Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.mjj.it


- Visita il website di MJFanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)






- THE JACKSON CAFÈ -

Vuoi conoscere davvero tutto di Michael Jackson? Sei nella sezione giusta!

Qui potrai leggere e pubblicare Approfondimenti, Testimonianze, Documenti e Aneddoti.

Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 2 3 | Pagina successiva
Vota | Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

[approfondimenti] Il Re Messaggero: Michael Jackson e la politica di #BlackLivesMatter

Ultimo Aggiornamento: 15/01/2015 15.32
Email Scheda Utente
Post: 74
Registrato il: 14/03/2003
Sesso: Maschile
Visionary Fan
OFFLINE
12/12/2014 19.36
 
Quota

Articolo interessante del Baltimora Sun
www.baltimoresun.com/news/opinion/oped/bs-ed-messenger-king-20141209-st...

Questo l'articolo:

Messenger King: Michael Jackson and the politics of #BlackLivesMatter
By D.B. Anderson


"Where are all the celebrities?".

That's a question many supporters of #BlackLivesMatter protests are asking. At this moment of great unrest, some are feeling a lack of leadership from those who have worldwide media platforms.

Many black actors and musicians have made public statements to express their sorrow and frustration over the Michael Brown and Eric Garner grand jury decisions. John Legend hired food trucks to feed protesters in New York. Hip-hop celebrity J. Cole joined the marchers. Philadelphia rapper Chill Moody wrote a song, "We're Worth More."

But there's a feeling that the super-famous haven't really stepped up to the plate. Pharrell's statement was less than satisfactory to some. Where is Oprah? Where is Tyler Perry? Where is Beyonce? These are the questions I've seen on my Twitter timeline these last few weeks.


I think something other than apathy is really at work here: fear and trepidation. Artists fear that taking a political stand may jeopardize their reputations and careers. Any political statement is going to have a backlash — and a price will be paid. Careers are dependent on the goodwill of corporations, from the record companies to the sponsors to the radio stations.


Questlove put it like this on his Instagram: "I urge and challenge musicians and artists alike to push themselves to be a voice of the times that we live in. I know that many see what happened to Dixie Chicks' #NatalieMaines @mainesmusic (she bravely expressed her opinion/dismay on the Bush administration declaring war & was unjustly targeted....while in hindsight being CORRECT) suddenly there was an onslaught of radio silence from artists across the board…"


The Dixie Chicks lost their corporate sponsor following that 2003 incident and saw their songs pulled off the air and sales of their music nosedive. Imagine then, what fate could befall artists who made political statements a centerpiece of their work?



Michael Jackson was never afraid to put himself out there for the truth as he saw it. We could always count on Jackson to be the global leader of the band, to give voice to everything we were feeling. His adult catalog is a trove of social activism. Starvation. AIDS. War. Gang violence. Race relations. The environment. It was Jackson who put on concerts for war-torn Sarajevo. It was Jackson who put together a group charity song and concert after 9/11. It was Jackson who used every ounce of his global celebrity to make a difference. He was there.

What happened to Jackson for his politics was so much worse than losing sales. For in speaking truth to power, Jackson made himself a target, and he took a pounding. The worst shots at him were taken by a white district attorney in California who pursued him relentlessly for 12 years and charged him with heinous crimes that were utterly disproved at trial.



No one ever seems to connect the dots: A very vocal, very influential, very wealthy black man was taken down by a white prosecutor on trumped-up charges.

Indeed, for Jackson the silence was deafening. He lost sponsors and faced financial problems of exactly the type that Questlove refers to. Skepticism about his vitiligo (later verified by autopsy) and accusations of skin-bleaching had already cost him some supporters. His fellow artists bailed, his protests against the machinations of his record label were roundly mocked in the press. "Most of us had turned our backs on him," Madonna said after his death.

In 1996, Jackson enlisted Spike Lee to create the short film for his song, "They Don't Care About Us." You may have never seen it however, because it was banned from American television. And radio stations in the U.S. were reluctant to play the track because Jackson was accused of using "racist" language in it.


The song was, in large part, a response to the failure to convict police officers of the videotaped 1992 Rodney King beating, but also to his own terribly degrading experience of police brutality in 1993. To re-read the criticism of the song today is to shake your head in disbelief at its disingenuousness. It's obvious that for some in power at the time, this was a dangerous song, and the objections merely an attempt to deflect.

