Dal 2001, la più grande Community jacksoniana d'Italia
e Fan Club italiano di Michael Jackson
www.mjj.it


- Visita il website di MJFanSquare e seguici sui canali ufficiali -




- Ultime Discussioni sul Forum -

(Per l'elenco esteso delle ultime discussioni, clicca QUI)






- THE JACKSON CAFÈ -

Vuoi conoscere davvero tutto di Michael Jackson? Sei nella sezione giusta!

Qui potrai leggere e pubblicare Approfondimenti, Testimonianze, Documenti e Aneddoti.

Nuova Discussione
Rispondi
 
Vota | Stampa | Notifica email    
Autore
Facebook  

[approfondimenti] 'Off the Wall': l'album classico compie 35 anni

Ultimo Aggiornamento: 11/05/2015 13.50
Email Scheda Utente
Post: 11.724
Registrato il: 12/08/2006
Città: VASTO
Età: 27
Sesso: Maschile
Thriller Fan
OFFLINE
07/05/2015 04.47
 
Quota

Re:
mark frankie teardrop, 06/05/2015 06:50:

Ehi, io non ho mai detto né penso che non si possa fare contaminazione fra, etc.

[cut]




Ma io infatti non parlavo di ciò che il Neo Soul è arrivato ad essere oggi, ma di ciò che era agli inizi. Oggi, seppur ci sia una parte conservatrice che continua a rifarsi al Contemporary R&B, so che ce ne è un'altra che spazia in territori meno popolari.

Il concept album è una storia: inizio, svolgimento e fine. Lo hai detto tu stesso. Proprio in virtù di questo, è impossibile dire che Pet Sounds è il primo della sua categoria. Così come mi sembra un po' forzato dire che gli esempi che ti ho fatto non sono concept (anche se hai escluso lo strumentale per ovvie ragioni). Prendo in esame Sinatra, che per te, addirittura non aveva consapevolezza di ciò che cantava. In the Wee Small Hours è indubbiamente un concept album, tral'altro molto profondo. E' universalmente riconosciuto come tale, persino da Scaruffi (che invece non riconosce come concept Pet Sounds, ma vabbè), che cito perchè lo hai nominato.
Certe cose non si possono ignorare. Magari è un album che non ti piace e ti fa venire il latte alle ginocchia al solo sentirlo, ma In the Wee Small Hours è un concept album a tutti gli effetti.
Quindi, se Pet Sounds non è il primo concept album della storia, per cosa viene ricordato? Perchè presenta nuove sonorità, avute utilizzando oggetti comuni, assieme agli strumenti. A questo va aggiunta la presenza di elementi di altri generi musicali che combinati nella giusta dose al Rock dell'epoca, hanno dato a quest'ultimo una bella rinfrescata. E' inoltre il primo album Rock ad utilizzare l'Electro-Theremin.
E proprio in virtù di tutto ciò, Pet Sounds ha rilanciato il concept album sotto un'altra luce. Il concept album non diventa più solo un album che racconta una storia, ma un territorio in cui sperimentare e costruire una vera e propria opera (Rock opera).
Arriviamo finalmente al domandone su Vogel. Credo che tu stia dando per scontato che tutto il forum condivida ogni singola parola di quell'autore. Non credo debba essere io a dirti che non è così. Per come ho interpretato io la frase incriminata, credo che non si riferisse al concept album (che Off the Wall non è), ma al solo sound innovativo. Difatti l'autore dell'articolo del primo post afferma che quella frase è detta “in riferimento ad una prima rivoluzione sonica”. Se fosse in tal senso, ci può pure stare. Non è sbagliato. Se invece si parla dei due album nella loro interezza, allora mi trovo in disaccordo. Questo perchè gran parte della forza di Pet Sounds sta proprio nell'intero prodotto, quindi anche nel suo essere concept album. E fare un parallelismo tra questi due album senza tenere conto della loro differente tipologia è sbagliatissimo. Anzi, direi che la stessa correlazione sarebbe impossibile, proprio per le tipologie di album così diverse. E per tipologie non sto parlando di generi, ma di concept album e normale studio album. E' un po' come fare un parallelismo tra un film a tanti cortometraggi raggruppati in un solo DVD. Non so se mi spiego.

