve Barron ricorda quando diresse "Billie Jean" di Michael Jackson: "Ho pensato: quando la gente lo vedrà, il mondo cambierà"

Lindsey Parker
Yahoo Music, 9 Marzo 2018


[IMG]http://im5.freeforumzone.it/up/56/52/1526722944.jpg[/IMG]
Steve Barron e Michael Jackson sul set di "Billie Jean" (Photo: gentile concessione di Steve Barron)


Il 10 Marzo 1983, il video "Billie Jean" di Michael Jackson venne trasmesso in anteprima su un canale via cavo chiamato MTV. E ha cambiato la rete - per non parlare del media dei video musicali e della musica pop in generale. Ma MTV, la cui playlist all'epoca era composta quasi interamente da artisti del rock bianco, quasi non ha mai riprodotto il video, con i dirigenti della rete che inizialmente hanno detto: "Non è il pubblico di MTV".

Trentacinque anni dopo, il regista del video e autore del libro di memorie 'Eggs n Chips & Billie Jean', Steve Barron, ricorda quanto sia rimasto scioccato nel sentire quella notizia.

"Pensavo che MTV trasmettesse quella che era una canzone pop davvero fantastica, quindi sono rimasto davvero sorpreso quando ho sentito che sarebbe potuto non andare su MTV dopo averlo terminato.
Ero confuso sul motivo, perché questo video era diverso - mentre lo stavo facendo mi sembrava straordinario, al di là di qualsiasi altra cosa che si trovasse là fuori, o al di là di qualsiasi cosa avessi mai visto in termini di movimento, stile e istinto", dice Barron a Yahoo Entertainment. "Pensavo sarebbe stato un fenomeno enorme, che tutti avrebbero avuto la reazione che noi stavamo avendo, e che tutto ciò che dovevamo fare era mostrarglielo. Pensavo che sarebbe stato sicuramente visto ovunque".

"Ho solo sentito che non fosse affatto giusto", continua Barron. "Che cosa intendono con 'non è il loro pubblico'? Ovviamente, ero pieno di sospetti sui reali motivi dietro la non accettazione del video".




Fortunatamente, dopo che il presidente della CBS Records, Walter Yetnikoff, ha minacciato di portare via gli artisti della sua etichetta da MTV se "Billie Jean" non fosse stato messo in scaletta, MTV cedette. E tutto il resto è storia.

Jackson non è stato il primo atto black su MTV - artisti considerati portatori di un appeal rock-crossover, come il gruppo ska interraziale the Specials (il 58 ° artista trasmesso in rete, il primo giorno), Tina Turner, Musical Youth, Prince e Eddy Grant, ricevettero un po 'di airplay. E "Billie Jean" non è stato nemmeno aggiunto alla rotazione forte di MTV fino all'ultima settimana di marzo, molto tempo dopo che il singolo aveva raggiunto primo posto della classifica Billboard Hot 100. Ma alla fine, è stato "Billie Jean" che ha veramente sfondato il barriera di colore della rete.

"La playlist di MTV era al 99% bianca fino a quando Michael Jackson non ha forzato la sua strada facendo i migliori video musicali che la gente avesse mai visto" ha dichiarato Rob Tannenbaum , co-autore di ‘I Want My MTV: The Uncensored Story of the Music Video Revolution’, a The Root nel 2013. "Michael Jackson divenne MTV. Lui era MTV" dice Barron a Yahoo.

Nel 1983 Barron era già un director di video veterano; attirò per la prima volta l'attenzione di Jackson con la sua clip patinata per il lancio di "Do not you want me" dei The Human League nel Second British Invasion del 1981, che aveva una qualità cinematografica grazie al suo essere girato in una pellicola di 35 millimetri. ("Penso che Michael fosse ovviamente molto acuto e che riconobbe la differenza nella qualità del film", dice Barron).

Le mattonelle illuminate del pavimento in "Billie Jean" vennero ispirate da un altro dei primi video di Barron, per "Antmusic" di Adam & the Ants. Tuttavia, la collaborazione di Jackson e Barron ha portato tutto ad un nuovo livello.

Vagamente incaricato di creare "qualcosa di magico e cinematografico", Barron si è inventato il concetto di "Tutto intorno a Michael risplende, si libera delle sue energie, in pratica. [...] L'idea era davvero il tocco di Mida. Qualsiasi cosa con cui Michael fosse venuto in contatto, si sarebbe semplicemente illuminata - lui aveva quel superpotere".


Barron inviò il progetto alla direzione di Jackson, e "Non ricevette molti feedback da loro, davvero, tranne che il refuso dovesse essere cambiato, il che fu molto imbarazzante. Ho dovuto cambiare l'errore di battitura", ridacchia. "Iniziai con, 'Un ragazzo [guy] cammina per strada', ma in realtà scrissi accidentalmente, 'Un gay cammina per strada'. Un completo e totale refuso".

Fortunatamente, lo staff di Jackson non si era offeso, e le riprese partirono. "Una delle poche note che i manager mi hanno fatto nel dare il via libera è stata: 'Tieni da parte un po’ di tempo nel video per far ballare Michael. Sta pensando di ballare.'"

[IMG]http://im5.freeforumzone.it/up/56/54/1812984142.jpg[/IMG]
Steve Barron e Michael Jackson. (Foto: gentile concessione di Steve Barron)


Sfortunatamente, Barron aveva un budget limitato di 50.000 dollari - ben lontano dai 150.000 dollari che la CBS avrebbe dato per il video "Beat It", che fece il suo debutto su MTV solo tre settimane dopo (e finì dritto in alta rotazione), o i 2 milioni spesi per "Thriller" nel dicembre 1983 - quindi non tutto è andato secondo i piani.