What we need, said Questlove the other day, are "songs with spirit in them. Songs with solutions. Songs with questions. Protest songs don't have to be boring or non-danceable….they just have to speak truth."

On Twitter, #TheyDontCareAboutUs is a hashtag. In Ferguson, they blasted the Michael Jackson song through car windows. In New York City and Berkeley last weekend, it was sung and performed by protesters. And In Baltimore, there was a magical moment when the Morgan State University choir answered protests with a rendition of Jackson's "Heal The World."

The price has already been paid, but the check was never cashed. Maybe we just need to finally listen to Michael Jackson.

D.B. Anderson is writer and content strategist based in the Washington DC metro area. His email is dbanderson.writes@gmail.com.


[Modificato da Compix83 14/01/2015 08.16]
Email Scheda Utente
Post: 9.421
Registrato il: 30/12/2009
Città: BOLOGNA
Età: 47
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
12/12/2014 23.51
 
Quota

Maledetto, ti ci metti anche tu a cercare di farmi lavorare [SM=x47979] ?
Per fortuna che lo stavo già traducendo (colpa della Cri che me l'ha linkato [SM=g27832] ), perchè postarlo in originale, senza manco un riassunto, non è che serva a molto....


Il Re Messaggero : Michael Jackson e la politica di #BlackLivesMatter

09 Dicembre 2014
Di D.B. Anderson

Forse abbiamo solo bisogno di ascoltare finalmente Michael Jackson. - #BlackLivesMatter

"Dove sono tutte le celebrità?"
Questa è una domanda che molti sostenitori delle proteste di #BlackLivesMatter si fanno. In questo momento di grande agitazione, alcuni sentono una mancanza di leadership da coloro che hanno piattaforme media seguite in tutto il mondo.

Molti attori neri e musicisti hanno fatto dichiarazioni pubbliche per esprimere il loro dolore e la frustrazione per le decisioni del grand jury sui casi di Michael Brown e Eric Garner.
John Legend ha noleggiato camion di cibo per sfamare i manifestanti a New York. J. Cole, celebrità dell’hip hop si è unito ai manifestanti. Il rapper di Philadelphia Freddo Moody ha scritto una canzone, " We're Worth More."

Ma c'è la sensazione che i super-famosi non si siano realmente esposti.
La dichiarazione di Pharrell Williams era meno che soddisfacente per alcuni. Dov’è Oprah? Dov'è Tyler Perry? Dov'è Beyonce? Queste sono le domande che ho visto sul mio Twitter in queste ultime settimane.

Penso che qualcosa di diverso dall’apatia sia davvero al lavoro qui: paura e trepidazione. Gli artisti temono che una presa di posizione politica possa mettere a repentaglio la loro reputazione e la carriera. Qualsiasi dichiarazione politica avrà una reazione - e un prezzo sarà pagato. Le loro carriere dipendono dalla buona volontà delle imprese, dalle case discografiche agli sponsor alle stazioni radio.

Questlove l’ha messa in questo modo sul suo Instagram:. "Esorto e sfido musicisti e artisti a sforzarsi per essere una voce dei tempi in cui viviamo. So che molti vedono quello che è successo a #NatalieMaines delle Dixie Chicks (coraggiosamente espresse la sua opinione/sgomento per la dichiarazione di guerra dell'amministrazione Bush e fu ingiustamente presa di mira .... mentre a ben vedere aveva RAGIONE) , improvvisamente ci fu un attacco di silenzio radio di artisti su tutta la linea ... "
Le Dixie Chicks hanno perso il loro sponsor aziendale dopo l’ incidente del 2003 e ho visto le loro canzoni eliminate dalle trasmissioni e la vendita della loro musica andare in picchiata. Immaginate, quindi, ciò che il destino potrebbe riservare ad artisti che hanno fatto delle dichiarazioni politiche il centro del loro lavoro?