Ehm, credo che tu stia dando un tantino di matto [SM=g27828]
Non giudicherò 40 dischi + quelli di MJ così. Non sta né in cielo né in terra [SM=g27827]
Il mio modo di giudicare alla fine è quello che usano un po' tutti. La nostra valutazione ha una base di fondo che si rifà alla nostra visione di musica. Assegniamo valutazioni positive a ciò che reputiamo sia fatto bene, che abbia un arrangiamento azzeccato, un certo livello di produzione e di testi, un'ottima interpretazione e che il tutto sappia colpire. Magari, in caso ci si trovi di fronte ad un qualcosa di innovativo, si guarda al nuovo sound, a quali generi sono stati usati per la contaminazione e se sono tutti ben amalgamati. Ed inevitabilmente, ci si chiede come abbia fatto l'artista a raggiungere un tale risultato.
I parametri che si vanno a vedere sono sempre quelli. Quello che cambia è il giudizio finale. Sia per una questione di severità nel dare il voto e sia perchè, come dicevo quasi all'inizio del paragrafo, c'entra la nostra visione di musica. Come secondo noi andrebbe fatto un album per essere considerato di qualità. Ed è proprio la visione di musica la base di tutto. E' un qualcosa che è spesso legata alla conoscenza che si ha della materia, ma è anche un qualcosa che è spesso legata alla tipologia di musica che si è soliti ascoltare (e talvolta le due cose sono collegate).

P.S. Mi spiace per la situazione in Cina. Avevo dimenticato che avevi questa restrizione anche con YouTube.
[Modificato da Simone Jackson 07/05/2015 04.48]
Email Scheda Utente
Post: 539
Registrato il: 16/11/2013
Sesso: Maschile
Invincible Fan
OFFLINE
07/05/2015 05.37
 
Quota

Re: Re:
Simone Jackson, 07/05/2015 04:47:



Ma io infatti non parlavo di ciò che il Neo Soul è arrivato ad essere oggi, ma di ciò che era agli inizi. Oggi, seppur ci sia una parte conservatrice che continua a rifarsi al Contemporary R&B, so che ce ne è un'altra che spazia in territori meno popolari.

Il concept album è una storia: inizio, svolgimento e fine. Lo hai detto tu stesso. Proprio in virtù di questo, è impossibile dire che Pet Sounds è il primo della sua categoria. Così come mi sembra un po' forzato dire che gli esempi che ti ho fatto non sono concept (anche se hai escluso lo strumentale per ovvie ragioni). Prendo in esame Sinatra, che per te, addirittura non aveva consapevolezza di ciò che cantava. In the Wee Small Hours è indubbiamente un concept album, tral'altro molto profondo. E' universalmente riconosciuto come tale, persino da Scaruffi (che invece non riconosce come concept Pet Sounds, ma vabbè), che cito perchè lo hai nominato.
Certe cose non si possono ignorare. Magari è un album che non ti piace e ti fa venire il latte alle ginocchia al solo sentirlo, ma In the Wee Small Hours è un concept album a tutti gli effetti.
Quindi, se Pet Sounds non è il primo concept album della storia, per cosa viene ricordato? Perchè presenta nuove sonorità, avute utilizzando oggetti comuni, assieme agli strumenti. A questo va aggiunta la presenza di elementi di altri generi musicali che combinati nella giusta dose al Rock dell'epoca, hanno dato a quest'ultimo una bella rinfrescata. E' inoltre il primo album Rock ad utilizzare l'Electro-Theremin.
E proprio in virtù di tutto ciò, Pet Sounds ha rilanciato il concept album sotto un'altra luce. Il concept album non diventa più solo un album che racconta una storia, ma un territorio in cui sperimentare e costruire una vera e propria opera (Rock opera).
Arriviamo finalmente al domandone su Vogel. Credo che tu stia dando per scontato che tutto il forum condivida ogni singola parola di quell'autore. Non credo debba essere io a dirti che non è così. Per come ho interpretato io la frase incriminata, credo che non si riferisse al concept album (che Off the Wall non è), ma al solo sound innovativo. Difatti l'autore dell'articolo del primo post afferma che quella frase è detta “in riferimento ad una prima rivoluzione sonica”. Se fosse in tal senso, ci può pure stare. Non è sbagliato. Se invece si parla dei due album nella loro interezza, allora mi trovo in disaccordo. Questo perchè gran parte della forza di Pet Sounds sta proprio nell'intero prodotto, quindi anche nel suo essere concept album. E fare un parallelismo tra questi due album senza tenere conto della loro differente tipologia è sbagliatissimo. Anzi, direi che la stessa correlazione sarebbe impossibile, proprio per le tipologie di album così diverse. E per tipologie non sto parlando di generi, ma di concept album e normale studio album. E' un po' come fare un parallelismo tra un film a tanti cortometraggi raggruppati in un solo DVD. Non so se mi spiego.