Si è scoperto che Barron avrebbe dovuto girare con una pellicola di 16 millimetri, non 35, e anche l'idea di Jackson di dare vita ai manichini del sarto e farli ballare dietro di lui venne annullata. Inoltre, Barron non fu in grado di montare le protezioni sensibili al tocco per le pietre illuminate del pavimento, e questo fece sì che la coreografia di Jackson dovesse essere incredibilmente precisa per riuscire ad ottenere il giusto effetto.

"Il settore artistico dovette scendere a compromessi. Semplicemente non potevano permettersi i cuscinetti a pressione; non potevano permettersi l'automazione di essi. Così, era tutto nelle mani degli elettricisti", ricorda Barron.

"Nel giorno della pre-illuminazione, lavorarono per capire come avrebbero potuto accendere le lastre mentre Michael camminava su di esse - non sapendo quanto velocemente avrebbe camminato, o quanto velocemente avrebbe ballato. Era molto frustrante.

Dovetti portare Michael in quella parte del set la mattina delle riprese, e mi scusai: 'Michael, mi dispiace che queste cose non si automatizzino. Ti mostrerò quali si illuminano e quali no. Possiamo provarlo un paio di volte'. Mi sentivo molto imbarazzato nel dirglielo, perché sapevo che sarebbe stato restrittivo e che avrebbe richiesto tempo per imparare. Ma lui disse: "No, no, giriamo e basta".

Barron "rimase a bocca aperta" quando le telecamere iniziarono a girare. "Non avevo idea di come si sarebbe mosso. Era diverso da qualsiasi cosa avessi mai visto o a cui avessi lavorato prima. Aggiunse questa sorta di trepidazione nella danza, che consisteva nel riuscire a ricordare quale parte si sarebbe illuminata e quale no, ma che per lo spettatore conferiva solo eccentricità e imprevedibilità.
Era veramente magico. E mentre lo seguivo con la telecamera per tutto il ritornello, l'obiettivo letteralmente si appannò a causa dell'immagine. Il calore di me che osservavo quello che stava accadendo lo fece sparire in una nebbia, perché era veramente incredibile".

[IMG]http://im5.freeforumzone.it/up/56/53/3075898244.jpg[/IMG]
Michael Jackson e Steve Barron. (Foto: King of the Dance Floor)


In quel momento non sapendo le difficoltà che lo attendevano con MTV, Barron ebbe "più di un sospetto" che il video di 'Billie Jean' sarebbe stato rivoluzionario.
Pensai, 'Quando la gente vedrà questo, il mondo cambierà", dice.

"Era semplicemente irresistibile, brillante e totalmente avvincente da guardare. Eravamo tutti senza fiato. L'equipe è scoppiata in un applauso spontaneo".

Barron ricorda l'intero processo di collaborazione con Jackson, che aveva solo due anni meno di lui, come "una gioia, davvero. Era un gatto curioso. Chiedeva di tutto. Era affascinato dall'artigianato, dal settore artistico, da tutto.
Era costantemente alla ricerca di conoscenza. Era un collezionista di informazioni e dettagli. Sembrava che cercasse di trovare la magia nelle cose - un po’ una curiosità infantile, ma nel cervello di un adulto".

Si diceva che Barron avrebbe potuto dirigere il video di follow-up per "Beat It", ma Jackson voleva andare ancor di più in una direzione di danza per quel videoclip, e l'esperienza di Barron con la coreografia era limitata.

Quindi Barron finì per non lavorare con Jackson se non molto più tardi, nel 1992, per una reinterpretazione del classico dei
Jackson 5 "Who's Loving You" che riproponeva le riprese di un Jackson tredicenne.
Mentre Barron ricordava Jackson come spensierato, "gentile" e svagato nel 1983, vide poi un cambiamento nel cantante nel corso degli anni.

"L’ho visto accadere in molte persone famose. Quando invecchiano diventano lentamente sempre più stanche e distrutte dalla stampa, che vuole prima attirarle e poi trascinarle giù, trovare cose degne di nota sul loro conto", riflette Barron.

"Può essere veramente difficile affrontarlo costantemente. [...] Penso che crescendo, fosse diventato sempre più paranoico e diffidente nei confronti di chi poteva e non poteva fidarsi".

Quando Jackson morì nel 2009, Barron disse di essere "molto, molto, molto triste e sentii di aver subito una perdita - ma non ero sorpreso. Ricordo di aver pensato qualche anno prima che non sarebbe potuto rimanere in giro ancora per molto tempo. Ho sentito che era troppo turbato, troppo nei guai, troppo incasinato per sopravvivere".

Tuttavia, Barron preferisce ricordare Jackson con affetto, come il giovane che ha cambiato il corso di MTV e della cultura pop 35 anni fa. "MTV si è trasformato in MJTV", ride, "perché Michael era il più prolifico e brillante uomo di spettacolo, un artista immaginabile, che usciva allo scoperto mentre veniva riconosciuto il video musicale.

Era la risposta a tutto. È ciò che rese tutto così enorme. Michael era l'artista che trascendeva tutti, superava tutti, era meglio di chiunque altro. E così ci fu prima una piccola resistenza, ma poi una gratitudine totale".

FONTE

- Traduzione a cura di Vittoria Moccia per il Michael Jackson FanSquare.
Email Scheda Utente
Post: 11.266
Registrato il: 30/12/2009
Città: BOLOGNA
Età: 47
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
13/03/2018 22.27
 
Quota

Son cose che ha già raccontato in passato, ma fa sempre piacere leggerle.
Grazie per la traduzione, ex ragazza nello specchio (sei tu o ho preso un granchio [SM=g27827] )?
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 06.56. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com