Michael Jackson non ha mai avuto paura di esporsi per la verità come la vedeva. Potevamo sempre contare su Jackson, per essere il leader globale della band, per dare voce a tutto ciò che sentivamo.
Il suo catalogo da adulto è un tesoro di attivismo sociale. Fame. AIDS. Guerra. Violenza delle gang. Rapporti razziali. Ambiente.
Era Jackson che mise su concerti per Sarajevo devastata dalla guerra. Era Jackson che ha messo insieme una canzone di beneficenza di gruppo e un concerto dopo l’11 settembre. Era Jackson che ha usato ogni grammo della sua celebrità mondiale per fare la differenza. Lui era lì.
Quel che è successo a Jackson per la sua politica era molto peggio che perdere vendite. Perché col suo dire il vero sul potere, Jackson si è fatto bersaglio, e ha preso legnate. I peggiori colpi gli sono stati dati da un procuratore distrettuale bianco in California che lo perseguitò senza tregua per 12 anni e lo ha accusato di crimini efferati che sono stati del tutto smentiti al processo.

Nessuno sembra mai di unire i puntini: un molto esplicito, molto influente, molto ricco uomo nero è stato deposto da un procuratore bianco su accuse inventate.
Infatti, per Jackson il silenzio era assordante. Ha perso sponsor e affrontato problemi finanziari ed è esattamente quello a cui si riferisce Questlove.
Lo scetticismo sulla sua vitiligine (poi confermata dall’ autopsia) e le accuse di sbiancamento gli erano già costate alcuni sostenitori. I suoi colleghi artisti se la sono filata, le sue proteste contro le macchinazioni della sua etichetta discografica sono state sonoramente derise dalla stampa. "La maggior parte di noi gli aveva girato le spalle" ha detto Madonna dopo la sua morte.

Nel 1996, Jackson ha arruolato Spike Lee per creare il cortometraggio per la sua canzone "They Don't Care About Us". Potreste non averlo mai visto però, perché è stato bandito dalla televisione americana. E le stazioni radio negli Stati Uniti erano riluttanti a riprodurre la traccia perché Jackson fu accusato di usare un linguaggio "razzista" in esso.
La canzone è stata, in gran parte, una risposta alla mancanza di condanne gli agenti di polizia del pestaggio videoregistrato a Rodney King nel 1992, ma anche alla propria esperienza terribilmente degradante della brutalità della polizia nel 1993. Rileggere le critiche al brano oggi fa scuotere la testa increduli per la loro falsità. E’ ovvio che per un certo potere, all’epoca, questa era una canzone pericolosa, e le obiezioni semplicemente un tentativo di sviare.

Ciò di cui abbiamo bisogno, ha detto Questlove l'altro giorno, sono "le canzoni con uno spirito. Canzoni con soluzioni. Canzoni con domande. Le canzoni di protesta non devono essere noiose o non ballabili ... .devono solo dire la verità."
Su Twitter, #TheyDontCareAboutUs è un hashtag. A Ferguson, hanno fatto pompare la canzone di Michael Jackson attraverso i finestrini delle auto. A New York City e Berkeley lo scorso fine settimana, è stata cantata ed eseguita dai manifestanti. E A Baltimora, c'è stato un momento magico in cui il coro della Morgan State University ha risposto proteste con una interpretazione "Heal The World".
Il prezzo è già stato pagato, ma l’assegno non è mai stato incassato.

Forse abbiamo solo bisogno di ascoltare finalmente Michael Jackson.

Traduzione di (Miss Piggy) per MJFSquare.
In caso di riproduzione, si prega di citare la fonte. Grazie


[Modificato da (Miss Piggy) 12/12/2014 23.58]
Email Scheda Utente
Post: 2.231
Registrato il: 26/11/2010
Città: ROMA
Età: 103
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Dangerous Fan
OFFLINE
13/12/2014 00.51
 
Quota

Se sapevo che l'avresti tradotto non me lo sarei cibato in inglese. [SM=x47981]
Email Scheda Utente
Post: 1.563
Registrato il: 24/05/2014
Sesso: Femminile
Moderatore
HIStory Fan
Staff
OFFLINE
13/12/2014 01.01
 
Quota

Grazie infinite Miss [SM=g2927039]
Email Scheda Utente
Post: 3.375
Registrato il: 11/11/2012
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Bad Fan
OFFLINE
13/12/2014 21.17
 
Quota

E' un bell'articolo interessante che fa riflettere tutti, l'ho letto con molto piacere, speriamo serva in futuro a far prendere coscienza.
Un gran lavoraccio ad averlo tradotto [SM=x47961] ...grazie mille Ale [SM=g27838]

[IMG]http://i39.tinypic.com/2m3gz1h.jpg[/IMG]
Heal The World
make it a better place
for you and for me
and the entire human race....
Email Scheda Utente
Post: 12.318
Registrato il: 04/08/2011
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Thriller Fan
OFFLINE
14/12/2014 00.22
 
Quota

...grazie Miss!!! [SM=x47981]

....molto interessante...