Ehm, credo che tu stia dando un tantino di matto [SM=g27828]
Non giudicherò 40 dischi + quelli di MJ così. Non sta né in cielo né in terra [SM=g27827]
Il mio modo di giudicare alla fine è quello che usano un po' tutti. La nostra valutazione ha una base di fondo che si rifà alla nostra visione di musica. Assegniamo valutazioni positive a ciò che reputiamo sia fatto bene, che abbia un arrangiamento azzeccato, un certo livello di produzione e di testi, un'ottima interpretazione e che il tutto sappia colpire. Magari, in caso ci si trovi di fronte ad un qualcosa di innovativo, si guarda al nuovo sound, a quali generi sono stati usati per la contaminazione e se sono tutti ben amalgamati. Ed inevitabilmente, ci si chiede come abbia fatto l'artista a raggiungere un tale risultato.
I parametri che si vanno a vedere sono sempre quelli. Quello che cambia è il giudizio finale. Sia per una questione di severità nel dare il voto e sia perchè, come dicevo quasi all'inizio del paragrafo, c'entra la nostra visione di musica. Come secondo noi andrebbe fatto un album per essere considerato di qualità. Ed è proprio la visione di musica la base di tutto. E' un qualcosa che è spesso legata alla conoscenza che si ha della materia, ma è anche un qualcosa che è spesso legata alla tipologia di musica che si è soliti ascoltare (e talvolta le due cose sono collegate).

P.S. Mi spiace per la situazione in Cina. Avevo dimenticato che avevi questa restrizione anche con YouTube.




Premesso che non mi offendo assolutamente ma dare del matto lo dici a tua sorella, così solo per precisare, non che mi offenda, messa così la questione del Neo-Soul mi viene da pensare che ancora una volta l'influenza che può avere un album come OTW sul neo-soul guarda ai risultati più commerciali di quel genere. E mi pare anche evidente.
Sulla questione di Pet Sounds: premesso che scaruffi nega che pet sounds valga molto e non riconosce molto ai Beach Boys in genere, la questione di trovare proto-concept andando a ritroso nella storia la conosciamo un po'tutti ma è generalmente rifiutata: prendi un sito musicale, apri la pagina a Pet SOunds e troverai immancabilmente la questione che è stato il primo concept. Si può confutarla ovviamente con centinaia di esempi, mi lasciano perplesso i dischi wikipediani che mi hai citato or ora per diversi motivi. E difatti Brian Wilson quando si era messo a fare l'operazione aveva un intento nuovo, al tempo gli venne riconosciuto l'onore di avere creato una nuova idea di album, Pet Sounds vale un decuplo di quei dischi lì messi assieme eccetera. Ma fa lo stesso. Se dunque, Pet Sounds è solo per avere introdotto sonorità nuove, a parte che è un disco pop (per cui non puoi dire che è un album Rock, al limite esercita la sua influenza sull'art-rock ma rimane un album pop), ah, allora è la solita boutade per cui tra cento dischi che avevano introdotto sonorità nuove si sceglie solo quello che conosce il buon Vogel e stiamo tutti tranquilli. Che poi, va', proprio quella fattispecie di theremin non è che abbia fatto una rivoluzione sonica, quella la stavano facendo altri ma vabbè. E poi, in realtà è un'operazione surrettizia per insinuare che PEt Sounds possa essere messo sullo stesso piano di OTW, ma non è che l'umanità si divide in fan o detrattori di MJ, c'è anche una gran parte obiettiva che comunque non penserebbe nemmeno sotto tortura una cosa così. Poi, vabbè si fa il gioco del passaparola fra scritti fan-base per cui parte Vogel, arriva sto tizio e alla fine... ok si capisce.
Ok, non mettere voti se per qualche motivo ti porta via più di 3 minuti, hai però impiegato di più a scrivere righe di vago significato.
Almeno i voti ai dischi di MJ puoi metterli e magari dai, a dark side che so che è l'unico disco che ti piace e a quegli altri che conosci, almeno due o tre e fai solo dieci nomi (tempo 1 minuto). Grazie

Edit: il motivo perché ti chiedo di mettere voti è semplice, forse chiaro. Si capisce se un OTW vale meno, come o più di un V.U., Pet SOunds, o un Dark Side, o un Abbey Road o un Main Street o Thriller, tutto qua. Magari se gli assegni un 7.0 non stiamo molto a discutere perché condividiamo

Post-edit: e difatti, quello di Sinatra NON è un concept, la solita Scaruffata. Sto ascoltando l'album di sinatra (mediamente bello, ha fatto di meglio), una volta mi toccava farlo perché avevo un amico-pusher di standard pop e per desiderio di omniconoscienza (adesso passo se la roba è tempo perso): si tratta di una compliation di pezzi di autori diversi su un unico tema, non si rincorrono per il disco, non sono nati con l'idea di formare un unicum, macché idea monolitica, originaria nella mente di un solo autore. Come fare un libro di autori diversi e racconti diversi sul solito tema del distacco in amore: il filo sarà anche simile ma il risultato non è un concept ed è il solito escamotage per cui scaruffi rinnega ai BB qualunque patente di originalità.
[Modificato da mark frankie teardrop 07/05/2015 07.07]
Email Scheda Utente
Post: 20
Registrato il: 02/05/2015
Città: BERGAMO
Età: 43
Sesso: Maschile
This Is It Fan
OFFLINE
07/05/2015 07.13
 
Quota

Pet Sounds per me è un album molto importante.
Più che sul discorso del concept innova sul suono, arrangiamento e attitudine (nel pop). Come molti album svolta sublimando e fondendo tante tendenze precedenti del pop in qualcosa di oltre:
l'uso orchestrale cameristico in funzione pop, l'importante arte percussiva che sentiamo in mille dischi dei 60 di Hal Blain così creativo quanto distante dal semplicistico beat del rock, l'eccentriicità della musica esotica di Eden Ahbez edellecolonne sonore dei primi 60.
Attenzione che queste tendenze erano di pertinenza adult pop e Pet Sounds per primo le usa per un pubblico giovane.
McCartney lo percepì come una svolta della musica giovane verso la maturità artistica, ma molti altri no. Solo daglli 80 si capì l'innovazione del disco in questione
[Modificato da Gabriele Basile 07/05/2015 07.15]
Email Scheda Utente
Post: 540
Registrato il: 16/11/2013
Sesso: Maschile
Invincible Fan
OFFLINE
07/05/2015 09.48
 
Quota

Re:
Gabriele Basile, 07/05/2015 07:13:

Pet Sounds per me è un album molto importante.
Più che sul discorso del concept innova sul suono, arrangiamento e attitudine (nel pop). Come molti album svolta sublimando e fondendo tante tendenze precedenti del pop in qualcosa di oltre:
l'uso orchestrale cameristico in funzione pop, l'importante arte percussiva che sentiamo in mille dischi dei 60 di Hal Blain così creativo quanto distante dal semplicistico beat del rock, l'eccentriicità della musica esotica di Eden Ahbez edellecolonne sonore dei primi 60.
Attenzione che queste tendenze erano di pertinenza adult pop e Pet Sounds per primo le usa per un pubblico giovane.
McCartney lo percepì come una svolta della musica giovane verso la maturità artistica, ma molti altri no. Solo daglli 80 si capì l'innovazione del disco in questione




Grazie, avrei qualcosa da dire sull'arte percussiva dei BB perché -non so se hai visto il film o hai letto la biografia dei BB- ma è il punto un po' dolente dei BB. Comunque ok e ok anche che Pet Sounds l'ha tirato fuori Vogel per parlare di OTW e io per commentare Vogel. Ma qui ragazzi andiamo Off the Topic.
Magari, proprio per capire l'importanza (o meno) di OTW, puoi dare il tuo voto personale a OTW, assieme agli altri dischi principali di MJ?
Xiexie [SM=g27823]
Email Scheda Utente
Post: 2.783
Registrato il: 01/10/2009
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Dangerous Fan
OFFLINE
07/05/2015 11.53
 
Quota

Re: Re:
Simone Jackson, 07/05/2015 04:47:



La nostra valutazione ha una base di fondo che si rifà alla nostra visione di musica. Assegniamo valutazioni positive a ciò che reputiamo sia fatto bene, che abbia un arrangiamento azzeccato, un certo livello di produzione e di testi, un'ottima interpretazione e che il tutto sappia colpire. Magari, in caso ci si trovi di fronte ad un qualcosa di innovativo, si guarda al nuovo sound, a quali generi sono stati usati per la contaminazione e se sono tutti ben amalgamati. Ed inevitabilmente, ci si chiede come abbia fatto l'artista a raggiungere un tale risultato.
I parametri che si vanno a vedere sono sempre quelli. Quello che cambia è il giudizio finale. Sia per una questione di severità nel dare il voto e sia perchè, come dicevo quasi all'inizio del paragrafo, c'entra la nostra visione di musica. Come secondo noi andrebbe fatto un album per essere considerato di qualità. Ed è proprio la visione di musica la base di tutto. E' un qualcosa che è spesso legata alla conoscenza che si ha della materia, ma è anche un qualcosa che è spesso legata alla tipologia di musica che si è soliti ascoltare (e talvolta le due cose sono collegate).




"Secondo noi", chi sarebbero sti "noi" in questione, scusa?
Nel caso la tua visione/conoscenza della musica, per esempio, sia legata a che so, 200 pezzi, album/ artisti o quello che vuoi tu, nel caso io ne conosca 300, so più brava? potrebbe essere più valido il mio metro di giudizio rispetto a sto fantomatico "vostro/nostro", o cosa?

In questo tuo discorso, scusami, manca un punto essenziale, e cioè un minimo di oggettività, altrimenti diventa soltanto una lista di cio' che piace a te vs cio' che piace a me. Punto. Il che mi sta anche bene, figurati, ma non andiamo oltre questo.