Email Scheda Utente
Post: 493
Registrato il: 27/03/2013
Città: BERGAMO
Età: 55
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Invincible Fan
OFFLINE
14/12/2014 01.22
 
Quota


Forse abbiamo solo bisogno di ascoltare finalmente Michael Jackson.



già...

grazie Miss [SM=g2927039]
Email Scheda Utente
Post: 3.667
Registrato il: 06/03/2010
Città: COSENZA
Età: 41
Sesso: Femminile
Bad Fan
OFFLINE
14/12/2014 07.58
 
Quota

Grazie per la traduzione!
Michael era Michael, eh...cari!
C' e' qualcosa di molto vero in questo articolo.Lui c' era sempre, battagliava e non temeva ritorsioni!Ed e' stato il bersaglio per eccellenza! Forse se non fose stato lasciato solo nelle iniziative, questo non sarebbe accaduto...
Ma e' bello che oggi cantino le sue canzoni nelle manifestazioni.Lui e' anche questo...


"...You're just another part of me..."


"Mai discutere con un idiota, ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza!" O.W.
Email Scheda Utente
Post: 785
Registrato il: 15/07/2012
Città: ARCIDOSSO
Età: 45
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Invincible Fan
OFFLINE
14/12/2014 23.08
 
Quota

grazie per la traduzione e bell articolo,
come sempre ci si accorge delle cose quando non ci sono più,
ricordo di aver letto nel topic vecchissimo di From the botton on my heart,che alcuni snobbavano questa nuova iniziativa benefica di Michael,come se fosse ancora la solita solfa o giu di li,ma adesso che nessuno propone canzoni politiche,socialmente impegnate come faceva lui,se ne sente la mancanza.

[IMG]http://i39.tinypic.com/2a4sqb5.gif[/IMG]
Email Scheda Utente
Post: 1.291
Registrato il: 29/04/2008
Sesso: Maschile
HIStory Fan
OFFLINE
17/12/2014 21.47
 
Quota

All'autore bisogna spiegare che Michael non era Cassius Clay che si è mezzo giocato la carriera per un principio: rispetto al pugile era molto più intelligente e infinitamente più opportunista.

Le grandi battaglie di Michael - tra cui quelle menzionate nell'articolo - erano indubbiamente su temi "grandi" ma molto generali e per nulla controversi tra l'opinione pubblica; una filantropia alla Bono, una filantropia sicuramente meritoria, ma del tutto innocua per il successo commerciale e per l'immagine.
Tant'è vero che per la sua attività di beneficenza pubblica e diretta (lasciate perdere Arvizo, che è un incidente per una buona azione taciuta) Michael ha ricevuto solo elogi, o al limite critiche per l'ipocrisia del gesto; di critiche manco l'ombra.

Lasciamo poi perdere la tesi secondo cui Michael è diventato un bersaglio ed è stato perseguitato a livello giudiziario "perchè lottava contro la fame nel mondo o l'AIDS": qua si è al delirio più puro e il delirio non si può commentare.

Ah, buon D.B. Anderson, Michael non avrebbe mai fatto nemmeno una dichiarazione di buon senso ma un po' "compromettente" con la sua iper-vittimistica comunità come quella di Pharrell.

www.theroot.com/articles/culture/2014/11/pharrell_williams_why_aren_t_we_talking_about_michael_brown_s_bully_behav...

Insomma, a tirare per la giacchetta un morto non ci si perde nulla, e l'autore dell'articolo l'ha fatto.
A sto punto lo faccio anch'io e dico: chissà che strali avrebbe lanciato Michael contro l'aumento dell'IMU e l'aggiunta della TASI......

“You have to be realistic about these things.”
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 2 3 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 15.33. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com