Voglio dire : mi posti video della tipa orientale, affermando che ha potenzialità, che il kpop non è solo un fumetto vivente,
a me pare solo una bravina, come tante che ne ascolto quotidianamente; peraltro sembra solo una rivisitazione (e sono buona) della Mariah Carey . Quindi per me è fuffa.

In questo senso, penso, che la richiesta di Mark, di dare voti a qualcuno degli album citati, sia solo uno strumento per comprendere che è necessario un minimo di oggettività in musica.
E che non bastano "spruzzatine varie" per battezzare un album, un capolavoro innovativo.

E la presunta innovatività di qualcosa non dipende certo da un mio personale modo di essere più o meno drastica, o lo è o non lo è, innovativo.
Altrimenti, vengo qui e ti dico che invece noi (come direbbe il mago Otelma) reputiamo che so ... Orietta Berti la più figa del bigoncio .... [SM=g27828] con tutto il rispetto per la Oriettona.

[SM=g27823]
[Modificato da migi.mj 07/05/2015 12.11]
Email Scheda Utente
Post: 337
Registrato il: 12/04/2009
Città: LA SPEZIA
Età: 42
Sesso: Maschile
Utente Certificato
Number Ones Fan
OFFLINE
07/05/2015 13.34
 
Quota

Per me Off the Wall è un ottimo disco r&b, ma non è un capolavoro, c'è da dire che ascoltandolo con un super stereo probabilmente è uno tra i dischi meglio registrati e mixati che abbia mai sentito,ovviamente rapportato al genere e al tempo in cui è stato fatto.
Email Scheda Utente
Post: 542
Registrato il: 16/11/2013
Sesso: Maschile
Invincible Fan
OFFLINE
07/05/2015 16.13
 
Quota

Re: Re: Re:
migi.mj, 07/05/2015 11:53:



In questo senso, penso, che la richiesta di Mark, di dare voti a qualcuno degli album citati, sia solo uno strumento per comprendere che è necessario un minimo di oggettività in musica.
E che non bastano "spruzzatine varie" per battezzare un album, un capolavoro innovativo.

E la presunta innovatività di qualcosa non dipende certo da un mio personale modo di essere più o meno drastica, o lo è o non lo è, innovativo.

[SM=g27823]




Ehm, al solito ti ringrazio per tradurre in italiano il mark-pensiero... [SM=g27823]
Per quanto orribili possano essere, i voti in musica pop e rock si danno comunemente e sintetizzano meglio di mille parole. Come dici bene tu (e penso io), contestualizzare e mettere assieme OTW e altri capisaldi della musica mi aiuta un attimo a capire con che ordine di idee e grandezze ho a che discutere. Magari stiamo tutti pensando le stesse cose, solo esponendole sotto prospettive diverse.
Tra parentesi, l'unica volta che io ho visto vogel contestualizzare e mettere una classifica tra più artisti (il 1991) è venuto fuori di tutto ed è ancora lì che surrettiziamente la cambia con il passare degli anni (ma ok, ci sta cambiare giudizio).

Email Scheda Utente
Post: 2.785
Registrato il: 01/10/2009
Sesso: Femminile
Utente Certificato
Dangerous Fan
OFFLINE
07/05/2015 21.01
 
Quota

Re: Re: Re: Re:
mark frankie teardrop, 07/05/2015 16:13:




Ehm, al solito ti ringrazio per tradurre in italiano il mark-pensiero... [SM=g27823]





La prox volta dovrai offrirmi un pranzo a Fregggene [SM=g27828]
Email Scheda Utente
Post: 11.726
Registrato il: 12/08/2006
Città: VASTO
Età: 27
Sesso: Maschile
Thriller Fan
OFFLINE
08/05/2015 02.53
 
Quota

Re: Re: Re:
mark frankie teardrop, 07/05/2015 05:37:




Premesso che non mi offendo assolutamente ma dare, etc.

[Cut]




Ero ovviamente ironico. Ci ho aggiunto anche l'emoticon apposta per farlo capire. Perchè insomma, chiedere ad una persona di dare voti per 40 e passa album, eh, è alquanto strano. Non credi? [SM=g27817]

Ho consultato svariati siti musicali, per l'esattezza, AllMusic, Rolling Stone, Slant, Pitchfork, Clash music, Sputnik music, Storia della musica e OndaRock (e vabbè, Scaruffi lo abbiamo già detto). A parte OndaRock (che però mette le mani avanti, dicendo che per molti è il primo concept album), nessuno di quei siti parla di primo concept album. Proprio perchè non lo è. Di questi, chi si avvicina a ciò che dici è il Rolling Stone, che parla di primo disco Rock concept.
Ammetto di aver buttato qualche occhio anche su NME, Q e il sito del critico Robert Christgau, ma non ho trovato recensioni sull'album. Ci sono solo spezzoni quando si fanno le All-Time list, ma nessuno di loro parla di primo concept album.
Diversamente, In the Wee Small Hours, che per te non sarebbe concept solo perchè di autori diversi (una motivazione che secondo me, non regge. Ci sono libri scritti da più persone, così come le storie dei film), è definito concept album in una marea di siti musicali. Tra questi, Scaruffi, AllMusic, Sputnik music, Wondering Sound, Slate e American Music Preservation.
E come viene ribadito in questi siti, ma anche altrove, In the Wee Small Hours non sarebbe nemmeno l'unico concept album di Frank Sinatra. Qualcuno pensa sia questo il primo concept album, qualcun altro pensa che sia Songs for Young Lovers (sempre di Sinatra). Una cosa però è certa: Pet Sounds non è il primo concept album della storia. Come ho detto nell'altro post, ha rivoluzionato il concetto di concept album, ma non è nel modo più assoluto il primo. Soprattutto se consideriamo quelli strumentali, poichè nel Jazz ve ne sono una marea.
Che Pet Sounds sia Pop l'ho detto anche qualche post addietro, ma è tecnicamente legato al Rock. Non è un caso che questo album venga presentato in entrambe le categorie, spesso anche nello stesso articolo.
Tornando a Vogel, il parallelismo con Pet Sounds era un esempio come un altro (credo, non sono nella testa dell'autore) per far capire le proporzioni dell'influenza che ha avuto Off the Wall nel suo genere. Ha preso un album arcinoto per rendere l'idea, ma avrebbe potuto prenderne un qualsiasi altro di egual valore nella sua categoria. Lo so, per te Off the Wall non ha lo stesso valore di Pet Sounds, perchè non c'è songwriting alto, l'innovazione sonora non è come quella che intendi tu, ecc. Per me invece è innegabile che il contributo che questo album ha dato alla Black music è davvero di grandi proporzioni e ancora oggi lo si sente. Nella sua categoria è una delle pietre miliari.

Il motivo per cui non voglio dare valutazioni è semplice. Innanzitutto, perchè usciamo off topic e poi perchè per ogni valutazione che darò, già so che ti dovrò dare delle spiegazioni e ciò porterà a pagine intere di discussione. Più sono gli album giudicati e più ci sarà da discutere (già solo per Off the Wall e Pet Sounds guarda quanto abbiamo scritto. Figuriamoci se ci mettessimo a parlare di più album). E io tutto questo tempo, non ce l'ho. Avrai notato che io riesco a risponderti soltanto una volta al giorno e ad orari notturni. Questo perchè il mio tempo è limitato.
Tu mi chiederai, come fai a sapere che andrà a finire così? Perchè so che le mie valutazioni sono più larghe delle tue. Per me se un album è fatto divinamente bene, anche se non è innovativo o influente, almeno (e sottolineo almeno) 4 stelle su un massimo di 5 se le becca. Anche perchè la valutazione pura andrebbe fatta così. Senza tener conto del dopo e di quanto quel disco è diventato influente. Come se stessi ascoltando l'album nell'epoca in cui è stato pubblicato e non è una cosa facile. Magari il dopo merita una valutazione a parte. Una sorta di seconda valutazione storica. Ma la valutazione dell'album a se va prima.


migi.mj, 07/05/2015 11:53:



"Secondo noi", chi sarebbero sti "noi" in questione, scusa?, etc.

[Cut]




Noi persone. Quelli sono parametri di giudizio che un po' tutti seguono quando devono dare una valutazione. Per questo mi sono permesso di parlare al plurale. Di certo non volevo improvvisarmi Papa.

No. Semplicemente, più uno conosce la materia e più la sua visione musicale è ampia. Questo significa che quando va ad ascoltare un prodotto, saprebbe riconoscere più sfaccettature rispetto ad un comune ascoltatore, oppure a qualcuno che la materia la conosce poco. La visione musicale è in parte legata, inevitabilmente, ai gusti dell'ascoltatore. L'obiettività ci vuole, verissimo e lo sottoscrivo. Ma l'obiettività ha una fine per ogni individuo. Per farti un esempio, chiamo una persona e gli chiedo di darmi una valutazione obiettiva ad un album Rap. Metti il caso che questa persona detesti il genere e che al primo verso, gli verrebbe voglia di prendere lo stereo e di buttarlo dalla finestra. Però, questa persona accetta. Si vuole impegnare ad ascoltare l'album fino alla fine per tenere fede al suo impegno. Secondo te, potrà mai uscirci qualcosa di buono, se questa persona percepisce il Rap come una bestia nera? Ovviamente no. Ed è per questo che dico che la visione musicale è anche collegata a ciò che uno ascolta. E' inevitabilmente così. Non esiste l'oggettività assoluta, o avremmo per gli album tutti voti pressochè identici (voto più, voto meno). Ci sono dischi a cui alcuni critici hanno dato 4 stelle, altri solo 2. Questo giusto per renderti l'idea.
E sempre come già detto, la conoscenza della materia e la musica che si è soliti ascoltare, sono due fattori spesso collegati tra loro. Perchè se una persona si fossilizza solo sui generi che piacciono lei, allora la sua conoscenza della materia sarà inevitabilmente più ristretta e di conseguenza anche la visione musicale.

Per il K-Pop: tua opinione e la rispetto. Per me è un'ottima vocalist con grandi margini di miglioramento.
L'obiettivo di quel video era solo dimostrarvi che in quel genere c'è altro oltre il trash che sono soliti mostrare in giro. Si canta bene e c'è impegno nel fare qualcosa di buono come succede in qualsiasi altro genere. I minchioni poi stanno ovunque. Qui in Italia abbiamo avuto Il Pulcino Pio, che direi sia stato il punto più basso che la musica abbia mai avuto. Da quel che ho memoria. E sapere che quel pezzo è stato tradotto in più lingue, ottenendo successo nei paesi in cui è arrivato, mette davvero i brividi. Altro che i cartoni viventi del K-Pop. Almeno quelli fanno ridere.

La presunta innovatività c'è, ma è da voi non riconosciuta (e non si parla solo di spruzzatine) [SM=g27817]
Come dissi qualche post fa, ci sono due correnti di pensiero a tal proposito. L'una riconosce come innovativi solamente prodotti con un suono nuovo di zecca, privo di somiglianza con qualsiasi cosa passata. L'altra corrente di pensiero, accetta prodotti il cui nuovo sound somiglia al passato, ma ne è solo discendente, in quanto si parla di un genere contaminato (e ben amalgamato) con elementi di altri generi che prima non venivano usati per quel genere, oppure venivano usati, ma non avevano la stessa resa (perchè non venivano mescolati con la giusta dose).
Non sono io a dirlo. Ti puoi fare un giro sul web e constatarlo tu stessa. Lo stesso Mark faceva alcuni esempi quando si parlava di Kid Creole e Gamble & Huff. Sono due correnti di pensiero ben distinte. Lo si può constatare anche nei vari siti di musica specializzati.
[Modificato da Simone Jackson 08/05/2015 02.56]
Email Scheda Utente
Post: 543
Registrato il: 16/11/2013
Sesso: Maschile
Invincible Fan
OFFLINE
08/05/2015 05.53
 
Quota

Re: Re: Re: Re:
Simone Jackson, 08/05/2015 02:53:



cut





Come non dicono esattmente quello per cui stiamo discutendo?
Rolling Stone pare che risponda come ho fatto io a Vogel ("Cosa ha fatto Pet Sounds al rock che ha fatto OTW al r'n'b?), testuale: "Pet Sounds, aside from its importance as Brian Wilson's evolutionary compositional masterpiece, was the first rock record that can be considered a "concept album".

Poi mi citi Pitchfork, Slant, Sputnik (gli altri non li vedo, provo dopo con i blog di chi scrive lì) siti che dedicano circa trenta righe a Pet Sounds di frasi celebrative e nulla più, senza entrare nel merito del disco perché magari parlano di una riedizione, caso di Pitchfork, oppure non parlano proprio per nulla. Non perché non se ne parla non è vero il fatto.

Poi aggiungi che invece Ondarock parla proprio esplicitamente di primo concept album (una delle schede più complete su Pet Sounds a livello internazionale, bada bene) e di siti che ne parlano è pieno, digita pet sounds e concept e googla: ho qui ricavato da blog la lista dei 10 concept album della storia e cronologicamente Pet SOunds è il primo. A me sembra dunque che parlino esattamente come farei io. Tra parentesi, tutte queste reviews mettono Pet Sounds su un livello superiore a qualsiasi disco pop di MJ: visto che mi citi tu queste pagine, ricordiamoci di questa cosina e non facciamo finta di nulla quando servirà.

Ancora: nei miei primi messaggi avevo scritto chiaramente che "Pet sounds è un tentativo di concept" e sul punto specifico dell'anteriorità "Pet Sounds è (“sarebbe”, lunga storia qui ma sarebbe OT) il primo concept". Stai a ripetere le stesse cose che dico all'inizio e non capisco quindi questo pistolotto proto-esempi di concept da parte di Sinatra, quando avevo preventivato esplicitamente sin dall'inizio che c'era da discutere sul punto ma era OT, ed era tutto per evitare 'sto passaggio inutile. Serviva elencare le possibili eccezioni che avevo lasciato inespresse? E se proprio: se dobbiamo retrodatare come fa Scaruffi tanto per screditare i BBoys o il Sgt Pepper dei Beatles, fa bene allora Wikipedia a citare Guthrie quale progenitore, anteriore a sinatra (che proprio non mi va giù come ideatore di un concept, proprio per la sua caratteristica intrinseca principale)
Ma qui stiamo analizzando l'uscita di Vogel ed il parallelo OTW - Pet Sounds, quindi Sinatra non c'entra nulla perché qui parliamo solo di pop e rock nel solito modo, ovvero dalla nascita del rock in poi, e per cui se volevo pensare agli albori della musica americana per trovare protoesempi mi riferivo a Busby Berkley, Tin Pan Alley, la genesi del r'n'b e la sua reinterpretazione a Broadway. Ma appunto sono discorsi diversi e che qui non servono e che ci portano OT, esattamente come preventivato sopra. Quindi anora una volta: che c'entra il jazz o il folk??? La musica classica vive di album concept ma mica si tira fuori la classica per parlare di OTW e Pet Sounds?!

Ma se ti pare che Sinatra abbia fatto il primo concept o comunque anticipa i BB, sicuramente abbiamo un'idea diversa di concept, mi sembra chiaro. Un disco di sinatra è fatto da canzoni tradizionali, prese da autori che le hanno scritte in tempi diversi, con ispirazioni diverse, autori che nemmeno si conoscevano tra loro, che avevano in mente cose diverse mentre scrivevano il pezzo, si riferiscono a fatti e persone diverse, sono messe assieme dal produttore di Sinatra che avrebbe potuto scegliere altri pezzi e sarebbero andati bene lo stesso, e quel disco è un concept? A te pare di sì. A me pare una compilazione di pezzi sul solito argomento, e senza unità originaria: di concept, per me non c'è nulla.
Che poi per fare un concept ci vuole CON-SA-PE-VO-LEZ-ZA. Come per ogni forma d'arte, quella è la grande differenza che non dice un wikipedia. Quando Wilson scrive Pet Sounds vuole fare un concept, vuole fare qualcosa mai fatto prima. Sinatra non compone, non esegue, nemmeno li arrangia quei pezzi, se li trova già fatti e ci canta sopra, non ha proprio consapevolezza di cosa va a fare. Fosse per assurdo così, allora ora è stato il suo produttore a fare il primo concept. Se passasse l'idea che quell'album di Sinatra è il primo concept allora verranno fuori migliaia di concept anteriori, tanto è labile come origine: lo spartiacque fissato a Pet Sounds pare da sempre il più ragionevole possibile tra un prima e un dopo. Guarda caso, infatti, è da Pet Sounds che nascono centinaia di concept, tutti nei due o tre anni successivi a PS.

E basta: la domanda di vogel era proprio che cosa ha fatto al rock e per me risponde sopra Rolling Stone, Ondarock, tutti quei siti che quando parlano di Pet Sounds parlano di primo concept.

Scusa poi: prima metti un miliardo di numeri ogni settimana o quasi per stabilire quanti album, ep e videodischi vende MJ in Guatemala, in Guadalupe, nel Madagascar e in Vallonia. Poi spendi un zillione di tempo per documentare le modalità di conteggio dei cd in Pakistan e controlli i passaggi radiofonici, gli streaming e i download in Uzbekhistan e non metti il voto a thriller, Dark Side, Abbey ROad, V.U perché porta via tempo??? Perché dopo ne parliamo tanto? fosse così (e non è detto), non sarebbe nello scopo di un forum? è invece interessante leggere quanto vende MJ in Ukraina? Forse sì per qualcuno ma dubito ci si possa parlare a lungo.

Poche storie. Se sono tutti 4 o 5 stelle come mi pare di capire faresti, a parte che non sai fare una classifica tua se non sono numeri di vendite, ma tutto nella tua testa ha più o meno lo stesso valore o mi sbaglio? Relativizza e vediamo se l'innovazione dell'album "classico" 35 anni dopo vale quella di Pet Sounds come dice Vogel, qualunque cosa voglia dire. Una classifica in voti da /100 è la migliore, ma va forse bene anche una 0,0-10,0. C'è anche il thread apposito, l'ha aperto Mark Lanegan e io che non mi ricordavo nemmeno... [SM=g27835]
[Modificato da mark frankie teardrop 08/05/2015 10.08]
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]
"Chicago", una storia di amore e tradimento (3 messaggi, agg.: 22/05/2017 23.34)
Michael Jackson e quell'ombra del "colonialismo mentale" (2 messaggi, agg.: 23/05/2017 00.13)
La magia del Bad Tour nelle cronache del tempo (4 messaggi, agg.: 15/07/2017 23.13)
Processo 2005: il tradimento di Debbie Rowe (2 messaggi, agg.: 14/09/2017 23.02)
"Colpevole di aver amato" - da un testo scritto nel 2005 (1 messaggio, agg.: 29/09/2017 17.15)
Inside BAD: I Motivi del distacco tra MJ E Quincy Jones (1 messaggio, agg.: 20/12/2017 22.42)

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.4.4.2] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 16.28. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com